martedì, Marzo 2, 2021
Home > Abruzzo > Gatto soccorso, presumibilmente avvelenato, al Villaggio Celdit di Chieti

Gatto soccorso, presumibilmente avvelenato, al Villaggio Celdit di Chieti

gatto

Gatto soccorso, presumibilmente avvelenato, al Villaggio Celdit di Chieti

La sera di martedì 9 febbraio, intorno alle 21.30, alcuni membri dello staff del Censorino Teatino, più precisamente Cristiano, Maurizio e Salvatore, si trovavano in zona Villaggio Celdit a Chieti Scalo.

Ad un certo punto, in Piazza Pio X, la piazzetta interna alle case del popoloso rione cittadino, i tre sono stati richiamati da un lamento di un gatto e hanno trovato riverso su un marciapiede, ciondolante con la testa in avanti, un felino che respirava e si muoveva a fatica. A questo punto uno dei volontari (Maurizio) ha mosso il gatto accarezzandolo e ha notato che il felino perdeva sangue dalla bocca e dal naso. Subito i tre hanno capito che l’animale stava male, era grave, e non c’era tempo da perdere; così su sollecitazione di Salvatore, Cristiano ha chiamato le forze dell’ordine che hanno avvertito il servizio veterinario della Asl per il pronto intervento. 

I tre sono stati vicino all’animale per evitare che qualcuno potesse travolgerlo in mezzo alla strada in attesa dei soccorsi.  Sollecitandolo il gatto è riuscito a fare anche qualche passo, ma barcollava e non muoveva bene le zampine di dietro, quindi probabilmente aveva qualche problema anche a livello muscolare e del sistema nervoso. 

Si è cercato di tenere sveglio l’animale e di farlo muovere per evitare che potesse perdere i sensi e spirare prima dell’intervento del veterinario Asl; si è cercata una scatola dove poterlo metterlo per caricarlo nell’eventualità che le sue condizioni si fossero aggravate nell’attesa e fosse stato necessario portarlo d’urgenza nell’ambulatorio di  qualche veterinario privato della zona, già allertato telefonicamente, che avremmo pagato a nostre spese.  Il soccorso animali vivi della Asl è sopraggiunto intorno alle 22.20 e ha caricato l’animale in un furgoncino.

Dopo il primo soccorso, l’animale è stato portato nella sede di Lanciano, dove verrà curato. Secondo le ipotesi paventate al momento sul malore del gatto, il felino più che essere stato colpito da una macchina, più probabilmente ha ingerito qualche esca avvelenata, almeno che non è affetto da qualche patologia.  Pertanto, si suggerisce ai cittadini della zona del Villaggio Celdit a Chieti Scalo di prestare massima attenzione e di stare attenti ai loro animali domestici per la possibile presenza di esche avvelenate che possono mettere in serio pericolo la vita dei loro cani e gatti. Trattoda https://censorinoteatino2013.blogspot.com/2021/02/soccorso-un-gatto-al-villaggio-celdit.html      

Cristiano Vignali
Cristiano Vignali è un reporter freelance specializzato in articoli di approfondimento su storia, cultura, politica, curiosità e attualità. Collabora con diverse testate online di carattere internazionale e nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *