lunedì, Novembre 29, 2021
Home > Sport in Pillole > Padre contro figlio: questo ed altro nel derby Cus Ancona – Recanatese

Padre contro figlio: questo ed altro nel derby Cus Ancona – Recanatese

padre contro figlio

Padre contro figlio: questo ed altro nel derby Cus Ancona – Recanatese

Allenamento di rifinitura nel pomeriggio di ieri, lunedì 7 febbraio, poi a distanza di 24 ore derby in casa con la Recanatese calcio d’inizio ore 20. Dopo aver vinto a Terni ottavo successo consecutivo il Cus Ancona tornerà di nuovo in campo per affrontare la Recanatese.

Al momento i dorici sono in testa alla classifica con con 34 punti 13 gare giocate al secondo posto  a quota 23 con una partita in meno proprio la Recanatese. Sfida quella di martedi che vedrà in campo anche uno scontro davvero inedito con il Cus Ancona che tra le proprie fila potrà contare su Enzo Martin che poi dovrà fare i conti con Daniel Martin il padre in poche parole il tecnico della Recanatese.

Una sfida tutta in famiglia come sottolinea lo stesso Daniel Martin peraltro campione del mondo di calcio a 5 con la maglia dell’Argentina nel 1994: “ In questi giorni ci siamo punzecchiati a vicenda resta il fatto che mio figlio farà di tutto per vincere la partita ma la mia Recanatese vista anche la classifica dovrà tentare il tutto per tutto per bloccare questo Cus Ancona. Venire a giocare all’impianto di Posatora per il sottoscritto è motivo di grande soddisfazione anche per il fatto che proprio al Cus Ancona  posso vantare delle amicizie quasi fraterne con giocatori e staff tecnico”.

Lei è arrivato da una decina di giorni a Recanati che idea si è fatto di questa squadra: “ Abbiamo un grosso potenziale ma i singoli non servono per formare una buona orchestra se non si trova la giusta armonia in mezzo al campo. Questa squadra negli ultimi anni ha vinto tutto quello che c’era da vincere ma il campionato di serie B è tutta un altra cosa. Serve sacrificio spirito di squadra ma anche il sapersi calare nella realtà di questo campionato.

Puoi anche avere una Ferrari ma se ci cammina a 60 all’ora ti sorpassa anche una Panda”.

Quanto è importante per lei questa sfida di campionato?

“Se portiamo via i tre punti da Ancona i giochi sono riaperti ma nel caso in cui il Cus dovesse vincere ci ritroveremo a 14 punti un distacco che poi sarà difficile da colmare anche se tutto è possibile”.

Che atmosfera si respira a Recanati dopo la sconfitta per 4 a 1 sul campo del Cesena?

“ Venivamo dal successo interno contro la Ternana per 8 a 0 qualcuno si era illuso che quella romagnola sarebbe stata una partita facile da abbordare e infatti nei primi minuti di gioco abbiamo sbagliato tutto quello che c’era da sbagliare. Mi auguro solo che la sconfitta di Cesena ci possa servire per capire una volta per tutte come funziona questo campionato di serie B.”

Sfida quella di martedì di fondamentale importanza anche in ottica Final Eight di Coppa Italia dove saranno ammesse le prime otto classificate del girone di andata e quella con la Recanatese è un recupero proprio della prima parte del torneo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net