lunedì, Novembre 29, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film d’autore stasera in TV: “Il filo nascosto” mercoledì 28 aprile 2021

Il film d’autore stasera in TV: “Il filo nascosto” mercoledì 28 aprile 2021

il filo nascosto

Il film d’autore stasera in TV: “Il filo nascosto” mercoledì 28 aprile 2021 alle 21 su Iris (Canale 22) 

Il filo nascosto (Phantom Thread) è un film del 2017 scritto, diretto e co-prodotto da Paul Thomas Anderson. Ambientato all’interno dell’industria della moda londinese degli anni cinquanta, vede nel cast Daniel Day-LewisLesley Manville e Vicky Krieps.

Il film segna l’ultima interpretazione di Day-Lewis, che nel giugno 2017 ha annunciato il suo ritiro dalla recitazione. Acclamato dalla critica, é spesso citato come uno dei migliori film del decennio 2010-2019.[1] La pellicola ha ottenuto 6 candidature ai Premi Oscar 2018, aggiudicandosi quello per i migliori costumi. [2]

Londra, secondo dopoguerra. Il rinomato stilista Reynolds Woodcock domina la scena della moda britannica: dal suo atelier passano le migliori clienti dell’aristocrazia e della borghesia europea. Il suo talento nel campo dell’alta sartoria si accompagna a un carattere maniacale che lo porta a voler tenere sotto controllo ogni aspetto della propria vita in maniera ossessivamente precisa. Sua sorella Cyril lo aiuta a condurre l’atelier, svolgendo un ruolo predominante nella sua carriera e nella sua esistenza. L’uomo ama attorniarsi di belle donne, che frequenta finché esse non reclamano la sua attenzione, totalmente indirizzata al lavoro.

Un giorno, dopo un importante lavoro, Reynolds si reca nella sua abitazione di campagna, e nel paese incontra Alma, una giovane e bella cameriera che lo affascina. Reynolds la sceglie come propria modella, musa ispiratrice e compagna di vita, portandola a vivere con sé nell’atelier. Qui la ragazza viene inizialmente osteggiata da Cyril, che la ritiene una delle tante conquiste del fratello; successivamente, grazie al suo carattere determinato, guadagna il rispetto della donna e diventa parte integrante del processo creativo.

Inizialmente Alma è felice della sua vita, ma ben presto viene soggiogata dalla personalità complessa di Reynolds: quanto più lei si innamora, più lui si isola e trova fastidiose le sue attenzioni. Dopo che lei fa di tutto per organizzare una romantica cenetta a due, lui le critica le modalità di preparazione dei cibi e le dice di non tollerare alcuna deviazione dalla perfetta routine sulla quale si imposta la sua vita. Alma, umiliata, pianifica una vendetta: aggiunge al tè di Reynolds un estratto di funghi velenosi.

Reynolds, che mostra i primi sintomi dell’intossicazione, cade su un abito da sposa confezionato per una principessa belga, rovinandolo; lo stilista cade preda di febbre e allucinazioni durante le quali vede lo spettro di sua madre con indosso il primo abito che lui abbia mai creato. Alma si prende cura di lui, e contemporaneamente aiuta le sarte a terminare l’abito da sposa, all’interno del quale trova una fettuccia ricamata con scritto “nessuna maledizione”. Capisce che Reynolds inserisce messaggi nei vestiti, o parti di oggetti; lui stesso indossa una giacca in cui ha inserito una ciocca di capelli della madre, come se il contatto sulla pelle potesse influenzare le esistenze, come un talismano o il suo opposto, una fattura. Quando guarisce, l’uomo si rende conto di non poter più fare a meno della devozione di Alma, così le chiede di sposarlo. La ragazza, inizialmente dubbiosa, subito dopo acconsente al matrimonio.

Il rapporto tra i due novelli sposi è inizialmente felice, ma ben presto i due tornano a una routine di litigi e prevaricazioni reciproche, con Alma che vorrebbe uscire e divertirsi assieme a suo marito e Reynolds totalmente dedito al proprio lavoro. A seguito della perdita di alcuni affari, Reynolds si confessa con Cyril attribuendo a sua moglie la colpa, chiedendosi se non sia arrivato il momento di mandarla via. Alma assiste a questa conversazione, impassibile.

Pochi giorni dopo serve al marito un’omelette ripiena di funghi velenosi. Quando l’uomo la assaggia, lei gli rivela il suo piano: lo vuole indebolire momentaneamente allo scopo di averlo sotto controllo e potersi prendere cura di lui, per poi tornare a essergli sottomessa una volta guarito. Reynolds inghiotte l’omelette, accettando al contempo il continuo alternarsi del rapporto vittima-carnefice propostogli da Alma. Alma assiste Reynolds durante la sua guarigione, immaginando un futuro sereno con un figlio e la gestione congiunta degli affari; la donna comprende che la loro relazione sarà sempre difficile, ma il loro amore prevarrà, anche grazie all’accordo silenzioso che intercorre tra i due.

Regia di Éric Lavaine

Con Lambert WilsonFranck Dubosc e Florence Foresti

Fonte: WIKIPEDIA