lunedì, Settembre 20, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Il Provinciale” del 13 febbraio alle 17.15 su RAI 1: in viaggio tra le Alpi Apuane

Anticipazioni per “Il Provinciale” del 13 febbraio alle 17.15 su RAI 1: in viaggio tra le Alpi Apuane

il provinciale

Anticipazioni per “Il Provinciale” del 13 febbraio alle 17.15 su RAI 1: in viaggio tra le Alpi Apuane 

(none)

Su Rai2 conduce Federico Quaranta

Un territorio davvero unico, caratterizzato da una bellezza senza pari e da una storia densa di avvenimenti che hanno inciso profondamente sul nostro presente. Le Alpi Apuane, in Toscana, sono al centro de “Il provinciale”, il programma condotto da Federico Quaranta, sempre accompagnato dal fedele Kumash, che racconta la bellezza, le storie e i valori della provincia italiana, in onda sabato 13 febbraio alle 17.15 su Rai2. Le Apuane sono conosciute per la bellezza dei propri marmi, per i profondi abissi e le grandi cavità del sottosuolo carsico, ma vale la pena di scoprire una strada che le attraversa per giungere fino a Modena, la Via Vandelli. Una vera autostrada del ‘700, un progetto innovativo che stupisce ancora oggi dopo oltre tre secoli. La storia delle Apuane riemerge anche dalle rovine della Filanda di Forni, un cotonificio inaugurato alla fine dell’800 per sfruttare la forza delle acque del fiume Frigido. Un luogo che ha visto nascere le prime lotte per i diritti delle donne, ma che è finito per mano dei nazisti che lo hanno distrutto. Perché nello splendore naturalistico delle Alpi Apuane, durante l’ultimo conflitto mondiale si sono consumate le drammatiche vicende legate alla Linea Gotica, una pagina dolorosa del passato che è necessario salvare dall’oblio.  Immerse in questi straordinari scenari naturali, vivono persone che hanno imparato a custodire la memoria dei luoghi, a rispettarne lo spirito, a trarne forza vitale. Come Andrea, un giovane pastore che ha deciso di portare avanti la tradizione secolare della sua famiglia nell’allevamento delle capre apuane, o Elisa, che a Colonnata continua a produrre il ricercatissimo lardo locale utilizzando strumenti di quattrocento anni fa