giovedì, Gennaio 21, 2021
Home > Abruzzo > Cura Abruzzo, Giunta: ok a fondi per Comuni ex zone rosse

Cura Abruzzo, Giunta: ok a fondi per Comuni ex zone rosse

abruzzo

Cura Abruzzo, Giunta: ok a fondi per Comuni ex zone rosse

PESCARA – Per i giorni di chiusura delle attività nei comuni ricadenti nelle zone rosse, disposte tra marzo e aprile con le ordinanze del Presidente della Giunta regionale, sono pronti i ristori per un ammontare di 240 mila euro. Lo ha deciso la Giunta regionale che ha approvato la proposta del presidente Marco Marsilio.

I dodici comuni, Arsita (18.104 euro), Bisenti (20.909 euro), Castiglione Messer Raimondo (21.878 euro), Castilenti (19.655 euro), Montefino (18.598 euro), Civitella Casanova (15.526 euro), Elice (18.432 euro), Farindola (17.710 euro), Montebello di Bertona (16.376 euro), Penne (46.351 euro), Picciano (11.958 euro), Frazione Villa Caldari di Ortona (14.499 euro), hanno affrontato un totale di 395 giorni di chiusura.

Soddisfazione per questo tassello che “concretizza la politica di sostegno del Governo regionale e attua le misure individuate con le leggi Cura Abruzzo 1 e 2”, è stata espressa da Marsilio. “Sosteniamo l’Abruzzo senza che il Governo nazionale abbia stanziato fondi aggiuntivi ma grazie al coraggio, alla prontezza e alla lungimiranza della strategia regionale nel bloccare la scure dello Stato sulle risorse non spese dal territorio che stavano per andare perdute.

Nonostante le critiche delle forze di opposizione e di quei soggetti attuatori finiti nella lista nera degli inadempienti abbiamo perseguito la strada, seppure burocraticamente lunga, che attraverso la riprogrammazione e l’accordo con i Ministeri, ha reso fruibile queste somme che ora mettiamo immediatamente a disposizione del territorio. Tutti i ristori della Regione, a partire dal bonus famiglia – ha concluso il Presidente -, sono possibili grazie al tesoretto che il Governo regionale ha salvato, in barba al lassismo di coloro che non hanno mai realizzato quello che era stato promesso agli abruzzesi, danneggiandoli due volte”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *