lunedì, Novembre 29, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film d’autore stasera in TV: “Bekas – In viaggio per la felicità” sabato 6 novembre 2021

Il film d’autore stasera in TV: “Bekas – In viaggio per la felicità” sabato 6 novembre 2021

bekas

Il film d’autore stasera in TV: “Bekas – In viaggio per la felicità” sabato 6 novembre 2021 alle 21.25 su TV 2000 (Canale 28)

Bekas (film) - Wikipedia

Bekas è un film del 2012 diretto da Karzan Kader ed interpretato dai protagonisti Zamand Taha e Sarwar Fazil.

È girato in lingua curda; uscito nelle sale italiane nel 2015.

Ambientato nel Kurdistan iracheno durante la guerra in Iraq degli anni ’90 e sotto il regime di Saddam HusseinBekas (lett. “Orfani”) narra la storia di Zana e Dana, due fratelli orfani che trascorrono le loro giornate lucidando scarpe e arrangiandosi come possono.

Il loro punto di riferimento è Baba Shalid, un anziano signore cieco che gestisce un negozio di radio usate, ma un giorno muore lasciando i due fratelli nello sconforto.

Dopo aver visto il film di Superman nel cinema locale, senza nessun parente e senza nessun legame, decidono di mettersi in marcia per raggiungere l’America e incontrare Superman. Prima provano con un trasportatore di clandestini vendendo quello che possono, ma non hanno fortuna, e poi con un asino che comprano con i pochi risparmi che hanno, che chiamano Michael Jackson.

Si incamminano verso questo luogo che immaginano ricco di luci e di grattacieli ma pensano che la distanza sia piccola in quanto, da una cartina, scambiano l’America con l’Europa.

Arrivati al confine pensano di passare tranquillamente con l’asino, non impiegano molto a capire che il passaggio non è facile con tanti militari e carri armati a sorvegliare.

Dopo varie vicissitudini tentano il passaggio clandestino saltando sui camion di merci ma le loro traversie non si fermano in quanto devono poi attraversare una zona minata. Alla fine si accorgono che, nonostante l’America, il loro legame è sempre più stretto.

Regia di Karzan Kader

Con: Zamand Taha e Sarwar Fazil

Fonte: WIKIPEDIA