lunedì, Aprile 12, 2021
Home > Mondo > Stati Uniti e Cina si rimproverano pubblicamente a vicenda nei primi importanti colloqui dell’era Biden

Stati Uniti e Cina si rimproverano pubblicamente a vicenda nei primi importanti colloqui dell’era Biden

Stati Uniti e Cina

Stati Uniti e Cina si rimproverano pubblicamente a vicenda nei primi importanti colloqui dell’era Biden

Gli Stati Uniti e la Cina si sono scontrati pubblicamente durante i loro primi colloqui da quando Joe Biden è entrato in carica.

Ogni speranza che l’incontro, ad Anchorage, avrebbe ripristinato i legami bilaterali dopo anni di tensioni su commercio, diritti umani e sicurezza informatica durante la presidenza di Donald Trump è svanita nel nulla quando il segretario di stato americano, Antony Blinken , e il consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, hanno aperto il loro incontro con il massimo diplomatico cinese Yang Jiechi e il consigliere di stato Wang Yi.

Dopo che Blinken ha fatto riferimento alla crescente preoccupazione globale per la situazione dei diritti umani di Pechino, Yang ha detto: “Speriamo che gli Stati Uniti faranno meglio in materia di diritti umani. Il fatto è che ci sono molti problemi negli Stati Uniti riguardo ai diritti umani, cosa che è ammessa dagli stessi Stati Uniti ”, ha detto in un discorso di 15 minuti che è sembrato irritare Blinken.

Ha aggiunto che le questioni relative ai diritti umani negli Stati Uniti erano “profondamente radicate … non sono emerse solo negli ultimi quattro anni”.

Nelle sue osservazioni di apertura Blinken aveva affermato che i leader mondiali avevano espresso “profonda soddisfazione” per il fatto che gli Stati Uniti si fossero nuovamente impegnati con la comunità internazionale dopo quattro anni di dottrina “America first” di Trump. 

Blinken ha inoltre dichiarato che l’amministrazione Biden ed i suoi alleati erano uniti nel respingere il crescente autoritarismo e l’assertività della Cina in patria e all’estero.

In risposta, Yang ha chiesto che gli Stati Uniti smettano di spingere la propria versione di democrazia in un momento in cui hanno a che fare con il malcontento della propria popolazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *