martedì, Aprile 20, 2021
Home > Abruzzo > Perano, Un borgo… diVino!

Perano, Un borgo… diVino!

(DAM) Perano (CH) – I nostri tour alla scoperta delle bellezze nascoste d’Abruzzo prosegue a pieno ritmo e oggi ci porta a Perano, alla scoperta di storia, natura e gusto.

Perano

Borgo affacciato sul fiume Sangro, Perano si trova in provincia di Chieti e precisamente nella Val di Sangro, in una posizione panoramica che permette di ammirare la Majella, le colline e il fiume fino alla costa adriatica.

Avvolta nel mistero resta l’origine del toponimo Perano, per la quale sono ipotizzate diverse possibilità. Secondo alcuni deriverebbe da tale Perius, ipotetico proprietario della zona.
Altri fanno risalire il toponimo al greco, da “peri”, che vuol dire “al di là” e “amnis”, “fiume”, intendendola quindi come “la città oltre il fiume”.
Affascinante ma poco credibile la teoria della tradizione popolare, che fa derivare il termine Perano dagli alberi di pero che, secondo gli abitanti del luogo ricoprivano in gran numero le colline della cittadina.

I punti di interesse

C’è tanto da vedere a Perano, sia dal punto di vista architettonico che dal punto di vista naturalistico ed enogastronomico.
Da ricordare sono le numerose chiese presenti sul territorio comunale.
Tra le più interessanti c’è la Chiesa Parrocchiale di San Tommaso Apostolo, di epoca settecentesca, come ci ricorda un’iscrizione rinvenuta su una trave della copertura.
La chiesa, a pianta a croce latina, presenta una volta a botte a cassettoni e un campanile di quattro piani; la facciata, decorata con volute a intonaco, è successiva e risale al 18° secolo.

Tra le altre chiese che meritano una visita, ricordiamo la Chiesa di Sant’Antonio da Padova, del 1852 e la Chiesa Evangelica, di fine Ottocento e che attesta la presenza dei protestanti sul territorio di Perano.

A livello naturalistico, una visita a Perano non può escludere un picnic nei pressi del Mulino, in località San Tommaso, dove è possibile ammirare una bellissima ed imponente quercia secolare.
La pianta monumentale ha più di 300 anni di età e una circonferenza del tronco pari ai 4 metri e 35 centimentri; il diametro della chioma raggiunge senza problemi i 30 metri.

Borgo diVino

A partire dal 2013, la cittadinanza si è fatta promotrice di una manifestazione enogastronomica volta a coniugare la tradizione culinaria locale con le esigenze sempre più raffinate e salutiste del pubblico.
Borgo diVino nasce dall’intuizione del prof. Domenico Di Nardo e nel tempo è cresciuta con entusiasmo, attirando frotte di visitatori, che si raggruppano nel paese nell’ultimo weekend di ottobre.

La manifestazione è una risposta alla crescente globalizzazione gastronomica, cui contrappone tradizione, identità e buon cibo contadino.

Tratto da Discovery Abruzzo Magazine

Cristiano Vignali
Cristiano Vignali è un reporter freelance specializzato in articoli di approfondimento su storia, cultura, politica, curiosità e attualità. Collabora con diverse testate online di carattere internazionale e nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *