sabato, Settembre 18, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Wesker in TV del 9 settembre alle 15.40 su Rai 5: “Radici”

Anticipazioni per il Grande Teatro di Wesker in TV del 9 settembre alle 15.40 su Rai 5: “Radici”

radici

Anticipazioni per il Grande Teatro di Wesker in TV del 9 settembre alle 15.40 su Rai 5: “Radici” con Lea Massari

Radici 8/8 - YouTube

Per il Grande Teatro in TV oggi giovedì 9 settembre alle 15.40 va in onda su Rai 5 il dramma “Radici” scritto da Arnold Wesker.

La opera teatrale è proposta nell’edizione televisiva realizzata dalla Rai nel novembre 1971 con la regia di Maurizio Scaparro e l’interpretazione di Adriana Innocenti, Sergio Tofano e Lea Massari.

Radici (Roots) (1958) è il secondo spettacolo di Arnold Wesker nella trilogia politica di Wesker. [1] La prima parte è Chicken Soup with Barley e la commedia finale è I’m Talking about Jerusalem . [2]

 Radici si concentra su Beatie Bryant mentre fa il passaggio dall’essere una donna della classe operaia non istruita, ossessionata da Ronnie, il suo fidanzato liberale invisibile, a una donna che può esprimere se stessa e le lotte del suo tempo. È scritto nel dialetto Norfolk delle persone su cui si concentra, ed è considerato uno dei drammi del lavello della cucina di Wesker. Roots è stato presentato per la prima volta al Teatro di Belgrado ,Coventry maggio 1959 con Joan Plowright in testa [3] prima del trasferimento al Royal Court Theatre , Londra . [4]

Atto 1

Beatie ritorna nella sua nativa Norfolk per stare con sua sorella.

Atto 2

Beatie visita i suoi genitori.

Atto 3

Beatie e la sua famiglia attendono l’arrivo di Ronnie, fino a quando arriva una sua lettera che annuncia che sta lasciando Beatie.

Estratto

“Pensi che contiamo davvero? Non vuoi far caso a quello che dicono tutti questi giornali sugli operai che sono importanti in questi giorni – è tutto squit!” Perché non lo siamo. Pensi quando il vero talento le persone nel paese si mettono al lavoro si mettono al lavoro per noi? Inferno se lo fanno? Pensi che non sappiano che non faremo lo sforzo? Gli scrittori non scrivono pensando che possiamo capire, né i pittori don dipingiamo aspettandoci che siamo interessati – che non lo facciano, né i compositori distribuiscono musica pensando che possiamo apprezzarla. “Blust”, dicono, “le masse sono troppo stupide per farci scendere a loro. Blust “, dicono,” se non fanno nessuno sforzo, perché dovremmo preoccuparci? “Quindi sai chi vieni? I cantanti slop e gli scrittori pop e i cineasti e le riviste femminili e i giornali scandalistici e le storie d’amore delle strisce di foto – ecco che arrivano, e non devi fare nessuno sforzo per loro, è facile … tutto il mondo commerciale puzzolente ci insulta e non ci importa niente. Bene, Ronnie ha ragione: è colpa nostra. Vogliamo il terzo tasso – ce l’abbiamo! “[5]

Fonte: WIKIPEDIA