venerdì, Ottobre 22, 2021
Home > Lazio > Escort a Frosinone: nuovi fermi in questura per i clienti coinvolti in casi di favoreggiamento

Escort a Frosinone: nuovi fermi in questura per i clienti coinvolti in casi di favoreggiamento

escort

Annunci non verificati che nascondono sorprese, aumentano i fermi da parte della Polizia ai danni di clienti delle escort coinvolti in casi di favoreggiamento


Aumentano i fatti di cronaca che hanno come protagonisti i clienti delle prostitute che si ritrovano coinvolti in operazioni di Polizia per fermare il favoreggiamento, anche a distanza di anni. Le autorità stanno stringendo intorno alle attività che sfruttano la prostituzione, soprattutto quelle pubblicizzate su siti di annunci privi di controllo sulle registrazioni.
E’ noto ad esempio la condanna di dicembre a Ferentino di un’arzilla signora di 81 anni che dovrà scontare una pena residua di 2 anni, 9 mesi e 10 giorni di reclusione a seguito di una condanna definitiva per il reato di sfruttamento della prostituzione. Nel 2015, le forze dell’ordine hanno colto sul fatto la donna che, con la complicità di un’altra persona, obbligava una ragazza residente in provincia di Frosinone, a prostituirsi, percependo parte degli introiti.

La donna gestiva gli annunci pubblicati sui principali canali dedicati agli incontri e organizzava gli appuntamenti, comportamento che dovrebbe già mettere in allarme eventuali avventori. Ma così non è stato. Gli incontri avvenivano principalmente nell’abitazione dell’anziana ma non mancavano anche “appuntamenti” in strada. Per confermare il reato
della donna, diversi clienti sono stati intercettati e colti sul fatto, per poi essere chiamati a testimoniare prima in questura e poi in tribunale.
Stessa cosa è successa ad ottobre a sette le persone che sono finite davanti al gup per associazione a delinquere e sfruttamento della prostituzione. Nel 2016, il gruppo, di cui faceva parte anche un italiano residente a Sora, affittava appartamenti nel centro storico di Frosinone per far prostituire giovani donne straniere a qualsiasi ora. I “servizi” erano
pubblicizzati su bacheche di annunci che ovviamente non riportavano anche le condizioni di sfruttamento e violenza in cui erano costrette le ragazze.

Anche qui, oltre ai clienti colti in flagrante, sono stati convocati in questura anche gli altri che sono stati identificati dagli inquirenti e che hanno dovuto confermare agli agenti di aver avuto rapporti sessuali a pagamento con le prostitute presenti, dopo essere entrati in contatto attraverso un sito d’incontri.

Già di per sé risulta essere incredibilmente pericoloso presentarsi ad un appuntamento fissato con un numero preso da un sito di incontri senza effettuare alcuna verifica preventiva. La situazione si fa ancora più spiacevole nel momento in cui davanti a familiari e datori di lavoro si venga raggiunti da una convocazione in questura.

Sono circa 16 milioni gli uomini che durante l’anno vanno ad escort. La sfortuna gira per tutti e senza una verifica dell’annuncio prima o poi capita una situazione spiacevole quando non pericolosa, come quelle descritte. Un’ora d’amore vale una gita a tempo indefinito in questura?

Se ne saranno resi conto i clienti delle escort finiti nella vicenda della donna di Frosinone che nella provincia di Latina, nello specifico a Terracina affittava appartamenti alle prostitute. Partendo dalle inserzioni pubblicate senza controllo su alcuni siti di settore, l’operazione “Maitresse”, ha visto accusati una donna e un uomo, di favoreggiamento..

I clienti sono stati chiamati in Tribunale a testimoniare, dopo essere stati intercettati al telefono dalle autorità che stavano svolgendo l’indagine. Molti capitati nei blitz della Polizia sono stati multati per aver infranto i divieti di spostamento in vigore.

Eppure esistono ormai degli strumenti con cui è possibile verificare un annuncio pubblicato da una escort su qualsiasi sito di incontri. Come le recensioni aiutano gli avventori di ristoranti ed hotel ad evitare problemi, così anche nel settore del sesso a pagamento si è sviluppato lo stesso meccanismo, che vanta anche veri e propri leader del settore con
milioni di utenti mensili. Questo perché le recensioni rendono anche molto più difficile il lavoro dei truffatori e delle organizzazioni criminali attraverso le esperienze e gli “avvertimenti” dei clienti stessi delle escort.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net