venerdì, Luglio 30, 2021
Home > Sport in Pillole > Samb: rossoblu attesi dal difficile confronto contro la Triestina

Samb: rossoblu attesi dal difficile confronto contro la Triestina

samb

Sport, Samb: nel recupero di campionato, rossoblu attesi dal difficile confronto contro la Triestina

di Marco De Berardinis

Lunga lista degli indisponibili tra i rossoblu: Bacio Terracino, Lombardo, Maxi Lopez, Mehmetaj, Serafino jr e Lavilla. Si giocherà al Riviera mercoledì alle h.15:00

Dopo la sconfitta dell’Helvia Recina contro il Matelica, nonostante i gravi problemi societari che li affliggono, i rossoblu sono già proiettati al recupero della quattordicesima giornata di ritorno del campionato di serie C girone B, che li vedrà affrontare al Riviera delle Palme la corazzata Triestina di mister Pillon, gara che si disputerà mercoledì 7 aprile alle h.15:00.

Non sarà un impegno facile per la Samb perché gli alabardati hanno un organico di spessore, allestito in estate per il salto di categoria e stanno attraversando un ottimo momento di forma, reduci tra l’altro, da due vittorie interne consecutive rispettivamente con il Carpi e la capolista Padova entrambe vinte per 1-0.

Dando uno sguardo, come di consueto all’avversario di turno, sono tre anni che gli alabardati costruiscono un organico per salire in serie B, ma puntualmente per vari motivi, non riescono mai ad ottenere la promozione. Anche quest’anno la società ha allestito una rosa di prim’ordine ma, anziché essere nelle prime posizioni in classifica, si trova addirittura quinta a 16 punti dalla capolista Padova. Visti i deludenti risultati ottenuti, all’indomani del pareggio di Carpi dello scorso novembre, la società ha esonerato il tecnico Gautieri ed ha chiamato al suo posto un allenatore navigato come Giuseppe Pillon.

I giuliani attualmente, sono quinti in classifica, come già detto, con 54, frutto di 14 vittorie, 12 pareggi e 7 sconfitte, con 42 goal fatti e 33 subiti. Triestina reduce da sei pareggi consecutivi e una vittoria, quella contro il Carpi di domenica scorsa.

Tornando alla Samb, una vittoria contro gli alabardati rappresenterebbe il classico esame di maturità contro una formazione di spessore che ambisce al salto di categoria e darebbe ancor di più morale ad una squadra che non sta attraversando un buon momento, soprattutto dal punto di vista psicologico, visti i grossi problemi societari.

Detto ciò, il tecnico Montero avrà ancora parecchi indisponibili, nello specifico mancheranno Shaka Mawuli, Bacio Terracino, Lombardo, Mehmetaj, Maxi Lopez, Serafino jr e Lavilla, mentre tornano disponibili Padovan, Scrugli, Di Pasquale ed Enrici.

Per quanto riguarda lo schieramento, dovrebbero essere confermati per nove undicesimi coloro che hanno giocato all’Helvia Recina, uniche novità Liporace che dovrebbe riprendere il suo posto lungo l’out mancino difensivo al posto di De Goicoechea e Padovan che dovrebbe affiancare in attacco Lescano. Contro gli alabardati, il tecnico uruguagio dovrebbe riproporre il 4-4-2 visto contro il Matelica con questo probabile undici iniziale: Nobile tra i pali, linea difensiva a quattro composta da Fazzi, Cristini, D’Ambrosio e Liporace, centrocampo a quattro con Botta, Angiulli, D’Angelo e Rossi, di punta Padovan e Lescano.

Dall’altra parte il tecnico degli alabardati Pillon, dovrebbe confermare il modulo visto nella vittoriosa gara interna contro il Padova e cioè il 4-4-2, lo stesso dicasi per la formazione, che dovrebbe essere la stessa e cioè: Offredi tra i pali, linea difensiva a quattro composta da Lepore, Capela, Ligi e Lopez, cerniera di centrocampo a quattro con Rizzo, Calvano, Maracchi e Mensah, di punta Gomez e Litteri.

All’andata con Zironelli in panchina, nell’acquitrino del Nereo Rocco, la gara terminò 0-1 in favore dei rossoblu, con rete decisiva di Lescano; mentre per quanto riguarda i precedenti contro gli alabardati, tra il Ballarin e il Riviera sono 14, 13 in campionato e 1 in Coppa Italia; le vittorie dei rossoblu furono 4, 9 i pareggi (1 in Coppa Italia) e 1 sola sconfitta.

Due saranno gli ex della contesa, uno per parte, Scrugli nella Samb, (che però sarà assente perché infortunato) e Rapisarda nella Triestina, 108 presenze e 7 reti per lui in riva all’adriatico.

L’arbitro dell’incontro sarà il signor Mattia Pascarella di Nocera Inferiore. Il fischio d’inizio è fissato per le h.15:00 di mercoledì 7 aprile. La gara si giocherà a porte chiuse.

Per concludere, ecco alcune dichiarazioni del tecnico Montero alla vigilia del match contro la Triestina.

“Ho parlato con alcuni giocatori e mi hanno ribadito la volontà di giocare, non ho parlato con tutta la squadra. A livello personale io penso a finire la stagione e matematicamente siamo ancora in corsa per i playoff. Come ho già detto, non posso vendere fumo: ci toglieranno dei punti e dipenderà anche dai risultati delle altre squadre, ma resta un sogno ancora raggiungibile matematicamente. Contro la Triestina recuperiamo Patrick Enrici e Stefano Padovan. Ho visto la loro gara contro il Padova e il gol-vittoria contestato: per me si trattava di una partita da 0 a 0, dovremo stare attenti perché la Triestina ha giocatori di grande esperienza”.

Nelle ultime settimane il tecnico non si è sottratto alle domande della stampa, restando di fatto l’unico punto di contatto ufficiale tra la Samb e la città. “Ci sono io, ma siamo anche in contatto costante con il direttore Improta e il figlio, vengono in ritiro con noi e seguono gli allenamenti. Fa parte del mio dovere, della mia responsabilità presentarmi in conferenza stampa anche quando sono arrabbiato. Non sono mai venuto meno al mio dovere perché voi giornalisti non mi avete mai mancato di rispetto e io non voglio mancare di rispetto a voi. Non sono un fenomeno che si assume tutte le responsabilità, fa parte dei miei doveri da allenatore”.

Cosa aspettarci dunque dal match con la Triestina? “A Macerata i giocatori hanno messo in campo tutto. Non importa che manchino due o cinque partite, bisogna giocare al massimo per rispetto verso noi stessi, verso il gruppo e verso la gente che si è messa a disposizione per aiutarci. Si può giocare bene o male, ma a fine partite dobbiamo essere consapevoli di avercela messa tutta. Per me è importante mostrare come tutti uniti possiamo affrontare questo momento difficile per la città e per il club”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net