venerdì, Marzo 5, 2021
Home > Italia > L’Avri chiede l’intitolazione di una via a Pamela Mastropietro

L’Avri chiede l’intitolazione di una via a Pamela Mastropietro

pamela mastropietro

Pamela Mastropietro, l’Associazione Vttime Riunite d’Italia (AVRI) chiede all’Amministrazione comunale di Macerata l’intitolazione di una via, una piazza, un parco in memoria della 18enne

Nelle scorse settimane, l’Associazione Vittime Riunite d’Italia – nata con lo scopo di dare sostegno legale, psicologico alle Vittime e alle loro famiglie, oltre che collaborare, con iniziative legislative per sollecitare le Istituzioni a correggere le normative che rappresentano impedimenti alle Vittime ad ottenere le loro giuste garanzie di tutela – si è resa promotrice di “questa iniziativa di giustizia e uguaglianza, senza sposare nessun tipo di etichetta di colore partitico, augurandosi che possa essere condivisa e sostenuta da tutte le persone, movimenti, liste e partiti, che credono nei diritti della memoria delle Vittime”.

“Pertanto – si legge nella nota ufficiale – abbiamo chiesto con una comunicazione formale al Sig. Sindaco e all’amministrazione comunale di Macerata, di sostenere questa proposta, individuando una strada, una piazza, un parco, un area, da intitolare con la seguente dicitura “Pamela Mastropietro – Vittima della violenza”.Un atto importate per la memoria di Pamela e di tutte le Vittime. Un atto che serve a dimostrare che non ci sono Vittime di seria A e Vittime di serie B, ma solo Vittime che vanno ricordate.Un iniziativa forte, che serve ad alzare ancora di più la voce unitaria di tutti noi, (cittadini, associazioni e istituzioni) contro ogni tipo di violenza e che ci auguriamo, possa essere il più possibile condivisa, per essere tutti protagonisti di questa iniziativa in ricordo della memoria e della dignità delle Vittime e delle loro famiglie”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *