mercoledì, Marzo 3, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Nel nome di Antea” il 18 gennaio alle 22.10 su Rai 5: il patrimonio salvato dalla guerra

Anticipazioni per “Nel nome di Antea” il 18 gennaio alle 22.10 su Rai 5: il patrimonio salvato dalla guerra

nel nome di antea

Anticipazioni per “Nel nome di Antea” il 18 gennaio alle 22.10 su Rai 5: il patrimonio salvato dalla guerra

(none)

Il generale Mark Clark, comandante delle truppe americane durante la campagna d’Italia nella Seconda Guerra Mondiale, disse che fare la guerra nel nostro Paese era come combattere in “un maledetto museo”. Guerra e arte: due parole che sembra impossibile far convivere. Ma non sempre è stato così. Merito dei molti, spesso dimenticati, che – come dei “Monuments Men” di casa nostra – hanno rischiato la vita per salvare le opere d’arte dalla distruzione. Un coraggio fatto rivivere da Massimo Martella in “Nel nome di Antea”, in onda lunedì 18 gennaio alle 22.10 su Rai Storia. Il documentario racconta storie come quella del salvataggio messo in atto da un pugno di giovani funzionari italiani delle Belle Arti, la cui coraggiosa dedizione è rimasta nell’ombra fino a pochi anni fa, o quelle di Pasquale Rotondi, che in due rifugi nelle Marche mise in salvo migliaia di opere del Nord Italia; e di alcuni funzionari ministeriali come Lavagnino, Argan, Lazzari che, pur privati di ogni incarico dal nuovo governo della Repubblica Sociale Italiana, riuscirono a salvare parte del patrimonio artistico all’interno del Vaticano. Ma ci sono anche l’odissea delle opere d’arte napoletane, portate via da Montecassino dove erano nascoste, poco prima che l’abbazia venisse rasa al suolo, e dei capolavori dei musei fiorentini, trafugati dai nazisti e recuperati prima che passassero il confine. 
Protagoniste, inoltre, due giovani studiose, Palma Bucarelli e Fernanda Wittgens, che unendo competenza e sprezzo del pericolo salvarono i capolavori loro affidati. 
Obiettivo, infine, sui tentativi di restaurare ciò che sembrava irrimediabilmente perduto e, anche se non tutto si è salvato, è grazie al lavoro silenzioso di molti che è oggi possibile ammirare e mostrare al mondo i Caravaggio, i Giorgione, i Raffaello. Quel “maledetto museo”, oggi, è sopravvissuto e se da un lato continua a raccontare la storia della nostra identità, dall’altro trasmette immutato il valore universale della bellezza.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *