lunedì, Novembre 29, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “L’ombra dell’asino” di Strauss del 27 ottobre alle 10 su Rai 5: dal Teatro di Corte di Napoli

Anticipazioni per “L’ombra dell’asino” di Strauss del 27 ottobre alle 10 su Rai 5: dal Teatro di Corte di Napoli

l'ombra dell'asino

Anticipazioni per “L’ombra dell’asino” di Richard Strauss del 27 ottobre alle 10 su Rai 5: con la regia di Sandro Sequir e la direzione di Franco Mannino dal Teatro di Corte di Napoli

Per la Grande Musica Lirica in TV in onda oggi mercoledì 27 agosto alle 10 su Rai 5 l’opera incompiuta “L’ombra dell’asino” di Richard Strauss nel primo allestimento in Italia andato in scena nell’ottobre 1968 a Teatro di Corte di Napoli per la chiusura del decimo Autunno Musicale Napoletano per l’interpretazione di Renato Cesari ed Aldo Bertocci.

L’ombra dell’asino è una commedia musicale o una commedia musicale (con somiglianze con un’opera ) in sei fotogrammi per oratore, solisti e orchestra di Richard Strauss . È l’ultima opera del compositore sul e non ha potuto essere completato da lui a causa della sua morte. Il libretto di Hans Adler . [1]

Nel 1947, il direttore del liceo benedettino di Ettal chiese a Richard Strauss se poteva scrivere un allegro Singspiel per i suoi studenti su base umanistica o cristiana. L’anziano compositore acconsentì subito, ma chiese un testo, se possibile, sul tema degli abderiti . Gli abitanti della città tracia di Abdera erano considerate gente semplice ed erano, per so dire, i cittadini scudo dell’antichità. Hans Adler scrisse un libretto basato su un episodio del romanzo satirico Die Abderiten di Christoph Martin Wieland , e l’opera divenne Des Esels Schattenchiamato. Storie con lo stesso titolo compaiono anche in versioni alternative nell’antichità.

Richard Strauss morì nel 1949 mentre disegnava la composizione.Karl Haußner , insegnante di musica al liceo benedettino del monastero di Ettal, già direttore d’orchestra e studenti di composizione di Joseph Haas , aggiunse e organizzò il lavoro e lo preparò per l’esecuzione. [2] La prima rappresentazione ebbe luogo il 7 giugno 1964 nella Sala Benedettina tenutasi a Ettal. Il gioco è stato ed è occasionalmente rappresentato, spesso come “opera giovanile”, ad esempio all’Antikenfestspiele di Treviri , nonché a Gießen , Dresda e Uelzen[3] [4] [5]

Trama

Struthion, un dentista, noleggia un asino da Antrax, un autista di asini, per trasportare merci nella città tracia di Abdera. Per sfuggire al caldo ardente del giorno, Struthion va all’ombra dell’asino. Antrax gli dice di non farlo perché ha affittato l’asino, ma non la sua ombra, dal dentista. Seguirono lunghe battaglie legali, che si conclusero solo quando la morte dell’asino, che fu dimenticata nel lungo litigio e morì di fame, divenne nota.

L’ombra dell’asino è la storia di un assurdo processo adAbdera , l'”antica Schilda“. La versione più antica della storia viene dall’antichità ed è attribuita aDemostene, che trasferì alla retorica di corte la famosa frase per combattere per l’ombra di un asino . [1]

L’antico oratore Demostene parlò agli Ateniesi e gli fu impedito di terminare il suo discorso. Poi cominciò a raccontare di un ateniese che aveva affittato un asino e voleva riposarsi all’ombra dell’asino nel caldo di mezzogiorno . L’asino, però, glielo ha impedito perché gli aveva affittato l’asino, ma non la sua ombra. Tuttavia, l’ateniese sosteneva di aver affittato anche l’Ombra. Allora Demostene smise di parlare. Quando gli ateniesi gli chiesero di finire il suo discorso, disse loro:“ Quindi vuoi sentire parlare dell’ombra di un asino, ma non vuoi sentirmi parlare di cose series! ” [2]

Fonte del testo : Il testo è del III / IV secolo. Secolo dC, l’autore è sconosciuto. Si trova nella vitae decem oratorum= vita di dieci oratori che una volta premiati da Plutarco e nei suoi Moralia erano anche tramandate, quindi chiamato pseudo-Plutarco. La fonte del testo: Plutarco (pseudo-Plutarco), Moralia 848A/B (= vitae decem oratorum, cap. 8, Demostene).

Testo originale , Plutarco, Moralia, 848A / B: λέγειν δέ ποτε κωλυόμενος ὑπὸ Ἀθηναίων ἐν ἐκκλεσίᾳ, βραχὺ ἔφη βούλεσς ναι πρνς ντς ς ντς πρνς. τῶν δὲ σιωπησάντων, νεανίας, εἶπε, θέρους ὥρᾳ ἐμισθώσατο ἐξ ἄστεος ὄνον Μεγάραδε · μεσούσης δὲ τῆς ἡμέρας καὶ σφοδρῶς φλέγοντος τοῦ ἡλίου ἑκάτερος αὐτῶν ἐβούλετο ὑποδύεσθαι ὑπὸ τὴν σκιάν · εἴργον δὲ ἀλλήλους, ¼ μὲν μεμισθωκέναι τὸν ὄνον οὐ τὴν σκιὰν λέγων , ὁ δὲ μεμισθωμένος τὴν πᾶσαν ἔχειν ἐξουσίαν. αὶ ταῦτα εἰπὼν ἀπῄει. Ἀθηναίων ἐπισχόντων αὶ δεομένων πέρας ἐπιθεῖναι τῷ λόγῳ , μὲν ὄνου σκιᾶς, ἒφη, βούλεσθε ἀκούειν, λέγοντος δὲ ὑπὲρ μὲν σπουδαίων πραγμάτων οὐ βούλεσθε.

Traduzione , Plutarco, Moralia, 848A / B: ma una volta impedito di parlare davanti agli Ateniesi nell’assemblea popolare, egli (Demostene) disse che voleva dire loro qualcosa di breve. Quando tacquero, disse: “Un giovane ha affittato un asino dalla città (Atene) a Megara durante l’estate. Ma a metà giornata e quando il sole batteva forte, ognuno dei due voleva ascoltare all’ombra (dell’asino). Si sono stretti l’un l’altro, ma uno ha detto che aveva affittato l’asino, non l’ombra, l’altro che aveva affittato il diritto di avere tutto. ”E dopo che lui (Demostene) ebbe detto questo, se ne andò. Ma quando gli ateniesi lo fermarono e gli chiesero di aggiungere la fine della storia, disse: “Oh, vuoi sentire qualcosa sull’ombra dell’asino, ma quando parlo di importanti questioni di stato, non vuoi (Ascoltare).”

Demades

C’è un episodio simile dell’oratore Demades , un avversario di Demostene, narrato da Esopo , Favola 63: Per attirare l’attenzione dell’assemblea popolare, Demades racconta loro una favola: Demetra, una rondine e un’anguilla camminano lungo la strada e arrivano un fiume; la rondine vola sopra, l’anguilla si immerge; tutti ascoltano con attenzione, ma Demades tace, e quando il pubblico chiede di Demetra, li rimprovera per la loro mancanza di interesse per importanti affari di stato.

Wieland

La stessa storia è raccontata da Christoph Martin Wieland nei suoi Abderites. Un dentista affitta unasinoper un giorno per un viaggio . Mentre si sdraia per riposare all’ombra dell’asino, il proprietario che lo accompagna chiede un altro affitto per l’ombra. Gli avvocati sono contenuti della seguente polemica legale:”Ebbene, signore, cosa ci fa lì,” disse il conducente dell’asino, “cosa dovrebbe significare?” – “Mi siedo un po ‘all’ombra”, rispose struthion, “perché il sole mi picchia sulla testa in modo insopportabile.” – “No, mio ​​buon signore,” rispose l’altro, “non ci siamo comportati così! Ti ho affittato l’asino, ma nessuno ha pensato all’ombra”. [3]

Con questo, Wieland disegna un’immagine satirica degli sviluppi politici contemporanei nel XVIII secolo descrivendo con precisione la società antica. [4]

C’è anche il Singspiel Des Esels Schatten di Richard Strauss[5]