mercoledì, Novembre 25, 2020
Home > Italia > Milano: accoltella moglie, suocera e gatto. Poi tenta di togliersi la vita

Milano: accoltella moglie, suocera e gatto. Poi tenta di togliersi la vita

milano

MILANO – E’ stata sottoposta ad un intervento all’addome e al torace al Niguarda, è stata stabilizzata e attualmente risulta in prognosi riservata. La mamma della donna, poco più di 90 anni, risulta incece ricoverata presso l’ospedale di San Carlo Borromeo. Entrambe sono state trasportate in ospedale in gravissime condizioni.

La vicenda risale a questa mattina, quasi all’alba. L’uomo, 66 anni, ha colpito con diversi fendenti la moglie e la suocera, senza risparmiare neanche il gatto. E’ stato lui ad alertare i soccorritori e le forze dell’ordine, dichiarando quanto accaduto. Dopo aver compiuto il terribile gesto, si è inferto alcune coltellate, non di effettiva gravità.

L’uomo è stato infatti trasportato al Niguarda in codice verde. Si stanno valutando al momento doverse ipotesi relativamente alle cause che avrebbero condotto il 66enne a tentare di uccidere moglie e suocera. Tra le più accreditate quella che siano state le recenti misure restrittive derivate dall’emergenza sanitaria a far esacerbare gli animi e a portare l’uomo alla disperazione, anche se non si eclude per lui un’analisi approfondita di tipo psichiatrico. Il duplice tentato omicidio si è consumato al primo piano di una palazzina bassa dai muri rossi, al civico 29 di via Lambruschini, in zona Bovisa, alle spalle del Politecnico di Milano. 

Lui è un uomo di 66 anni, operaio in pensione. La suocera viveva con la coppia per comprovati problemi di salute.  Per quanto riguarda il gatto, pare sia stato affidato alle cure dei veterinari dell’Ats. Dopo l’assurdo gesto, l’uomo ha quindi tentato di togliersi la vita. All’apparenza un nucleo familiare tranquillo, anche se da tempo si rilevavano litigi in casa, soprattuto con l’naziana donna. Ma, allo stato, non esistono riscontri in relazione al fatto che a provocare la scintilla siano state le recenti misure restrittive legate alla pandemia da Coronavirus. Il 66enne si trova attualmente piantonato dai carabinieri al Niguarda.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *