sabato, Febbraio 27, 2021
Home > Marche > Controlli a Lido Tre Archi e Porto Sant’Elpidio: retata della Questura

Controlli a Lido Tre Archi e Porto Sant’Elpidio: retata della Questura

fermo

Controlli a Lido Tre Archi e Porto Sant’Elpidio: retata della Questura

Nel pomeriggio di venerdì sono proseguiti i controlli di sicurezza della Questura di Fermo a Porto Sant’Elpidio e nel quartiere di Lido Tre Archi. In campo, anche questa volta, gli operatori della Squadra Mobile, della Polizia Scientifica, il personale del Reparto Prevenzione Crimine di Pescara e l’unità cinofila della Guardia di Finanza.

Controlli che hanno avuto quali costanti obiettivi la prevenzione dei reati, il controllo del rispetto delle disposizioni per il contrasto alla pandemia e la verifica delle segnalazioni pervenute dai cittadini relative a possibili occupazioni abusive di appartamenti ad uso turistico.

Sotto quest’ultimo aspetto sono state sottoposte ad accertamento due abitazioni segnalate, riscontrando che gli accessi alle stesse non risultavano forzati; per una di queste, nella quale i vicini avevano visto una luce accesa che filtrava dai serramenti, si è reso necessario intervenire con l’ausilio di personale dei Vigili del Fuoco per controllare lo stato degli accessi da un balcone. Con la collaborazione dell’Amministratore del condominio, si è rilevato che non era oggetto di occupazione abusiva ma che il proprietario aveva dimenticato, dalla fine dell’anno, la luce accesa all’interno dell’alloggio.

I controlli nei due comuni hanno portato all’identificazione di più di 70 persone ed alla verifica di 60 veicoli, che portano a più di 200 il totale delle persone identificate dalla Polizia di Stato nella sola giornata di ieri e a 150 le autovetture verificate.

Nelle strette maglie della rete dei controlli della Squadra Mobile è caduto un giovane, quasi trentenne, rintracciato in prossimità di Lido Tre Archi. Il soggetto, a seguito della identificazione, è risultato destinatario di un provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura del Tribunale di Macerata per scontare una reclusione di quasi 4 anni e mezzo per numerosi reati contro il patrimonio commessi sul litorale di quella provincia.

Il giovane, dopo gli adempimenti previsti, è stato accompagnato presso la locale Casa di reclusione.

Analoga sorte per un quarantenne originario dell’est Europa ma residente nel fermano, nei confronti del quale è stata accertata l’esistenza di un ordine di carcerazione, emesso dall’Autorità Giudiziaria di Fermo, per la pena di 2 anni a seguito del passaggio in giudicato di sentenze che lo hanno riconosciuto responsabile di furti in abitazione commessi, alcuni anni fa, nel fermano.

Anche per lui si sono aperte le porte del carcere.

A loro si aggiunge un altro trentenne italiano, rintracciato e accompagnato in carcere ieri mattina dalla Squadra Mobile, a carico del quale vi era un provvedimento per la carcerazione per scontare la pena di più di 1 anno e mezzo per furti e rapine commessi pochi anni fa nel fermano.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *