giovedì, Marzo 4, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 7 febbraio 2021: Palamara bis e governo Draghi

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 7 febbraio 2021: Palamara bis e governo Draghi

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 21 febbraio 2021

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 7 febbraio 2021: Palamara bis e governo Draghi

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 31 gennaio 2021

Questa sera, a partire dalle 20.30, su La7, tornerà sugli schermi l’amata trasmissione Non è l’Arena, condotta da Massimo Giletti che, come sempre, tratterà i temi più scottanti dell’emergenza sanitaria, politica e sociale.

Nel corso di questa puntata, tornerà, dopo essere intervenuto in studio il 31 gennaio, l’ex magistrato Luca Palamara. L’ex membro del CSM parlerà ancora infatti a Non è l’Arena del “Sistema” delle correnti della magistratura che avrebbe influenzato la politica italiana e il mondo degli affari in questi anni.

Nel 2019 e nel 2020 la stampa riportò notizie su inchieste giudiziarie che lo riguardavano, in particolare sul suo ruolo di mediatore tra le correnti della magistratura, nello specifico, nell’assegnazione di incarichi di rilievo, come quello di Procuratore della Repubblica.

Palamara riconobbe di aver rivestito questo ruolo in un’intervista rilasciata a Massimo Giletti durante la trasmissione Non è l’Arena del 31 maggio 2020, sostenendo che erano in molti a fare da mediatori, e che i mediatori agivano all’interno del sistema delle correnti in magistratura.

Durante l’intervista Palamara dichiarò: “Sono qui perché ho il dovere di chiarire tutto. Non ho inventato io le correnti. Essere identificato come male assoluto può fare comodo a qualcuno. Io mediavo tra le singole correnti dell’Anm.

Non esisteva solo un unico Palamara, esistevano tanti mediatori. Mi chiamavano tantissime persone, avevo una funzione di rappresentanza, ero diventato una figura di riferimento per molti colleghi, ma non per fare cose illecite. E questo ha partorito nomine di magistrati di assoluto livello. Tutti erano frutto di un accordo”. E ha aggiunto: “I posti di Procuratore della Repubblica sono molto ambiti, sono posti di potere. È vero che il sistema delle correnti penalizza chi non vi appartiene. Negare che le correnti siano una scorciatoia è una bugia. Le correnti della magistratura nel CSM hanno un peso preponderante. Il politico dall’esterno non può incidere sui magistrati, ma questo sistema favorisce una commistione”.

Il ruolo svolto da Palamara all’interno del sistema delle correnti della magistratura è emerso dall’intercettazione di sue conversazioni captate da un trojan inoculato dagli inquirenti sul suo smartphone.

Ospiti in studio l’attuale sindaco di Napoli Luigi De Magistris e la giornalista Sandra Amurri.

E ancora si parlerà del governo Draghi, relativamente al quale la prossima settimana si svolgerà il secondo ciclo di consultazioni.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha infatti conferito al Professor Mario Draghi l’incarico di formare il governo. Il professor Draghi si è riservato di accettare.

“Ringrazio – ha dichiarato – il Presidente della Repubblica per la fiducia che mi ha voluto accordare E’ un momento difficile, il Presidente ha ricordato la grave crisi sanitaria. La consapevolezza dell’emergenza richiede risposte all’altezza della situazione. Abbiamo a disposizione le risorse straordinarie dell’Unione Europea, e la possibilità di fare molto. Sono fiducioso sulla possibilità che dal confronto con i partiti e le forze sociali emerga unità per dare una risposta positiva e responsabile all’emergenza. Scioglierò la riserva non appena copncluse le consultazioni”.

Ora si tratta di vedere quali forze politiche lo appoggeranno. Ospiti in studio: Pierpaolo Sileri, Vittorio Sgarbi, Gian Luigi Paragone e Peter Gomez. 

Appuntamento questa sera su La7, quindi, per una nuova eplosiva puntata di Non è l’Arena.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *