giovedì, Ottobre 28, 2021
Home > Mondo > Kabul, bomba esplode vicino ad una scuola: strage di studentesse

Kabul, bomba esplode vicino ad una scuola: strage di studentesse

i talebani

Kabul, bomba esplode vicino ad una scuola: strage di studentesse

KABUL – Una bomba è esplosa vicino a una scuola femminile in un distretto a maggioranza sciita di Kabul, uccidendo almeno 40 persone, molte dei quali giovani studentesse tra gli 11 ei 15 anni. I talebani hanno condannato l’attacco e negato ogni responsabilità.

Le ambulanze hanno evacuato i feriti mentre parenti e residenti hanno urlato alle autorità vicino alla scena dell’esplosione nella scuola di Syed Al-Shahda, nel quartiere di Dasht-e-Barchi, secondo quanto riferito dal portavoce del ministero dell’Interno Tariq Arian. Il bilancio delle vittime dovrebbe aumentare ulteriormente.

Il bombardamento, apparentemente mirato a provocare la massima carneficina tra i civili, aumenta i timori che la violenza nel paese devastato dalla guerra possa intensificarsi mentre gli Stati Uniti e la NATO stanno terminando quasi 20 anni di impegno militare.

I residenti nell’area hanno detto che l’esplosione è stata assordante. Uno, Naser Rahimi, ha detto all’Associated Press di aver sentito tre esplosioni separate, sebbene non ci sia stata alcuna conferma ufficiale di più esplosioni. 

Rahimi ha detto che l’esplosione è avvenuta mentre le ragazze stavano uscendo dalla scuola intorno alle 16:30 ora locale. Le autorità stanno indagando sull’attacco ma non hanno ancora confermato alcun dettaglio.

Sebbene nessuno abbia rivendicato l’attentato, la filiale dello Stato islamico afghano ha già preso di mira il quartiere sciita.

Il gruppo radicale musulmano sunnita ha dichiarato guerra alla minoranza musulmana sciita dell’Afghanistan. Washington ha incolpato l’ISIS per un feroce attacco lo scorso anno in un ospedale nella stessa zona che ha ucciso donne incinte e neonati.

A Dasht-e-Barchi, folle arrabbiate hanno attaccato le ambulanze e persino picchiato gli operatori sanitari mentre cercavano di evacuare i feriti, ha detto il portavoce del ministero della Salute Ghulam Dastigar Nazari.

In un vicino ospedale, i giornalisti dell’Associated Press hanno visto almeno 20 cadaveri allineati nei corridoi e nelle stanze, con dozzine di feriti e famiglie di vittime che premevano attraverso la struttura.

Nessuno ha immediatamente rivendicato l’attacco e il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha detto ai giornalisti in un messaggio che solo il gruppo dello Stato Islamico potrebbe essere responsabile di un crimine così atroce. Mujahid ha anche accusato l’agenzia di intelligence afghana di essere complice dell’IS, sebbene non abbia fornito prove.

I talebani e il governo afghano si sono scambiati le accuse per una serie di uccisioni mirate di lavoratori della società civile, giornalisti e professionisti afgani. Sebbene l’IS si sia assunto la responsabilità di alcuni di questi omicidi, molti non sono stati reclamati.

Il presidente afghano Ashraf Ghani ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna l’attacco, incolpando i talebani anche se lo negano. Non ha offerto prove.

L’IS ha già rivendicato attacchi contro minoranze sciite nella stessa area, lo scorso anno sostenendo due brutali attacchi a strutture educative che hanno ucciso 50 persone, la maggior parte studenti.

L’attacco arriva pochi giorni dopo che i restanti 2.500-3.500 soldati americani hanno ufficialmente iniziato a lasciare il paese. Usciranno al più tardi l’11 settembre. Il ritiro arriva tra i talebani in ripresa, che controllano o dominano oltre metà dell’Afghanistan.

Il massimo ufficiale militare degli Stati Uniti ha detto domenica che le forze del governo afghano affrontano un futuro incerto e forse alcuni “pessimi risultati possibili” contro i ribelli talebani mentre il ritiro accelera nelle prossime settimane.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net