sabato, Maggio 15, 2021
Home > Sport in Pillole > Samb: trasferta insidiosa per i rossoblu in terra scaligera, attesi dalla Virtus Verona

Samb: trasferta insidiosa per i rossoblu in terra scaligera, attesi dalla Virtus Verona

samb

Samb: trasferta insidiosa per i rossoblu in terra scaligera, attesi dalla Virtus Verona

di Marco De Berardinis

Assenti Maxi Lopez, Lombardo, Padovan, D’Angelo, Mehmetaj, Enrici e Angiulli. Si giocherà domenica alle h.15:00. Il tribunale concede il concordato

Dopo la sconfitta interna contro il Cesena, la Samb renderà visita alla Virtus Verona del presidente/allenatore Luigi Fresco, gara valevole per la diciassettesima giornata di ritorno che si disputerà al Gavagnin-Nocini di Verona domenica 18 aprile alle h.15:00.

Scongiurato dunque il rischio che la gara di Verona saltasse, infatti sembra sia stata trovata la somma necessaria per la trasferta in terra scaligera, grazie all’intervento del commercialista Massimo Collina che nel pomeriggio di venerdì si è recato allo stadio Riviera delle Palme per parlare con i calciatori.

Tornando al calcio giocato, non sarà una gara facile per la Samb, ricordiamo che anche gli scaligeri hanno la casacca rossoblu, perché la Virtus, nonostante sia reduce da due sconfitte consecutive contro le corazzate Perugia e Sudtirol, pratica un buon calcio, gioca sempre per i tre punti e in casa è molto temibile.

La particolarità della Virtus Vecomp Verona è che dal 1982 Luigi Fresco è presidente e contemporaneamente allenatore, un fatto unico per quanto riguarda il calcio italiano ad ogni livello e categoria che gli sono valse le attenzioni dei principali media nazionali non solo sportivi. Per via del doppio incarico è salito agli onori della ribalta sportiva con il simpatico appellativo di Ferguson d’Italia“.

Gli scaligeri attualmente occupano l’undicesima posizione in classifica con 45 punti, ad un solopunto dalla zona play off, frutto di 10 vittorie, 15 pareggi e 10 sconfitte, con 39 reti fatte e 40 subite. Nel precedente turno casalingo, la Virtus è stata sconfitta 0-3 dal Perugia, mentre nell’ultimo turno

Contro i rossoblu veneti, il tecnico Montero non potrà disporre dello squalificato Angiulli e degli infortunati Shaka Mawuli, Padovan, Lombardo, Mehmetaj, Enrici, Maxi Lopez e D’Angelo, non convocati Lavilla e Serafino jr. Per quanto riguarda la formazione, De Chancio dovrebbe sostituire a centrocampo Angiulli, conferme per tutti coloro che hanno giocato contro il Cesena, lo stesso dicasi per il collaudato 4-4-2. Dunque dovrebbe essere questo l’undici anti Virtus: Nobile in porta, Fazzi, Biondi, D’Ambrosio e De Goicoechea in difesa, Botta, De Ciancio, Rossi e Liporace a centrocampo, Babic e Lescano di punta.

In casa scaligera il tecnico Fresco, nonostante la sconfitta, dovrebbe confermare la formazione di Bolzano mentre per quanto riguarda il modulo, dovrebbe tornare al classico 4-3-1-2 e scendere in campo con questo probabile undici iniziale: Sibi tra i pali, difesa a quattro con Daffara, Pellaccani, Visentin e Mazzolo, centrocampo a tre con Lonardi, Pinto e Del Carro, il fantasista sarà Danti, Pittarello e Arma le due bocche di fuoco.

All’andata la Samb si impose per 1-0, grazie ad una rete di Angiulli allo scadere del match. Per quanto riguarda i precedenti fra le due squadre al Gavagnin Nocini, c’è soltanto quello della stagione 2018/19 con la gara che terminò 1-2 in favore dei rivieraschi, alla rete di Grandolfo nel primo tempo, rispose una doppietta di Rapisarda nella ripresa.

L’arbitro dell’incontro sarà la signora Stefano Milone di Taurianova (RC). Il fischio d’inizio è fissato per le h.15:00 di domenica 18 aprile. La gara si disputerà a porte chiuse.

Crisi societaria – Nella giornata di venerdì 16 aprile, il giudice fallimentare del Tribunale di Ascoli Piceno Francesca Calcagna, ha accettato l’istanza di concordato in bianco presentata dal presidente della Sambenedettese Domenico Serafino, accordandogli 60 giorni di tempo per avanzarne una definitiva. In questo modo sono state sospese le procedure di pre-fallimento avviate con le otto istanze presentate da altrettanti creditori nei confronti del club rivierasco. In questo modo si blocca anche l’iter del fallimento tecnico, strada che l’amministrazione comunale intendeva percorrere per salvare il titolo sportivo e la categoria. Nel contempo il tribunale ha nominato i commissari giudiziali nelle persone di Franco Zazzetta e Massimiliano Pulcini.