lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Abruzzo > Sciame sismico nell’Adriatico: avvertito anche nelle Marche e in Abruzzo

Sciame sismico nell’Adriatico: avvertito anche nelle Marche e in Abruzzo

sciame sismico

Sciame sismico nell’Adriatico: avvertito anche nelle Marche e in Abruzzo

Un terremoto di magnitudo Ml 5.6 è stato registrato ieri dalla Rete Sismica Nazionale alle ore 14:47 italiane. L’epicentro è stato localizzato in Mar Adriatico a circa 80-90 km dalle coste della Puglia garganica e dalle Isole Tremiti e una trentina di chilometri dall’isola croata di Lastovo.

Lo sciame sismico è stato avvertito chiaramente dalla popolazione in Abruzzo, Campania, Basilicata, Molise e Puglia. Da quanto è stato possibile apprendere, sarebbe stato percepito anche lungo la costa marchigiana, dalla provincia di Ancona a quella di Ascoli Piceno e in alcune zone del Maceratese.

L’epicentro del terremoto in Mar Adriatico e la sismicità dal 1985 ad oggi.

Nell’area in oggetto  la sismicità dal 1985 ad oggi è molto frequente con eventi di magnitudo ML compresa tra 4.0 e 4.9 come quelli avvenuti nel 1988 e nel 2007 localizzati a sud dell’epicentro di questo pomeriggio (fonte http://terremoti.ingv.it) .

Guardando il Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani (CPTI15), nell’area inoltre è presente un terremoto con epicentro poco a ovest dell’evento di questo pomeriggio, avvenuto 2 gennaio 1978  di magnitudo stimata Mw 5.0 .

La mappa dei terremoti del passato estratti dal Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani (CPTI15). Si nota l’evento del 1978 localizzato a ovest dell’epicentro del terremoto di oggi.

La mappa di scuotimento calcolata dai dati delle reti sismiche e accelerometriche INGV e DPC mostra dei livelli di scuotimento fino al IV grado MCS sia sulle coste della Puglia sia su quelle della Croazia.

Il terremoto è stato risentito in un’area molto vasta dell’Italia centro-meridionale, in particolare nell’area adriatica. Come si evince dai dati raccolti dal questionario di “Hai sentito il terremoto?“, con effetti stimati, al momento, fino al V grado MCS sulle coste pugliesi, soprattutto nei comuni del Gargano, nella provincia di Foggia. Risentimenti diffusi fino alle coste marchigiane, ma anche in Campania e nel Lazio.

La mappa aggiornata è disponibile sul sito di “Hai sentito il terremoto?”.

 risentimento sismico in scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg) che mostra la distribuzione degli effetti del terremoto sul territorio come ricostruito dai questionari on line
Mappa del risentimento sismico in scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg) che mostra la distribuzione degli effetti del terremoto sul territorio come ricostruito dai questionari on line. La mappa contiene una legenda (sulla destra). Con la stella viene indicato l’epicentro del terremoto, i cerchi colorati si riferiscono alle intensità associate a ogni comune. Nella didascalia in alto sono indicate le caratteristiche del terremoto: data, magnitudo (ML), profondità (Prof) e ora locale. Viene inoltre indicato il numero dei questionari elaborati per ottenere la mappa stessa.

Numerose sono le repliche registrate dalla Rete Sismica Nazionale nell’area, di magnitudo fino a Ml 4.1. Ecco la lista con i dati ottenuti fino alle ore 16:00.

DATA E ORA (ITALIA)MAGNITUDOZONAPROFONDITÀLATITUDINELONGITUDINE
2021-03-27 15:21:44ML 4.0Adriatico Centrale (MARE)1142.7516.28
2021-03-27 15:16:31ML 3.7Adriatico Centrale (MARE)1042.5416.17
2021-03-27 15:13:34ML 4.1Adriatico Centrale (MARE)742.7316.29
2021-03-27 15:12:45ML 3.4Adriatico Centrale (MARE)742.7016.13
2021-03-27 15:09:22ML 2.6Adriatico Centrale (MARE)642.6616.19
2021-03-27 15:03:47ML 3.3Adriatico Centrale (MARE)1042.6816.13
2021-03-27 15:00:59ML 4.1Adriatico Centrale (MARE)1042.7416.26

Tratto dal sito https://www.ingv.it/