domenica, Aprile 11, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film horror stasera in TV: “The Colony” mercoledì 24 marzo 2021

Il film horror stasera in TV: “The Colony” mercoledì 24 marzo 2021

film the colony

Il film horror stasera in TV: “The Colony” mercoledì 24 marzo 2021 alle 21:20 su Cielo (Canale 26)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1024px-Shelley_Hennig_%2817057729312%29.jpg

The Colony è un film horror fantascientifico canadese del 2013 diretto da Jeff Renfroe e interpretato da Kevin ZegersLaurence Fishburne e Bill Paxton.

Nel 2045 l’umanità ha costruito torri meteorologiche che controllano il clima a causa del surriscaldamento globale. Le cose però non vanno come previsto, comincia a nevicare e da quel giorno la Terra diventa un pianeta freddo e senza vita. Ciò che rimane dell’umanità vive in bunker sotterranei per fuggire dal freddo estremo, cercando di sopravvivere alle malattie e di produrre cibo sufficiente. Due ex-soldati, Briggs e il suo vice Mason, sono a capo di uno di questi bunker, la Colonia 7.

Il protagonista, Sam è un tecnico che deve la sua vita a Briggs, che lo ha recuperato da bambino mentre vagava tra i ghiacci. La sua compagna, Kai, addetta ai magazzini, consulta costantemente un rilevatore meteorologico, sperando di trovare una torre climatica ancora in funzione, e quindi un’oasi dove il sole splende ancora ed è possibile sopravvivere.

Briggs è un uomo severo ma giusto, mentre Mason è cinico e incline ad atti crudeli, infatti non rispetta le regole di Briggs sul trattamento dei malati, preferendo ucciderli appena si manifestano i sintomi prima ancora che sia effettuata una diagnosi.

Briggs, Sam e un giovane di nome Graydon viaggiano verso la vicina Colonia 5 dopo aver ricevuto un segnale di richiesta di soccorso.

Dopo un rischioso viaggio comprendente la traversata di un instabile ponte in rovina e una notte passata all’interno di un elicottero abbattuto, il trio trova il luogo deserto e coperto di sangue. Seguendo dei rumori riescono a trovare una porta bloccata segnata da numerosi graffi e ammaccature, che Sam riesce a scassinare. All’interno trovano Leyland: un colono sopravvissuto, denutrito e disidratato, che mostra loro un messaggio ricevuto da un gruppo di persone che sono riuscite a riparare una delle torri meteorologiche e quindi da loro il cielo è sereno e non nevica. Il gruppo offre aiuto a chiunque li raggiunga e chiede in cambio di portare sementi così che possano essere piantati nel terreno nuovamente fertile. Leyland mostra loro da dove è partito il segnale ma informa anche che una spedizione della Colonia 5, mandata ad indagare, non è mai tornata. Inoltre le impronte lasciate dalla spedizione sulla neve hanno attirato un gruppo di cannibali che hanno ucciso e fatto a pezzi tutti gli abitanti della colonia e vi si sono insediati. Briggs, Sam e Graydon frugano il luogo in cerca di oggetti utili, recuperando una discreta quantità di candelotti di dinamite e cercano di convincere Leyland a tornare con loro alla Colonia 7 ma egli si rifiuta e si rinchiude nella stanza in cui è stato trovato.

Il trio allora inizia l’esplorazione della colonia e si avvicinano ad una stanza da dove provengono delle luci. Qui essi vedono una persona macellare ciò che rimane dei membri della Colonia 5; vengono notati e lo scontro a fuoco che ne segue richiama un’orda di cannibali. I tre cercano di fuggire, ma Graydon, in preda al panico, viene isolato e brutalmente ucciso. Briggs e Sam riescono a isolarsi in una zona sicura scardinando una scala a pioli e da lì risalgono in superficie. fanno detonare la torre per sigillare i cannibali nel bunker e scappano rifugiandosi nuovamente all’interno dell’elicottero abbandonato. Il mattino dopo però notano che i cannibali sono riusciti ad uscire e hanno seguito le loro impronte sulla neve. Briggs suggerisce di bloccarli facendo saltare in aria con la dinamite il ponte che collega le due colonie, ma a causa del freddo la miccia della dinamite si spegne. Briggs riesce a riaccenderla ma viene circondato dai cannibali, così si sacrifica per impedir loro di passare il ponte e fare in modo che Sam possa tornare incolume alla Colonia 7.

Durante l’assenza di Sam però, Mason ha preso il controllo della colonia, progettando cambiamenti radicali. Sam cerca di spiegargli che i cannibali sono in arrivo ma che esiste un posto sicuro dove potersi rifugiare, ma Mason pensa che questi sia impazzito per lo shock e lo ammanetta a un letto, imprigionando anche Kai e manifestando un maggior interesse ad assumere i poteri di capo-colonia piuttosto che occuparsi del bene collettivo. Grazie all’aiuto di un giovane colono, Sam riesce a liberare se stesso e la sua compagna e inizia a cercare con il suo rilevatore satellitare la zona sicura dove potranno trovare rifugio, ma nel frattempo i cannibali raggiungono la Colonia 7 e riescono a penetrare all’interno, uccidendo diversi abitanti. Mason, persa la fiducia dei coloni, rimane dietro al gruppo mentre gli altri scappano, e qui si fa esplodere con una bombola di gas, assieme ai cannibali. Dopo aver ucciso il leader dei cannibali in un cruento combattimento nell’allevamento della colonia, Sam e pochi altri sopravvissuti raccolgono quello che possono e si dirigono verso la zona sicura, sperando disperatamente di poter sopravvivere al gelo estremo che tormenterà la loro marcia.

Regia di Levan Gabriadze,

Con: Shelley Hennig: e Renee Olstead

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *