venerdì, Aprile 16, 2021
Home > Lazio > Orii del Lazio: 5 olivicoltori di Latina tra i Capolavori del Gusto

Orii del Lazio: 5 olivicoltori di Latina tra i Capolavori del Gusto

orii

Orii del Lazio: 5 olivicoltori della provincia di Latina tra i Capolavori del Gusto

Sono 5 le aziende olivicole della provincia di Latina premiate alla XXVIII edizione del Concorso regionale “Orii del Lazio – Capolavori del Gusto”, la pre-selezione regionale per il concorso nazionale “Ercole Olivario”, promossa ed organizzata da Unioncamere Lazio, con il supporto tecnico di Agro Camera e la collaborazione delle Camere di Commercio del Lazio. I vincitori sono stati annunciati mercoledì 31 Marzo a Roma, presso il Tempio di Adriano, in occasione della cerimonia conclusiva tenutasi in videoconferenza dalle ore 11:00.

Ecco i pontini vincitori:

Categoria Colline Pontine D.O.P.

Fruttato intenso: 1^ Azienda Agricola Lucia Iannotta Bio (Sonnino), che si è aggiudicata altresì i riconoscimenti in palio sia nella Sezione Olio ad Alto Tenore di polifenoli e tocoferoli e nella Sezione Olio Monovarietale; 2^ Azienda Agricola Cosmo Di Russo (Gaeta). Menzione speciale: Azienda Agricola Alfredo Cetrone Bio (Sonnino) e Azienda Agricola Paola Orsini Bio (Priverno).

Fruttato medio: 1^ Azienda Agricola Casino Re di Coletta Filomena (Sonnino) che si è aggiudicata anche il premio Migliore confezione Tonino Zelinotti.

Nella sezione Olio Biologico: 1^ Azienda Agricola Paola Orsini Bio (Priverno).

Per il Presidente del CAPOL Luigi Centauri – “il risultato ottenuto al concorso regionale dalle aziende pontine conferma quanto emerso dalle analisi organolettiche condotte nell’ambito del Concorso provinciale “L’Olio delle Colline”. Olivicoltori e frantoiani pontini, anche quest’anno, nonostante l’emergenza pandemica, hanno dimostrato una crescente professionalità nella scelta migliore dell’epoca di raccolta e dei parametri tecnologici più adeguati in funzione della varietà autoctona itrana e dello stato di maturazione delle olive. Questa attenzione ha permesso di ottenere un aumento del contenuto in sostanze fenoliche negli oli, con conseguente accentuazione delle note di amaro e piccante, che corrispondono anche ad un miglioramento dell’aspetto salutistico grazie alla maggiore concentrazione di antiossidanti”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *