lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Macerata, Ingegneria Umanistica del Minimo Teatro presenta “La Lettura domani”

Macerata, Ingegneria Umanistica del Minimo Teatro presenta “La Lettura domani”

macerata

Macerata, Ingegneria Umanistica del Minimo Teatro presenta “La Lettura domani”

MACERATA – In appendice al progetto “La Lettura – ieri oggi domani (2018-2019-2020)” patrocinato dal Comune di Macerata, il Minimo Teatro di Sforzacosta presenta: “Ingegneria Umanistica – La lettura domani” con il contributo della Regione Marche. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Amnesty International Gruppo 50, Libere Sinergie, Philosofarte, Pinacoteca Fondo Gottardo Mancini, Associazione Amici e Allievi Minimo Teatro  e vede protagonista la Compagnia Allievi Minimo Teatro.

Tre sono gli appuntamenti scenici, tutti trasmessi in diretta fb dalla pagina Minimo Teatro. Si è inziato questa mattina ore 9.30 , con “In prova aperta – Equilibrismo della voce sulla parola” con Diana Caponi, Valentina Compagnucci, Veronica Formiconi, Elena Martusciello, Giulia Pigliapoco; conduzione Maurizio Boldrini.

Si proseguirà giovedì 4 marzo, ore 18.00, sempre dal Minimo Teatro, con “Assoli – Dallo pseudo monologo esternato all’introspezione poetica” con Jennifer De Filippi, Serenella Marano, Elisabetta Moriconi,  Chiara Marresi, Luca Mitillo, Lorenzo Vecchioni. Infine lunedì 8 marzo 2021, ore 19.00, Pinacoteca Fondo Gottardo Mancini, Palazzo Conventati – Montegranaro: “A cuore aperto – Operazione per l’inaugurazione della mostra “Come eri vestita?” per una prossima scena al femminile”, in scena Jennifer De Filippi, Serenella Marano, Chiara Marresi, Elena Paoletti; consulenza   Elisabetta  Moriconi, Oriana Nabissi, Maria Carla Romiti, regia Barbara Mancini. 

L’iniziativa testimonia l’attività di ricerca della Scuola di Dizione Lettura e Recitazione e della classe di Ingegneria Umanistica del Minimo Teatro dirette da Maurizio Boldrini e volta all’indagine del rapporto parola-voce-scena con i suoi possibili effetti in ambito antropologico. Di particolare rilievo è  il terzo studio scenico,  in collaborazione con Libere Sinergie e Amnesty International, appositamente ideato per l’inaugurazione della mostra “Come eri vestita?” che espone abiti di donne stuprate. Per informazioni: Minimo Teatro, borgo Sforzacosta 275, Sforzacosta di Macerata, telefono: 347 1054651.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net