sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Lazio > Codici: parte civile nel processo sullo scandalo dei diamanti

Codici: parte civile nel processo sullo scandalo dei diamanti

codici

Codici: parte civile nel processo sullo scandalo dei diamanti, i risparmiatori possono ancora chiedere il risarcimento

ROMA – Riceviamo e pubblichiamo: L’associazione Codici è stata ammessa come parte civile al processo relativo alla vicenda dei diamanti da investimento, su cui lunedì scorso al Tribunale di Milano si è tenuta la prima udienza. Sono 105 le persone coinvolte tra manager e dipendenti di banche e società di vendita di pietre preziose. Uno scandalo che affonda le radici nel 2017. I diamanti sono stati venduti a prezzi superiori rispetto al valore di mercato e senza fornire informazioni adeguate sull’operazione finanziaria ai risparmiatori, assistiti oggi in aula anche dall’associazione Codici.

“Quello che era stato prospettato come un investimento vantaggioso – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – si è rivelato un azzardo disastroso per tanti risparmiatori. E certamente non a causa loro, che si sono fidati dei consigli e delle proposte ricevute dai rappresentanti delle società e delle banche coinvolte in questo autentico scandalo. Prezzi fuori mercato, informazioni inadeguate, purtroppo non una novità in un settore che si conferma un campo minato per i consumatori. Le responsabilità, a nostro avviso, sono chiare, così come le conseguenze: i risparmiatori devono essere risarciti. Ed è per questo che ci batteremo in aula, pronti ad assistere altre vittime, come ad esempio chi non ha ricevuto un rimborso da parte della banca”.

“Il risarcimento è doveroso – aggiunge Davide Zanon, Segretario di Codici Lombardia – e non solo per l’impossibilità di rivendere le pietre preziose, che non hanno mercato, ma anche per i danni morali derivanti da un investimento che dopo essere stato presentato e proposto come un’iniziativa dal guadagno assicurato si è trasformato in una clamorosa perdita. Basti pensare che parliamo anche di decine e decine di migliaia di euro, somme che per alcuni rappresentano i risparmi di una vita. Uno scandalo su cui è doveroso fare giustizia”.

Mentre il processo è appena iniziato, i risparmiatori danneggiati che non sono riusciti ad ottenere un rimborso da parte del proprio istituto di credito possono ancora far valere i propri diritti affidandosi all’assistenza legale di Codici. È possibile mettersi in contatto con l’associazione telefonando al numero 06.55.71.996 o scrivendo all’indirizzo segreteria.sportello@codici.org oppure rivolgendosi alla delegazione Lombardia attraverso i numeri 02.36.50.34.38, 351.79.79.897 oppure tramite l’indirizzo codici.lombardia@codici.org.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione scrive senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è la Associazione culturale “La Nuova Italia” che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net