mercoledì, Dicembre 1, 2021
Home > Mondo > La crisi umanitaria a Gaza si intensifica sotto l’attacco israeliano

La crisi umanitaria a Gaza si intensifica sotto l’attacco israeliano

gaza

La crisi umanitaria a Gaza si intensifica sotto l’attacco israeliano

Circa 10.000 rifugiati senza via d’uscita: la situazione per la popolazione civile nella Striscia di Gaza sta diventando sempre più disperata. Gli aiuti umanitari scarseggiano e anche il territorio sta combattendo la pandemia

L’aviazione israeliana a volte lancia avvertimenti quando sta per bombardare obiettivi a Gaza per dare alla popolazione civile il tempo di mettersi al riparo. Ma, ha detto un portavoce militare, ciò non è stato possibile quando gli attacchi aerei hanno preso di mira quella che i funzionari hanno detto essere la rete di tunnel di Hamas.

Il gruppo islamico palestinese Hamas , che detiene il controllo politico della Striscia di Gaza dal 2007 ed è designato come organizzazione terroristica dagli Stati Uniti e dall’UE, integra deliberatamente le sue strutture militari nelle strutture civili. Circa 2.000 razzi sono caduti su Israele da lunedì , la maggior parte dei quali sono stati lanciati da aree residenziali nella Striscia di Gaza. 

Come nei precedenti violenti scontri nel conflitto tra israeliani e palestinesi, questa settimana la situazione della popolazione civile nella Striscia di Gaza si è nuovamente deteriorata. Secondo i dati delle Nazioni Unite, circa 10.000 persone hanno già lasciato le loro case per paura che un’offensiva sia imminente. 

Una famiglia uccisa, tra cui otto bambini

Ciò che distingue i rifugiati a Gaza da quelli in tutte le altre regioni del conflitto del mondo è che la loro via di fuga è tagliata dalla recinzione lungo il confine. Senza un permesso rilasciato da Israele o dal suo vicino meridionale, l’Egitto, non c’è modo per potersene andare.

Sedici scuole gestite dall’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro (UNRWA), che ha fornito sostegno umanitario ai rifugiati nei territori palestinesi, sono state convertite con breve preavviso in rifugi di emergenza. Matthias Schmale, direttore dell’UNWRA con responsabilità per Gaza, afferma che il primo compito dell’agenzia è stato quello di sostenere le persone sul campo. “Faremo il possibile per fornire a questi sfollati il supporto essenziale”.

Circa 140 persone sono state uccise e 1.000 ferite nella Striscia di Gaza dall’inizio degli attacchi aerei israeliani. Secondo gli operatori umanitari palestinesi, solo nelle prime ore di sabato 10 membri di un’unica famiglia allargata, tra cui otto bambini, sono morti in un attacco a una casa nel campo profughi di Shati.

“Non portavano armi, non sparavano razzi”, ha detto il padre di quattro dei bambini. Sono stati uccisi, ha detto, “indossando i loro vestiti migliori per l’Eid al-Fitr”, la festa dello zucchero che i musulmani celebrano alla fine del mese di digiuno del Ramadan.

Un totale di 40 bambini sono stati uccisi a Gaza da lunedì, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia UNICEF. Altri due sono stati uccisi in Israele.

Molte merci scarseggiano a Gaza

Gli attacchi complicano anche il lavoro delle organizzazioni umanitarie, su cui fa affidamento gran parte della popolazione civile della Striscia di Gaza. Nel 2019, secondo una valutazione dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), il 75% della popolazione di Gaza di 1,6 milioni dipendeva dalle scorte di cibo e un terzo dei farmaci di base non era disponibile.

L’elettricità e l’acqua potabile sono beni permanentemente scarsi. E poiché i valichi di frontiera con Israele sono stati completamente chiusi dal 10 maggio, non viene consegnato carburante. Il diesel scarseggia già, un carburante urgentemente necessario, tra le altre cose per le ambulanze e i generatori di elettricità.

Almeno sembra che ci sia ancora una fornitura adeguata di prodotti alimentari di base, ha detto Matthias Schmale dell’UNRWA. Tuttavia, è preoccupato che le cose possano cambiare “se le persone scappano dalle loro case e devono rimanere in rifugi di emergenza o con i parenti”. Anche l’acqua potrebbe rapidamente diventare una merce rara.

La seconda ondata si sta appena placando

A peggiorare le cose, gli abitanti di Gaza devono anche far fronte alla minaccia latente del coronavirus . La variante B.1.1.7, apparsa per la prima volta nel Regno Unito, ha provocato una seconda ondata di pandemia nella Striscia di Gaza. Lì sono iniziate le vaccinazioni, ma mentre in Israele il 62% della popolazione ha già ricevuto almeno una dose, solo il 5% delle persone nei territori palestinesi ha ricevuto una vaccinazione.

All’inizio di maggio, secondo Medici Senza Frontiere, la Striscia di Gaza, che è molto più piccola e ha meno residenti rispetto alla Cisgiordania, ha rappresentato oltre il 60% dei casi attivi di COVID-19 nei territori palestinesi. Al momento ci sono più di 1.000 nuove infezioni al giorno e gli ospedali erano già pieni prima degli attacchi di questa settimana.

La nuova escalation militare è iniziata proprio quando c’erano segnali che la seconda ondata poteva essere vicina alla fine.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net