domenica, Marzo 7, 2021
Home > Marche > False autocertificazioni per non pagare il ticket: cinque sanzioni dalla Guardia di Finanza

False autocertificazioni per non pagare il ticket: cinque sanzioni dalla Guardia di Finanza

false autocertificazioni

False autocertificazioni per non pagare il ticket: cinque sanzioni dalla Guardia di Finanza

Fermo – Credevano di farla franca autocertificando la riscossione di redditi di gran lunga inferiori rispetto a quelli effettivamente conseguiti. I finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Fermo hanno scoperto 5 persone beneficiare indebitamente dell’“esenzione ticket”, prestazione sociale agevolata introdotta per le categorie più bisognose ed accessibile previo rispetto di alcuni requisiti.

Gli accertamenti condotti hanno svelato che i 5 soggetti, tutti ultracinquantenni, hanno omesso di autocertificare una parte dei redditi percepiti nel 2015, allo scopo di procurarsi prestazioni sanitarie gratuite nel corso del 2016. Le false attestazioni hanno aggirato i paletti fissati dalla legge 24/12/1993, n. 537, in materia di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria, la quale, in presenza di alcune condizioni personali e sociali associate a determinate situazioni reddituali, prevede il diritto all’esonero alla contribuzione del costo (ticket) sulle prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e sulle altre prestazioni specialistiche ambulatoriali.

Più in particolare, attraverso l’incrocio dei dati e delle notizie in possesso dei finanzieri con le informazioni fornite dalle banche dati, è stato possibile circoscrivere l’indagine, tra i residenti nella Provincia di Fermo, ad una ristretta platea di contribuenti connotati da specifici alert, individuati nell’ambito di un’analisi di rischio predisposta, a livello centrale, dal Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie di Roma. Tale Reparto Speciale della Guardia di Finanza è deputato, tra l’altro, all’elaborazione di percorsi operativi capaci di segnalare posizioni a rischio di truffe al Sistema Sanitario Nazionale attraverso l’individuazione di nominativi di soggetti redditualmente incoerenti rispetto all’esenzione richiesta.

L’attività di servizio, tuttora in corso, ha consentito di contestare le relative sanzioni pecuniarie ai responsabili, comprensive delle somme indebitamente percepite, delle penali e degli interessi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Roberto Guidotti
Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti delle Marche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *