sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Linea Verde” del 28 marzo alle 12.20 su Rai 1: in Lucania, tra storia e tradizioni

Anticipazioni per “Linea Verde” del 28 marzo alle 12.20 su Rai 1: in Lucania, tra storia e tradizioni

linea verde

Anticipazioni per “Linea Verde” del 28 marzo alle 12.20 su Rai 1: in Lucania, tra storia e tradizioni

(none)

Su Rai1 con Ingrid Muccitelli e Beppe Convertini

 Le terre della Basilicata, quella Lucania ricca di storia e di tradizioni che fa capo alla provincia di Potenza, sono la meta del primo vero appuntamento della stagione primaverile di “Linea Verde”, in onda domenica 28 marzo alle 12.20 su Rai1.
Dal Parco della Grancìa, antica masseria monastica, Ingrid Muccitelli e Beppe Convertini raccontano un territorio che presenta una serie di usi e costumi mai mutati, ma semplicemente adeguati al tempo moderno.
La Grancìa è una masseria certosina che nel passato si diede una struttura da vera e propria azienda agricola, con una serie di allevamenti e coltivazioni ancora attuali, come quella di grani antichi locali. Il Parco, oltre a essere sede di un’arena dove ancora oggi si pratica l’arte della falconeria e dove vengono messe in scena rappresentazioni storiche che raccontano l’origine della questione meridionale, è adiacente all’antico borgo di Brindisi Montagna, una vera e propria roccaforte che, con il suo castello, domina la valle del Basento.
Non manca una finestra sulla gastronomia locale, con la tradizionale pizza denominata Ruccolo e il peperone crusco a farla da padroni.
Peppone visita, invece, i pascoli e i caseifici di Abriola e Calvello, dove la tradizionale vacca podolica, dal cui latte si produce lo straordinario caciocavallo podolico, viene oggi monitorata durante i suoi spostamenti transumanti con un’innovativa tecnica di collari satellitari.
Tra le chicche del viaggio in Basilicata anche il vero pianoforte di Ruggero Leoncavallo custodito nel magnifico teatro Stabile di Potenza, i Ponti Tibetani a strapiombo su Sasso di Castalda, le tradizionali ceramiche di Calvello e la nobile arte orafa di una giovane stilista potentina.