lunedì, Aprile 19, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film drammatico stasera in TV: “Non è mai troppo tardi” mercoledì 3 marzo 2021

Il film drammatico stasera in TV: “Non è mai troppo tardi” mercoledì 3 marzo 2021

film non è mai troppo tardi

Il film drammatico stasera in TV: “Non è mai troppo tardi” mercoledì 3 marzo 2021 alle 21:45 su TV 2000 (Canale 28)

Non è mai troppo tardi (2007).png

Non è mai troppo tardi (The Bucket List) è un film del 2007 diretto da Rob Reiner, con Jack Nicholson e Morgan Freeman quali interpreti principali.

Edward Cole è un ricco e burbero imprenditore proprietario di numerose strutture ospedaliere, che accusa un malore durante una riunione d’affari e viene ricoverato in una della sue strutture. Lì viene sistemato nella stessa stanza di Carter Chambers, un meccanico di colore con la passione per la cultura, ricoverato per dei continui problemi di salute causati da un cancro.

A Edward viene diagnosticato un sarcoma al cervello con poche probabilità di guarigione, perciò viene immediatamente operato e successivamente sottoposto a chemioterapia. Nel frattempo, dopo un iniziale diffidenza da parte di Edward che avrebbe preferito una stanza singola (che gli avrebbe procurato un forte danno d’immagine come ricordatogli dal suo assistente Thomas in quanto egli ha sempre affermato che nei suoi ospedali ogni stanza deve avere due pazienti senza alcuna eccezione), i due malati cominciano a conoscersi sempre meglio tanto da diventare buoni amici. Carter confida al nuovo amico di essere soddisfatto della vita che ha vissuto, di avere una famiglia unita e felice, tuttavia ha il rimpianto di aver lasciato molto presto gli studi universitari e di essere stato costretto ad accettare il primo lavoro che trovava per mantenersi.

Nonostante le cure a cui entrambi vengono sottoposti, il dottor Hollins comunica prima a Edward, e successivamente a Carter, la medesima e infausta prognosi: sei mesi di vita, al massimo un anno. Sapendo di dover morire a breve, Carter decide di svolgere un esercizio che un suo vecchio professore di filosofia gli aveva assegnato ai tempi dell’università, ovvero di scrivere una lista di cose da fare prima di morire. Edward si unisce a Carter aggiungendo attività ben più ambiziose dell’amico (come baciare la donna più bella del mondo o fare paracadutismo) e lo esorta a completare questa lista prima di morire insieme a lui. Carter è inizialmente dubbioso, questa lista aveva per lui un significato solamente simbolico, e in più non vuole lasciare la famiglia e in particolare la moglie Virginia, preoccupata per la sua salute, ma alla fine accetta.

Lasciato l’ospedale i due amici cominciano a coronare i loro ultimi desideri: fanno paracadutismo, visitano bellezze in giro per il mondo, guidano una macchina da corsa in un circuito. Durante uno dei loro viaggi, Edward confida a Carter di avere una figlia con cui non ha rapporti da anni e che non vedrà mai più poiché lui è ad un passo dalla morte. Carter vorrebbe fargli inserire nella lista “rivedere un’ultima volta mia figlia” ma Edward rifiuta categoricamente. Nel frattempo Virginia chiama Edward e gli chiede di far tornare a casa suo marito Carter. Dopo non essere riusciti, a causa del maltempo, a scalare una montagna himalayana (grande sogno di Carter) i due tornano in America. Lì Carter fa una sorpresa a Edward portandolo a casa di sua figlia, per farli riappacificare, ma Edward non gradisce affatto, arrabbiandosi non poco con l’amico per essere andato contro la sua volontà, e dopo un litigio se ne va.

Carter torna dalla sua famiglia e dopo una serata tranquilla in loro compagnia, si sente male e viene nuovamente ricoverato. Edward va a trovarlo in ospedale, dove i due si riappacificano. Carter viene operato per rimuovere le metastasi del suo cancro, ma muore in sala operatoria. Edward ricorda Carter al suo funerale, affermando come nonostante si siano conosciuti per soli 3 mesi, lui sia stato un amico e una persona straordinari, che lo hanno cambiato profondamente. Egli riesce a completare tutte le cose della lista( tra cui anche riappacificarsi con la figlia) prima della sua morte nella successiva primavera. Nella scena finale il suo ex assistente Thomas arriva fino alla vetta della montagna che mesi prima non avevano potuto scalare e vi mette l’urna con le ceneri sia di Edward che di Carter.

Regia di Rob Reiner

Con: Jack Nicholson e Morgan Freeman

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *