lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Overland 19” del 14 agosto alle 7.05 su Rai 1: colori e riti in Rajasthan  

Anticipazioni per “Overland 19” del 14 agosto alle 7.05 su Rai 1: colori e riti in Rajasthan  

overland

Anticipazioni per “Overland 19” del 14 agosto alle 7.05 su Rai 1: colori e riti in Rajasthan

(none)

Il viaggio di “Overland 19”, sabato 14 agosto alle 7.05 su Rai1 farà tappa in Rajasthan. L’impressione è di vivere fuori dal mondo in un eden di bellezza nascosta, di storia passata, di debordante ricchezza millenaria, di battaglie e guerre, di popolazioni miti e devote che vivono nel nulla del deserto. Le fantastiche città incontrate sulla strada avvolgono di magia il team con i loro colori: Jodhpur, la città blu, e Jaipur, la città rosa. La carovana si spinge poi in un villaggio lontano dalle grandi città alla scoperta dei Bishnoi, una tribù di ambientalisti tra i più determinati al mondo. Infine la carovana giunge a Delhi, la maestosa capitale divisa tra modernità e tradizione con molto da offrire. Dalle fortezze ai negozi di lusso, da chef e hotel 5 stelle, alla storia di Ghandi e delle sue lotte per l’abolizione delle caste.

Il Rajasthan (hindi: राजस्थान), è lo Stato federato più grande dell’India (342.239 km², il 10,4% dell’area totale del Paese) ed è, con i suoi 68.621.012 (2011) abitanti, l’ottavo Stato più popolato; lingue ufficiali sono l’hindi ed il rajasthani. È situato nella parte settentrionale del Paese e comprende gran parte del vasto e inospitale Deserto del Thar (conosciuto anche come il “Deserto del Rajasthan” e “Gran Deserto Indiano”). A ovest confina con il Pakistan lungo la valle dei fiumi Sutlej e Indo. Per il resto confina con altri Stati federati indiani: Gujarat a sud-ovest, Madhya Pradesh a sud-est, Uttar Pradesh e Haryana a nord-est e Punjab a nord. La capitale, nonché la città più grande, è Jaipur, situata nella parte orientale.

Lo Stato si è formato il 30 marzo 1949 quando la storica regione del Rajputana – così chiamata a causa del dominio della dinastia Rajput e quasi interamente coincidente con il moderno Rajasthan – venne fatta confluire nel Dominion of India. Terra un tempo divisa tra i principati dei raja in guerra fra loro, di pastori nomadi, fortezze, tradizioni antiche, è un baluardo del tradizionalismo e conservatorismo indiano. È oggi governata dal Congresso Nazionale Indiano.

Si trovano nel Rajasthan le rovine della civiltà della valle dell’Indo a Kalibanga e il complesso dei templi giainisti Dilwara, importante meta di pellegrinaggio nell’unica stazione montuosa del Rajasthan, il Monte Abu, nell’antica catena dei monti Aravalli. A est si trova il Parco nazionale di Keoladeo, vicino a Bharatpur, sito dichiarato Patrimonio dell’Umanità[1] e noto per la presenza della più importante riserva di volatili dell’India. Il Rajasthan è anche la sede di due riserve nazionali per la tigre indiana, il Parco nazionale di Ranthambore, nella municipalità di Sawai Madhopur, ed il Parco nazionale di Sariska presso Alwar.

Una regione storica del Rajasthan fu il Dhundhar. Overland.