venerdì, Aprile 16, 2021
Home > Abruzzo > Alienazioni Ater, Liris: “Iniziativa L’Aquila può diventare modello”

Alienazioni Ater, Liris: “Iniziativa L’Aquila può diventare modello”

alienazioni

Alienazioni Ater, Liris: “Iniziativa L’Aquila può diventare modello”

L’AQUILA – «L’operazione messa in piedi dall’Ater dell’Aquila, in stretta sinergia con l’assessorato regionale all’Edilizia popolare, può rappresentare un modello da esportare anche nelle altre quattro aziende regionali nel progetto più ampio che fa di questo comparto una priorità assoluta del mio mandato». Lo dice l’assessore regionale al ramo, Guido Liris, a proposito dell’alienazione di 460 alloggi popolari decisa dall’azienda aquilana guidata dal presidente Isidoro Isidori. «Si tratta di una iniziativa – spiega Liris – che ha preso corpo in collaborazione tra l’assessorato, il presidente e il Cda tutto dell’Ater dell’Aquila.

Sono convinto che possa rappresentare l’inizio di un percorso che può coinvolgere l’intero territorio abruzzese. Così facendo, infatti, si riescono a centrare più obiettivi: in primis quello di svecchiare il patrimonio e in secondo luogo acquisire proventi da reinvestire sulla manutenzione e sull’acquisto di nuovi immobili destinati all’edilizia residenziale. Elementi fondamentali per continuare a dare risposte efficaci a situazioni di necessità, evitando di drogare il mercato immobiliare visto che si tratta di un compendio destinato a specifiche esigenze.

Che sia un’operazione di successo e valida – aggiunge Liris – lo testimonia anche il fatto che sono arrivate già le richieste di 500 famiglie e altre ancora ne arriveranno una volta definito nei dettagli un secondo lotto di immobili da alienare. La stretta relazione tra assessorato e Ater è stata fondamentale per delineare tutti i passaggi di questo meccanismo che può diventare un elemento centrale nelle politiche di housing sociali abruzzesi, all’interno di un piano strategico già messo a punto che sta dando ottimi frutti.

Considero questa una priorità assoluta del mio mandato e continuerò a profondere lo sforzo massimo affinché l’edilizia residenziale di qualità possa fornire le risposte che tante famiglie si attendono, in particolare in questo momento di estrema difficoltà».

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *