domenica, Giugno 20, 2021
Home > Mondo > Canada, i resti di 215 bambini indigeni rinvenuti in una ex scuola

Canada, i resti di 215 bambini indigeni rinvenuti in una ex scuola

canada

Canada, i resti di 215 bambini indigeni rinvenuti in una ex scuola

CANADA – I resti di 215 bambini, tra cui alcuni di appena tre anni, sono stati trovati in una fossa comune sul terreno di un’ex scuola residenziale che un tempo era parte di uno progetto nazionale per separare i bambini indigeni dalle loro famiglie nel tentativo di assimilarli.

Il Tk’emlúps te Secwépemc First Nation ha annunciato la scoperta giovedì in un comunicato stampa .

Il capo Rosanne Casimir l’ha definita una “perdita impensabile” e ha affermato che mentre si parlava a lungo delle morti, la scuola residenziale non le ha mai documentate.

“Per quanto ne sappiamo, questi bambini scomparsi sono morti senza documenti”, ha detto Casimir. 

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha affermato che la scoperta è stata straziante, definendola “un doloroso ricordo di quel capitolo oscuro e vergognoso della storia del nostro paese”.

Il sistema scolastico residenziale in Canada è servito come collegio obbligatorio per i giovani indigeni ed è stato gestito dalle chiese e dal governo federale per più di 150 anni durante il XIX e il XX secolo.

Le condizioni nelle scuole erano pessime. I bambini spesso non potevano parlare la propria lingua e ricevevano dure punizioni se lo facevano. Molti hanno subito abusi fisici e sessuali e il personale non è stato ritenuto responsabile.

Nel 2015, un rapporto del Centro nazionale per la verità e la riconciliazione ha stimato che più di 150.000 bambini hanno frequentato queste scuole e più di 6.000 sono morti, senza mai tornare a casa.

Quello che è successo nelle scuole è stato un “genocidio culturale” secondo il rapporto della Commissione per la verità e la riconciliazione.

Il rapporto afferma che le scuole residenziali erano “un tentativo sistematico, sponsorizzato dal governo, di distruggere le culture e le lingue aborigene e di assimilare i popoli aborigeni in modo che non esistessero più come popoli distinti”.

Nel 2008, il governo canadese si è scusato formalmente con le Prime Nazioni e le comunità indigene per le scuole e il trattamento dei bambini.

L’annuncio di giovedì è solo il primo dei risultati preliminari. L’indagine del resto del cortile della scuola è destinata a continuare e “si spera che porti un po’ di pace e chiusura a quelle vite perse e alle loro comunità d’origine”, secondo la dichiarazione della Tk’emlúps te Secwépemc First Nation.

Quando e come sono morti i bambini è ancora da determinare, ma il resto dei risultati preliminari dell’indagine sui terreni dovrebbe essere comunicato a metà giugno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.