venerdì, Dicembre 3, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Henry G. Harris del 3 dicembre alle 15.45 su RAI 5: “L’eredità”

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Henry G. Harris del 3 dicembre alle 15.45 su RAI 5: “L’eredità”

l'eredità

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Henry G. Harris del 3 dicembre alle 15.45 su RAI 5: “L’eredità”

Per il Grande Teatro in TV di Henry G. Harris va in onda oggi giovedì 3 dicembre alle 15.45 su Rai 5 l’opera teatrale “L’eredità” nella versione andata in onda nell’ottobre 1970 sulla Rai con la regia di Carlo Di Stefano e la interpretazione di Bice Valori, Francesco Mulè, Lia Zoppelli, Manlio Guardabassi, Mico Cundari e Paolo Panelli.

Sir Augustus Henry Glossop Harris (18 marzo 1852-22 giugno 1896) era un attore, impresario e drammaturgo britannico , una figura dominante nel teatro del West End degli anni 1880 e 1890.

Nato in una famiglia teatrale, Harris ha intrapreso per breve tempo una carriera commerciale prima di diventare un attore e successivamente un direttore di scena . All’età di 27 anni divenne il locatario del grande Theatre Royal, Drury Lane , dove montò melodrammi popolari e pantomime annuali su scala grandiosa e spettacolare. Le pantomime hanno caratterizzato le principali star del music hall come Dan Leno , Marie Lloyd , Little Tich e Vesta Tilley . I profitti di queste produzioni hanno sovvenzionato la sua operastagioni, altrettanto sontuose, interpretate da protagoniste e con un repertorio innovativo. Ha presentato la prima produzione britannica di Die Meistersinger e la prima produzione al di fuori della Germania di Tristan und Isolde , e ha rivitalizzato la messa in scena di classici affermati.

Harris rimase in carica a Drury Lane per il resto della sua vita e nel 1888 si assunse l’ulteriore responsabilità di dirigere la Royal Italian Opera House, Covent Garden , modernizzarne le produzioni e il repertorio e abbandonare la vecchia convenzione che tutte le opere, indipendentemente dalla loro nazionalità , sono state cantate in italiano. Nel 1892 cambiò il nome del teatro in The Royal Opera House. Sia a Drury Lane che a Covent Garden ingaggiò gli artisti più ammirati, tra cui Hans Richter e Gustav Mahler come direttori, ed Emma Albani , Nellie Melba , Adelina Patti , Jean e Édouard de Reszke e Victor Maurel tra i cantanti.

Nel 1892 Harris rilevò il fallito Royal English Opera House e lo trasformò in un music hall di successo con il nuovo nome The Palace Theatre of Varieties. Era attivo negli affari civici, membro del nuovo London County Council , sceriffo della City of London e prominente massone . La sua salute cedette sotto la pressione delle sue molteplici attività e dopo una breve malattia morì all’età di 44 anni.

Harris proveniva da una famiglia musicale e teatrale. Suo nonno paterno, Joseph Glossop (1793–1850), fu più volte direttore del Royal Coburg Theatre di Londra (in seguito noto come Old Vic), La Scala, Milano e il Teatro di San Carlo , Napoli ; [2] sua nonna paterna, Elizabeth Feron (1797-1853), era un soprano popolare , soprannominato “The English Catalani “; [3] suo padre, Augustus Glossop Harris (1825–1873), era un importante direttore di scena , [n 1] e sua madre, Maria Ann, nataBone, era ben noto come costumista teatrale con il nome di “Madame Alias”. [5] [6] Augustus senior e sua moglie ebbero cinque figli, tutti legati al teatro. [n 2] Harris nacque il 18 marzo 1852 in Rue Taitbout, Parigi, vicino alla Salle Ventadour , dove suo padre era direttore di scena della compagnia d’opera Comédie-Italienne . [5] [6]

Il giovane Harris ha studiato a Londra e poi, dall’età di 12 anni, a Parigi al Lycée Chaptal e all’accademia di musica L’École Niedermeyer . [5] [10] Gli amici che fece allora includevano il compositore Gabriel Fauré , l’editore musicale Louis Brandus, il direttore dell’opera Léon Carvalho , il suo futuro cognato Horace Sedger e il soprano Adelina Patti . [10] [11] Completò la sua formazione ad Hannover per imparare il tedesco, dopo di che entrò nella società finanziaria Emile Erlanger & Co. e poi nella casa parigina di Tiffany . [12]Dopo la morte di suo padre nel 1873, Harris abbandonò il commercio (“Non vedevo prospettive nella ‘guida delle penne'”) [12] e seguì la vocazione teatrale della famiglia. Ha debuttato come attore nel ruolo di Malcolm in Macbeth nel settembre 1873 al Theatre Royal, Manchester , in una compagnia guidata da WH Pennington , Geneviève Ward e Tom Swinbourne. [5] [13] Secondo il suo biografo JP Wearing ha seguito questo con ruoli giovanili e comici leggeri nella compagnia di Barry Sullivan all’Anfiteatro, Liverpool . [1]

L’impresario dell’opera JH Mapleson ingaggiò Harris come assistente del direttore di scena e fu ben presto sufficientemente impressionato da affidargli la responsabilità esclusiva della sua compagnia lirica italiana. [1] Harris è andato in tour con la compagnia di Mapleson come direttore di scena, insieme a suo fratello minore Charles, più noto in seguito come direttore di scena di Richard D’Oyly Carte . [14] [n 3] Nel 1876 Harris fu nominato direttore di scena residente al Prince’s Theatre, Manchester , [16] e alla fine di quell’anno, quando mise in scena la pantomima Sindbad [ sic ] il marinaio per Charles Wyndham alCrystal Palace , si era stabilito una grande reputazione: un recensore ha scritto che la direzione non poteva avere un direttore di scena migliore di Harris. [17]

Harris ha continuato ad apparire come attore. Nel 1877 Wyndham lo scelse come protagonista giovanile in The Pink Dominos al Criterion Theatre nel West End. [18] Ha funzionato per 555 spettacoli, di cui Harris non ne ha perso uno. [5] Era un attore competente, ma il suo talento e la sua inclinazione lo spingevano verso il management. Nel 1879, vedendo che l’enorme Theatre Royal, Drury Lane era chiuso e vuoto, decise di riaprirlo. Aveva pochi soldi ma raccolse abbastanza fondi da amici, compreso il suo futuro suocero, per acquisire l’affitto. Non è stato immediatamente in grado di montare una sua produzione e in un primo momento ha subaffittato il teatro a George Rignold, che ha presentato e recitato in una spettacolare produzione di Henry V , che ha perso denaro, aggiungendo alla reputazione di Drury Lane una casa non redditizia. [5]

Harris ha seguito la produzione di Rignold con la prima delle sue pantomime di Drury Lane, Barbablù , scritta da “The Brothers Grinn” ( EL Blanchard e TL Greenwood), riccamente montata, ben recensita e finanziariamente di successo. [5] Dopo una breve stagione di Shakespeare, presentata dalla compagnia di Marie Litton , Harris mise in scena la prima della sua serie di melodrammi , The World(Luglio 1880), che ha co-scritto, messo in scena e interpretato (Indossando commenti, “non ha mai preso le cose alla leggera”). Ha stabilito uno schema di melodrammi redditizi alla fine dell’estate e in autunno e pantomime ancora più redditizie in inverno, il che ha sovvenzionato le stagioni culturalmente ambiziose che ha presentato in primavera e all’inizio dell’estate. Nelle sue pantomime Harris presentava le migliori star del music-hall : Marie Lloyd , Kate Santley e Vesta Tilley tra le donne interpreti e Herbert Campbell , Dan Leno , Arthur Roberts e Little Tich tra gli uomini. [5]Alcuni critici sostenevano che Harris avesse volgarizzato la pantomima importando turni da music hall, in particolare comici stravaganti, ma la storica del teatro Phyllis Hartnoll scrive che “aveva un debole per il vecchio arlecchino , prevedendogli scenari e macchinari sontuosi e ingaggiando clown eccellenti e acrobati “. [19]

Nel 1881 Harris sposò Florence Edgcumbe Rendle (1859-1914). Ebbero una figlia, Florence Nellie (1884-1931), che sposò l’attore Frank Cellier nel 1910. [5] [20]

Le ambiziose stagioni di alta cultura di Harris includevano la compagnia del teatro Meiningen Court nel 1881, con un repertorio di opere teatrali tedesche e Shakespeare in traduzioni tedesche, e l’anno successivo Adelaide Ristori e Rignold a Macbeth . [21] Nel 1882 Harris ingaggiò importanti cantanti tedeschi e il direttore d’orchestra Hans Richter per una stagione di opere tedesche che includevano le prime esecuzioni britanniche di Die Meistersinger e la prima produzione al di fuori della Germania di Tristan und Isolde . [5] [22] Nel corso dei quattro anni successivi ha ospitato la Carl Rosa Opera CompanyStagioni liriche in inglese, e ha anche presentato stagioni operistiche cantate nelle lingue originali da celebri cantanti internazionali. Le sue produzioni contribuirono molto a rivitalizzare la presentazione dell’opera italiana a Londra, che per alcuni anni era consistita principalmente in esibizione vocale e poca coerenza drammatica. [23] Harris nel 1889 da ” Spy “

La stagione lirica del 1887 a Drury Lane celebrò il giubileo d’oro della regina Vittoria presentando un cast internazionale particolarmente stellato, tra cui Jean de Reszke , Édouard de Reszke , Victor Maurel , Minnie Hauk e Lilian Nordica . Il repertorio era italiano ( Il barbiere di Siviglia , La traviata e Rigoletto ), francese ( Les Huguenots , Faust e Carmen ) e tedesco o austriaco ( Don Giovanni e Lohengrin ). [24]Indossando commenti che la stagione è stata un successo artistico e sociale, ma ha perso 10.000 sterline. [5]

Oltre all’opera, Harris presentò un serio dramma non musicale, comprese le stagioni della Comédie-Française (1893), Eleonora Duse (1895) e la compagnia della corte ducale di Sassonia-Coburgo e Gotha (1895). [5]

Nel 1888 Harris era così strettamente identificato con il suo teatro che era popolarmente conosciuto come “Druriolanus”. [5] Rimase in carica a Drury Lane per il resto della sua vita, ma dovette fare i conti con le stagioni liriche rivali della Royal Italian Opera House, Covent Garden (gestita da Antonio Lago) e Her Majesty’s Theatre (gestita da Mapleson ), ha concluso che “a Londra c’è spazio per una sola impresa operistica alla volta” e che dovrebbe rilevare Covent Garden. [25] Radunò un sindacato di sostenitori influenti tra cui Lord Charles Beresford , Earl de Grey e Henry Chaplin e rilevò l’affitto della casa all’inizio del 1888. [26]Da maggio a luglio ha presentato una stagione di dieci settimane con Luigi Mancinelli e Alberto Randegger come direttori e 21 cantanti di primo piano tra cui Emma Albani , i de Reszkes, Hauk, Nordica e Nellie Melba al suo debutto londinese. [27] Il repertorio consisteva in 19 opere, iniziando con Lucrezia Borgia e finendo con Les Huguenots . [n 4] Punch cartoon, 1895 con Albani , Melba e altre star nel menu

Non ci fu una stagione lirica rivale nel 1888, ma Mapleson organizzò una stagione italiana da Sua Maestà l’anno successivo. I suoi cast mediocri, il repertorio convenzionale e le produzioni antiquate non hanno attirato il pubblico; [28] Al contrario, Harris ha attratto un pubblico numeroso con star di alto livello e opere come Die Meistersinger mai viste prima al Covent Garden. [29] [n 5] Avviò anche una riforma fondamentale e duratura della politica linguistica della casa. In linea con il suo titolo “Royal Italian Opera House”, opere di qualsiasi nazionalità sono state cantate in italiano, tra cui Carmen e Die Zauberflöte (“Il flauto magico”). [31]Sebbene 21 delle 22 opere della stagione 1889 di Harris siano state cantate in italiano, tra cui Die Meistersinger e Les Huguenots , Roméo et Juliette di Gounod è stata cantata in francese, un’innovazione molto rimarcata dalla stampa. [32] La decisione di Harris fu ampiamente lodata; [32] Il Times ha detto:L’audace esperimento del signor Harris di produrre Roméo et Juliette nella sua lingua originale è stato coronato, sabato sera, da un completo successo. Che un’opera musicale di qualsiasi tipo guadagni essendo ascoltata nella lingua intesa dal suo compositore non sarà contestato. … Il solo fatto che il valore delle note non venga alterato per soddisfare le esigenze di una lingua straniera è di per sé un grande vantaggio. Come si è scoperto, tuttavia, questo era un punto di minore interesse nello spettacolo, rispetto, non solo con le sontuose decorazioni e costumi, ma con il cast straordinariamente raffinato, che sarebbe stato impossibile rafforzare in alcun modo. [33]

Harris ha continuato con la sua politica di calchi stellati, messa in scena impressionante e testi cantati nella loro lingua originale – una pratica che divenne nota come “il sistema cosmopolita”. [34] Nel 1892, quando ingaggiò Gustav Mahler per dirigere la prima britannica di The Ring , [n 6] era diventata la norma a Covent Garden, [34] ed è rimasta tale (ad eccezione della fine degli anni Quaranta e Cinquanta , quando l’opera in inglese era la politica generale della casa). [36] [n 7] Per riflettere la nuova realtà l ‘”italiano” fu eliminato dal nome del teatro dell’opera nello stesso anno. [38]Quando non c’era spazio negli orari di Covent Garden per un nuovo lavoro che preferiva, affittò un altro teatro per lo scopo. [n 8] Al Covent Garden, come in precedenza a Drury Lane, Harris desiderava presentare nuovi lavori; la sua stagione 1894 compresa la prima mondiale di Massenet ‘s La Navarraise e le prime britanniche di di Massenet Werther , Puccini ‘ s Manon Lescaut e di Verdi s’ Falstaff . [40]Rese l’auditorium della Royal Opera House sia più luminoso che più scuro: introdusse l’illuminazione elettrica nel 1892 e istituì la pratica di abbassare completamente le luci della casa durante le esibizioni, con disappunto di coloro che occupavano i posti costosi che erano abituati a dirigere la loro attenzione ai loro colleghi operago tanto quanto all’opera. [30]

Harris ha avuto un ruolo nella breve storia del progetto abortito di Richard D’Oyly Carte, The Royal English Opera House . Carte commissionò il teatro e lo aprì nel 1891 con l’ opera romantica Ivanhoe di Arthur Sullivan , che andò eccezionalmente bene (161 rappresentazioni); ha seguito con André Messager s’ Il Basoche , per il quale Harris adattato il dialogo originale francese in inglese. Nonostante le recensioni entusiastiche, il Basoche ha avuto solo 61 spettacoli. [41] Non essendo riuscito a commissionare un’opera per sostituirla, Carte alla fine vendette il teatro, in perdita, a una compagnia formata da Harris per gestirlo come un music hall . [n 9]Ha riaperto nel dicembre 1892, dopo alcuni lavori di ristrutturazione, come The Palace Theatre of Varieties . Dopo averlo gestito per un anno, Harris ha nominato il veterano Charles Morton – “il padre delle sale” [43] – come manager. Morton, sebbene fosse più anziano di più di trent’anni, continuò a gestire il palazzo con successo per otto anni dopo la morte di Harris. [44]