venerdì, Ottobre 22, 2021
Home > Abruzzo > Trabocco Vento di Scirocco, assaporando l’Adriatico

Trabocco Vento di Scirocco, assaporando l’Adriatico

San Vito Chietino – Andiamo alla scoperta del Trabocco Vento di Scirocco, suggestivo locale a picco sul mare alla marina di San Vito Chietino.

I Trabocchi sono uno degli elementi più distintivi della silhouette della costa abruzzese e da tempo sono il biglietto da visita per tutti i turisti che vogliono scoprire il nostro mare assaporandone i sapori in una cornice suggestiva e affascinante.
Già da anni queste antiche strutture adibite alla pesca vivono una seconda giovinezza nella nuova veste di locali tipici, opportunamente riconvertiti per ospitare i visitatori che scelgono un pranzo o una cena diversi dal solito.

Tra i molti Trabocchi – ristoranti che costellano la costa della provincia di Chieti, oggi siamo andati alla scoperta del Trabocco Vento di Scirocco, dal quale è possibile ammirare un panorama invidiabile che abbraccia il porto di Ortona e il paese di San Vito Chietino e dove si possono gustare piatti tipici della tradizione ittica abruzzese in un’atmosfera familiare e accogliente.
A raccontarci il Trabocco Vento di Scirocco è la signora Giuliana, titolare dell’attività turistico – ristorativa sul trabocco sul molo della Marina di San Vito Chietino, di proprietà della famiglia Verì.

“Vento di Scirocco nasce come ristorante nel 2013: in quel periodo erano molti i Trabocchi che si trasformavano da strutture di pescatori in attività turistico-ricreative e mi è venuta quindi l’idea di dare nuova vita anche al nostro Trabocco. Rispetto agli altri, però, siamo stati innovatori assoluti nel proporre aperitivi di pesce” racconta la signora Giuliana “L’idea è piaciuta, tanto che dopo di noi sono stati in molti a percorrere la stessa strada”.

“L’aperitivo di pesce” continua la signora Giuliana “comprende un menu leggero e sfizioso, una degustazione con tre o quattro portate di antipasti e fritturina di pesce. È il nostro marchio di fabbrica e ci permette di raggiungere una fascia più ampia di visitatori: gli spazi ristretti tipici dei Trabocchi, infatti, permettono solo a poche persone alla volta di consumare i pasti principali; con l’aperitivo, invece, tutti possono visitare il Trabocco”.

“Mangiare sul Trabocco esercita un fascino indiscutibile che attrae molti turisti” prosegue Giuliana “Vento di Scirocco, poi, è anche di facile accesso trovandosi sul molo di San Vito Chietino”.

Tradizione e modernità perfettamente mescolate: questo è Vento di Scirocco: “Ho sempre prediletto la cucina semplice marinara, quella che facevano le nostre nonne” spiega Giuliana “utilizziamo solo pesce dell’Adriatico e cerchiamo di esaltarlo al suo meglio nei piatti della nostra tradizione”.

Un atteggiamento che viene apprezzato dai numerosi clienti di Vento di Scirocco, che appartengono alle più disparate categorie. Molti turisti, anche stranieri, come è facile aspettarsi ma non solo: “passiamo dalle coppiette e tutto il filone romantico” ci svela Giuliana “ma a pranzo sono presenti un po’ tutte le fasce d’età. I giovani sono tantissimi, anche grazie alla proposta dell’aperitivo”.

Tiene molto al territorio e alla sua valorizzazione la signora Giuliana, come si capisce dalle sue parole: “il Trabocco è il trampolino di lancio per far conoscere tutte le bellezze dell’Abruzzo, che sono di fatto uniche e irripetibili” ci spiega “per fare turismo significa vedere sì i Trabocchi ma poi vedere tutta la regione: non solo il mare ma anche la montagna e la collina. I Trabocchi sono solo una parte delle stupende meraviglie che l’Abruzzo ha da offrire”.

Turismo ma anche tradizione, che si esprime al suo meglio nelle ricette proposte da Vento di Scirocco. Il menu spazia nell’Adriatico e propone piatti tipici dell’Abruzzo marinaro. “Noi proponiamo un menu fisso per pranzo e cena e non potremmo fare altrimenti: i Trabocchi offrono pochi posti a sedere e non possiamo puntare sulla quantità” ricorda Giuliana “Tra i nostri piatti, uno dei più particolari sono i Tacconcini alla Vento di Scirocco: si tratta di tacconcini di pasta fresca fatti con farina di semola e acqua cotti con il sughetto di crostacei; altrettanto tipica è la nostra Chitarrina allo scoglio. Il discorso è sempre quello di valorizzare i sapori del nostro territorio, motivo per cui uso solo prodotti locali e freschissimi: sono le materie prime a fare la differenza”.

Passando all’argomento Covid-19, che tanto ha fatto penare il settore del turismo e della ristorazione nell’ultimo anno, la signora Giuliana spiega che l’aspetto stagionale dei Trabocchi si è rivelato in realtà una fortuna: “il Trabocco lavora solamente in estate e questo si è rivelato una fortuna perché ci ha permesso di lavorare al meglio in un periodo di contagi bassi” racconta Giuliana “abbiamo quindi risentito meno di altri ristoranti della situazione pandemica, anche se i costi non sono stati indifferenti. Il turismo straniero, che è una grossa fetta del nostro lavoro, è stato praticamente inesistente nell’ultimo anno ma è stato compensato dalla presenza di molti turisti italiani che, di contro, non potevano fare vacanze all’estero”.

Vento di Scirocco è già prontissimo per la riapertura, che è prevista per il 25 giugno prossimo: “proporremo sicuramente molte novità ma non possiamo ancora anticipare nulla” conclude la signora Giuliana “creeremo tutto una volta sul posto. Quello che mi interessa, quest’anno come sempre finora, è comunque il trasmettere qualcosa a chi viene a trovarci: ci tengo che a Vento di Scirocco le persone si sentano a proprio agio, come se fossero a casa propria”.

Il molo della Marina di San Vito Chietino dove il primo è il Trabocco Vento di Scirocco

Tratto da Discovery Abruzzo Magazine