lunedì, Agosto 2, 2021
Home > Italia > Smart working in Italia: due location da sogno fanno metà del lavoro

Smart working in Italia: due location da sogno fanno metà del lavoro

smart working

Smart working in Italia: due location da sogno fanno metà del lavoro. E molti tedeschi sono tentati

Tratto da un articolo pubblicato da www.geo.de, quotidiano on line tedesco

“Durante questa piovosa e grigia primavera in Germania, chi non sogna di trasferire lo smart working in climi più caldi? Due sedi italiane pagano la metà dell’affitto per le persone che lavorano virtualmente, se vivono e lavorano in Italia per un periodo di tempo 

Lavorare da casa è diventato parte della vita quotidiana di molti dipendenti dopo la pandemia da Coronavirus. Molti tedeschi vogliono continuare a lavorare da casa anche dopo la crisi. Ma chi dice che devi sederti tra le tue quattro mura per farlo? Chi non è legato al proprio posto di lavoro può aprire il proprio laptop sul balcone di un pittoresco villaggio italiano o di una cittadina storica, per esempio. Due posti in Italia vogliono attirare chi lavora da casa pagando una parte dell’affitto.

Molti luoghi in Italia stanno lottando con il fenomeno dell’abbandono della popolazione: molti giovani lasciano i villaggi e le piccole città per trovare un lavoro altrove. Santa Fiora in Toscana e Rieti nel Lazio hanno escogitato una strategia per contrastare questa tendenza: chiunque decida di spostare il proprio ufficio a casa nei villaggi per un periodo di tempo più lungo riceverà un buono per affitto pari fino fino al 50 percento del totale. Altro vantaggio: gli affitti a Santa Fiora e Rieti sono relativamente bassi.

Santa Fiora, non si tratta di vacanza pagata

Chiunque, in modo dimostrabile, lavora in smart working e vorrebbe vivere temporaneamente a Santa Fiora o Rieti può approfittare dell’offerta. Nel “Progetto Smart Village”, le località in Italia saranno dotate di Internet ad alta velocità e verranno allestiti i cosiddetti “laboratori” con postazioni di lavoro per nomadi digitali.

Santa Fiora si trova al centro della Toscana, un luogo che gli amanti della natura ameranno particolarmente. Durante le escursioni, ad esempio, è possibile esplorare il vicino Monte Amiata, una montagna di origine vulcanica. Oggi nel villaggio vivono solo circa 2.500 persone. Il sindaco Federico Balocchi vuole rilanciare il luogo con i nomadi digitali, come riferito al canale “Cnn” . Chi lavora da Santa Fiora ottiene un massimo di 200 euro o il 50 per cento dell’affitto totale rimborsato se trascorre da due a sei mesi a Santa Fiora. Dopo sei mesi, i nomadi digitali devono pagare l’affitto da soli. Gli affitti in zona vanno dai 300 ai 500 euro.

L’offerta non è rivolta ai turisti, ma a chi vuole vivere la vita di paese, afferma Balocchi: “L’obiettivo è motivare le persone a trasferirsi qui e lavorare virtualmente. Vogliamo che Santa Fiora diventi il ​​loro ufficio flessibile”. Ogni volta che un giovane lascia il villaggio, parte del luogo viene portato via.

È richiesta la prova del contratto di locazione e il lavoro nell’ufficio domestico

Se vuoi trascorrere parte dell’anno in un’atmosfera rilassata nella natura, devi descrivere in un documento dettagliato ciò che fai professionalmente – che si tratti di architettura, design o scrittura freelance. La descrizione del lavoro deve essere presentata insieme a una domanda. Inoltre, un contratto di locazione e il nuovo indirizzo devono essere utilizzati per dimostrare che vivi e lavori a Santa Fiora su base temporanea. L’affitto verrà rimborsato solo quando le ricevute di affitto saranno nell’ufficio del sindaco. 

Chi decide di vivere a lungo in città e ha un figlio, riceve un bonus baby di 1.500 euro per neonato. Chi apre un hotel, ostello o B&B viene sostenuto con 30.000 euro.

Opera nel piccolo comune di Rieti

Se preferisci qualcosa di un po ‘più urbano, troverai un’offerta simile a Rieti. La città si trova a circa 80 chilometri da Roma. Rieti è l’ex capitale della storica regione della Sabina nell’Italia centrale. È circondato da torri e mura medievali protettive. Nel centro storico ci sono belle piazze e magnifici palazzi. Rieti si trova in mezzo a una natura meravigliosa – la riserva naturale dei Laghi Reatini è molto vicina.

La piccola città conta circa 50.000 abitanti, ma la popolazione non cresce. “Siamo bloccati”, ha detto alla “CNN” il vicesindaco Daniele Sinibaldi. “I giovani scappano ancora a Roma in cerca di lavoro. Per questo abbiamo deciso di attirare a Rieti persone che lavorano da qualsiasi luogo, in modo che possano trasformarlo nel loro ufficio intelligente e rivitalizzare la città”.

Buoni noleggio per soggiorni di tre mesi o più

Chi soggiorna per almeno tre mesi può beneficiare del rimborso dell’affitto. I telelavoratori non devono risiedere direttamente a Rieti, ma possono cercare immobili anche nelle vicine zone rurali. “Per 600 euro, i telelavoratori possono ottenere un’intera villetta in un paesaggio tranquillo”, dice Sinibaldi. L’offerta a Rieti è ancora più allettante di quella a Santa Fiora: mentre chi lavora in ufficio a casa deve pagare da solo l’affitto dopo sei mesi nel borgo toscano, a Rieti è possibile prorogare i buoni d’affitto.

Un contratto di locazione preliminare è sufficiente per dare il via al tutto, dice Sinibaldi. Se vuoi stabilirti temporaneamente a Rieti, devi descrivere dettagliatamente il tuo lavoro di libero professionista. Per i dipendenti, il supervisore deve confermare lo stato di smart working.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.