lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Sport in Pillole > Sport, Samb: la società che fa capo a Manolo Bucci si è aggiudicata il bando del comune

Sport, Samb: la società che fa capo a Manolo Bucci si è aggiudicata il bando del comune

Sport, Samb: la società che fa capo a Manolo Bucci si è aggiudicata il bando del comune

di Marco De Berardinis

Sarà l’imprenditore romano a far ripartire la Samb dalla serie D

Il 19 agosto è stata nominata la Commissione di valutazione delle proposte pervenute al Comune per l’assegnazione del titolo sportivo della città, che permette all’aggiudicatario di poter iscrivere in sovrannumero il nuovo club al campionato di serie D.

Nel documento si legge, pubblicato nell’Albo Pretorio, vengono nominati i quattro membri della Commissione, che dovranno “esprimere un parere in merito alle stesse, al fine di supportare il sindaco nella scelta della società da accreditare presso la Figc per l’iscrizione al campionato di serie D”.

I membri della Commissione sono l’avvocato Domenico Paolo Gaetani, il commercialista e revisore Walter De Carolis, la dirigente del Settore Politiche Sociali Welfare e Sviluppo Strategico del comune Catia Talamonti e il dirigente del Settore Risorse Economiche e Finanziarie Antonio Rosati. “Quattro membri esperti, scelti tra professionisti esterni e dirigenti comunali competenti nelle materie oggetto di valutazione, si legge nell’atto del comune.

In data odierna, 20 agosto la stessa commissione ha assegnato il titolo sportivo della città alla SSD Sambenedettese 1923 a responsabilità limitata, che ha come referente l’imprenditore romano Manolo Bucci, in passato ex presidente rossoblu insieme a Claudio Moneti, con alle spalle Claudio Lotito presidente della Lazio.

Il gruppo che fa capo all’imprenditore romano ora avrà il compito di iscrivere la squadra in serie D e versare 400.000 euro (350.000 euro per l’scrizione e 50.000 euro di tasse) necessarie ad inserire la Samb in quarta serie.

Il sindaco all’aggiudicatario del titolo sportivo, ha chiesto ed ottenuto la presenza di una rappresentanza di imprenditori locali che costituiranno un “comitato d’onore” che avranno il compito di occuparsi del settore giovanile.