mercoledì, Dicembre 8, 2021
Home > Marche > La Giunta di San Benedetto stanzia 400.000 euro per piscina e illuminazione

La Giunta di San Benedetto stanzia 400.000 euro per piscina e illuminazione

la giunta

La Giunta di San Benedetto stanzia 400.000 euro per piscina e illuminazione

Con una delibera di variazione del Bilancio di previsione approvata su proposta dell’assessore al bilancio Gian Luigi Pepa, la Giunta comunale di San Benedetto ha, tra le altre cose, stanziato 200.000 euro provenienti dalle maggiori entrate derivanti dai versamenti per gli oneri di urbanizzazione alla verifica dei pali della pubblica illuminazione pericolosi e alla sostituzione dei sostegni ammalorati. Altri 200.000 euro, sempre provenienti dagli oneri di urbanizzazione, sono invece destinati a riqualificare l’impianto natatorio “Primo Gregori”.

“Tra le problematiche che mi sono state rappresentante dopo il mio insediamento – dice l’assessore Pepa – quella della pubblica illuminazione e la situazione della piscina costituivano sicuramente una priorità. In entrambi i casi non sono più rinviabili interventi di manutenzione straordinaria. Mi sono dunque attivato per reperire fonti di finanziamento e ho ottenuto buone notizie dal settore Urbanistica che mi hanno consentito di portare all’esame della Giunta questa delibera”.

“Con il provvedimento approvato – aggiunge il sindaco Pasqualino Piunti – diamo importanti risposte a due esigenze molto avvertite. E’ nota la situazione in cui versano numerosi impianti di pubblica illuminazione, laddove è stato possibile siamo intervenuti con le risorse esistenti ma era necessario effettuare un monitoraggio completo per programmare gli interventi di manutenzione. Il complesso “Gregori” ha invece bisogno di interventi di manutenzione straordinaria, soprattutto sulla copertura, che finalmente ora potranno essere eseguiti”.

Con lo stesso atto, approvato dalla Giunta, viene sterilizzato l’aumento della TARI previsto nel piano finanziario della tassa approvato a dicembre conseguente alla diminuzione delle entrate e agli aumenti dei costi per lo smaltimento dei rifiuti sostenuti durante la fase più acuta della pandemia. “Come impone la legge, a dicembre – spiega l’assessore Pepa – l’Amministrazione dovette approvare quel piano che prevedeva il recupero di quei maggiori oneri, stimati in 690mila euro, sulla tassa rifiuti delle annualità 2021, 2022 e 2023. Ma già allora ci fu l’impegno dell’Amministrazione comunale a reperire le risorse per annullare quegli aumenti. Con l’arrivo dei trasferimenti statali del cosiddetto “fondone” necessario a coprire i costi della pandemia, la mia prima preoccupazione è stata quella di intervenire proprio sugli aumenti previsti che ora infatti vengono annullati. E’ nostro impegno prioritario – conclude Pepa – non chiedere altri soldi ai cittadini, soprattutto in questo momento, e l’obiettivo è stato raggiunto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net