martedì, Settembre 21, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Lillian Hellman in TV del 20 agosto alle 15.40 su RAI 5: “Piccole volpi”

Anticipazioni per il Grande Teatro di Lillian Hellman in TV del 20 agosto alle 15.40 su RAI 5: “Piccole volpi”

le piccole volpi

Anticipazioni per il Grande Teatro di Lillian Hellman in TV del 20 agosto alle 15.40 su RAI 5: “Piccole volpi” con Lydia Ferro

(none)

“Dal cinema al teatro” con Rai5

Le “Piccole volpi” di Lillian Hellman, proposto nella versione scenica del 1965 diretta per la RAI da Vittorio Cottafavi e interpretata da Lydia Ferro nel ruolo che fu di Bette Davis nel film omonimo del 1941 firmato da William Wyler: è l’appuntamento che Rai Cultura propone giovedì 20 agosto alle 15.45 su Rai5 per il ciclo “Dal cinema al teatro”. Tra gli interpreti, oltre a Lydia Ferro, Enzo Cerusico, Mario Feliciani, Diana Torrieri, Giancarlo Sbragia, Aldo Rendine, Laura Efrikian, Roldano Lupo, Dorothy Fisher, Archie Savage.  
Ambientata nel profondo Sud degli Stati Uniti agli albori del Novecento, la commedia, rappresentata per la prima volta nel 1939 a Broadway, è incentrata sulle vicende di una ricchissima famiglia di proprietari terrieri: un uomo d’affari in precarie condizioni di salute e sua moglie, donna ambiziosa e senza scrupoli. Testimone impotente degli scontri fra i due coniugi è la figlia, una ragazza candida e ingenua che per la prima volta aprirà gli occhi sulla malvagità, le menzogne e i sotterfugi del ramo materno della propria famiglia, in cui le leggi dell’affetto sono soffocate da una feroce avidità.  

Le piccole volpi è un dramma teatrale di Lillian Hellman, rappresentato a Broadway nel 1939, interpretato da Tallulah Bankhead.

Produttore e regista della commedia fu Herman Shumlin. Lo spettacolo andò in scena il 15 febbraio 1939 al National Theatre di Broadway, chiudendo dopo 410 recite il 3 febbraio 1940.

Primavera 1900. La gelida Regina Hubbard, che appartiene a una famiglia di avidi e ipocriti imprenditori dell’Alabama, specula su un losco affare combinato con i fratelli, lascia morire il marito senza prestargli soccorso e si aliena l’amore dell’unica figlia.

La prima rappresentazione italiana – che era anche la prima europea – è stata il 5 dicembre 1941 al Teatro Carignano di Torino con la Compagnia delle Arti diretta da Anton Giulio Bragaglia, interpretata da Lola BracciniDino Di LucaAngelo Calabrese, Giovanni Dolfini, Ada Cannavò, Itala Martini, Anita Giarotti[1].