martedì, Novembre 30, 2021
Home > Italia > Locatelli (Cts): “Nelle prossime ore parere su AstraZeneca”

Locatelli (Cts): “Nelle prossime ore parere su AstraZeneca”

Dal 1° dicembre

Locatelli (Cts): “Nelle prossime ore parere su AstraZeneca”

“Il vaccino AstraZeneca può dare fenomeni di trombosi con abbassamento delle piastrine. Per questo c’era la raccomandazione per l’uso preferenziale sugli over 60 anni. Ora lo scenario epidemiologico è cambiato, con la vaccinazione siamo a una fase più favorevole, si è aperta una riflessione nel Cts (Comitato tecnico scientifico)e un confronto con l’Aifa (agenzia del farmaco)”. Così il coordinatore del Cts, Locatelli. “Nelle prossime ore ci sarà un parere e nessuno dubiti che vengano sottovalutati segnali di allerta sulla sicurezza”.

Le valutazioni potrebbero condurre ad adottare limiti di non fattibilità sotto i 30 o i 40 anni, come ha puntualizzato il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, “mentre una revisione non la farei sopra i 50 anni, perché il rapporto tra rischi e benefici è indubbiamente, anche con la circolazione attuale, a favore del beneficio”.   

L’ipotesi, quindi, sarebbe quella di non somministrare le dosi sotto i 50 anni perché la quasi totalità dei rarissimi casi di trombosi associata a carenza di piastrine, eventi culminati anche con la morte in seguito a emorragie cerebrali, hanno colpito nel mondo persone giovani, soprattutto donne. Non è escluso che si possa scendere anche ai 30 o 40 anni, età in cui il rapporto tra il rischio di effetti gravi e beneficio di non ammalarsi di Covid sono a favore del primo.

Non ce l’ha fatta Camilla Canepa, la 18enne di Sestri Levante ricoverata domenica all’ospedale San Martino di Genova con una gravissima trombosi al seno cavernoso e conseguente emorragia cerebrale. Due settimane prima, il 25 maggio, la giovanissima studentessa del liceo tecnologico, una sorella ventenne, aveva ricevuto il vaccino AstraZeneca dopo aver partecipato al primissimo ‘open day’ che in Liguria ha consentito agli ‘over 18’ di chiedere volontariamente di ricevere vaccini a vettore virale, come appunto AstraZeneca. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net