domenica, Marzo 7, 2021
Home > Italia > Partite Iva, lettera al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio

Partite Iva, lettera al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio

partite iva

Partite Iva, lettera al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio

Riportiamo la lettera inoltrata dall’On. Eugenio Filograna, ex Senatore della Repubblica Italiana, Pres. di Autonomi e Partite IVA al Presidente della Repubblica – Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio – Giuseppe Conte
a tutte le Amministrazioni Locali: Regioni, Città Metropolitane, Province e Comuni.

“Il Movimento Politico AUTONOMI E PARTITE IVA si rappresenta come un UNICO CORPO SOCIALE di Autonomi, Professionisti, Imprenditori, Aziende e tutti i loro dipendenti. AUTONOMI E PARTITE IVA si è costituito spontaneamente per difendere la LIBERA INIZIATIVA in ITALIA, reperire le risorse finanziarie necessarie alla ripresa ed allo sviluppo economico e cambiare radicalmente le condizioni culturali e politiche nelle quali svolgere le attività.

Servono un’equa tassazione e contribuzione, meno adempimenti urocratici, efficienza della P.A., ed il venir meno del pregiudizio culturale che discrimina ed ostacola ogni Autonomo e Partita IVA. Questi sono gli obbiettivi principali che il Movimento si propone attraverso l’AUTORAPPRESENTANZA POLITICA di Imprenditori, Avvocati, Agricoltori, Commercialisti, Consulenti, Pescatori, Medici e Infermieri, Artigiani, Commercianti, Ambulanti e Fieristi, Agenti di Commercio e Mediatori Finanziari, Artisti e Operatori del mondo dello spettacolo ecc., un esercito di milioni di persone che comprende tutti colori che “appartengono” al mondo produttivo e sono compresi nei codici ATECO, inclusi anche dipendenti e familiari, così come coloro che hanno dovuto chiudere la loro attività o non hanno potuto aprire la loro Partita IVA.

Noi, AUTONOMI E PARTITE IVA siamo il fulcro dell’economia, coloro che producono reddito e PIL, la fonte dalla quale sgorgano tutte le risorse necessarie per i servizi pubblici dello Stato, dalla Sanità alla Sicurezza, dalla
Giustizia all’Istruzione ecc.; da tutto ciò derivano le risorse per tutti i provvedimenti assistenziali ordinari e straordinari, i ristori e la Cassa Integrazione e proprio questo fulcro ora si sta spegnendo perché non riceve il giusto ritorno delle risorse che produce; e non solo in questo momento di emergenza, ma ormai da anni. La situazione è drammatica: le Partite IVA italiane si erano già ridotte da 8 a 5 milioni negli anni precedenti all’emergenza COVID-19 e attualmente stanno continuando a chiudere a centinaia di migliaia.

Se scompare la Partita IVA italiana scompare l’economia dell’intero Paese. Per contrastare questa situazione drammatica, sono necessari strumenti specifici e per questo Noi AUTONOMI E PARTITE IVA chiediamo l’immediata istituzione del MINISTERO DEGLI AUTONOMI E DELLE PARTITE IVA
(a cui vogliamo partecipare) e corrispondenti ASSESSORATI DEGLI AUTONOMI E PARTITE IVA (a cui vogliamo partecipare).
In ogni amministrazione locale, a partire dalle Regioni fino ai Comuni.
Servono urgenti e strutturali provvedimenti, adeguati ed efficaci per salvaguardare il cuore pulsante dell’economia italiana, fatti da addetti ai lavori. Tutto ciò è assolutamente necessario sia per affrontare questa
situazione di emergenza e risanare il bilancio dello Stato, sia per un presente e un futuro migliori”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *