sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Italia > Il nuovo ceppo del Coronavirus approda in Italia

Il nuovo ceppo del Coronavirus approda in Italia

nuovo ceppo

Il nuovo ceppo del Coronavirus approda in Italia

L’Italia ha rilevato il nuovo ceppo del coronavirus in un paziente arrivato da poco nel Paese dal Regno Unito.

Il paziente era atterrato all’aeroporto di Roma Fiumicino ed è ora in quarantena, secondo quanto confermato dal ministero della Salute.

Diversi paesi europei, tra cui l’Italia, hanno vietato i voli da e per il Regno Unito dopo che il paese ha annunciato che un nuovo ceppo del virus si stava diffondendo a Londra e nel sud dell’Inghilterra.

Con il nuovo ceppo di coronavirus che registra un numero crescente di casi, nuove restrizioni riguarderanno Londra, il sud-est e l’est dell’Inghilterra.

Il segretario britannico alla sanità Matt Hancock ha anche affermato domenica che il nuovo ceppo di coronavirus è “fuori controllo”.

Secondo i dati ufficiali, oltre 1.100 persone nel Regno Unito sono state infettate dal nuovo ceppo del virus.

“Non ci sono evidenze – ha spiegato Boris Johnson – che la variante provochi malattie più gravi o mortalità più alta, ma sembra che sia trasmessa più facilmente. Anche se c’è una notevole incertezza, può essere trasmissibile fino al 70 % in più rispetto alla vecchia variante. Il Regno Unito ha di gran lunga la migliore capacità di sequenziamento genomico del mondo, il che significa che siamo più in grado di identificare nuovi ceppi come questo rispetto a qualsiasi altro paese.

Mentre siamo abbastanza certi che la variante venga trasmessa più velocemente, non ci sono prove che indichino che sia più letale o che provochi malattie più gravi. Allo stesso modo non ci sono prove che suggeriscano che il vaccino sarà meno efficace contro la nuova variante.I nostri esperti continueranno il loro lavoro per migliorare la nostra comprensione della variante. Quindi stiamo imparando di più su questa variante mentre andiamo.

Ma sappiamo già abbastanza da essere sicuri di dover agire ora. Viste le prime prove che abbiamo su questa nuova variante del virus, e il potenziale rischio che comporta, è con il cuore pesante che devo dirvi che non possiamo trascorrere il Natale come previsto. Come vostro Primo Ministro, credo sinceramente che non ci sia alternativa. Senza azione, l’evidenza suggerisce che i contagi si liberebbero, gli ospedali sarebbero sopraffatti e molte altre migliaia perderebbero la vita.Voglio sottolineare che non siamo soli in questa lotta: molti dei nostri amici e vicini europei sono costretti ad intraprendere azioni simili.

Stiamo lavorando a stretto contatto con le amministrazioni devolute per proteggere le persone in ogni parte del Regno Unito.Naturalmente ora c’è la speranza – la speranza vera – che ci libereremo presto di questo virus.Questa prospettiva cresce con ogni giorno che passa e con ogni dose di vaccino somministrata”.

La variante inglese del coronavirus gira da un mese: tre campioni danesi e uno australiano, prelevati a novembre, sono infatti collegati al focolaio inglese provocato dal ceppo mutato. Lo riferisce Ecdc, il Centro Ue per il controllo delle malattie, che spiega anche:avere trovato questi campioni indica che del ceppo si è già “verificata una diffusione internazionale, anche se non se ne conosce l’estensione”. Da qui l’esortazione di Ecdc ai Paesi Ue a isolare in fretta il virus mutato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net