sabato, Dicembre 4, 2021
Home > Mondo > Facebook apre la strada al “Metaverso” di Zuckerberg

Facebook apre la strada al “Metaverso” di Zuckerberg

facebook

Facebook apre la strada al “Metaverso” di Zuckerberg

Nel suo visionario “Neuromante”, William Gibson ha concettualizzato il “cyberspazio” come un’infinita zona virtuale tridimensionale che imitava infinitamente la realtà. Sarebbe mai stato possibile per gli umani creare uno spazio così allucinatorio? Ancora più importante, vale anche il prezzo? Ad entrambe queste domande, Mark Zuckerberg e il suo team di dirigenti dell’ex società Facebook hanno dato la risposta: sì.

Facebook ha rivelato il suo piano per il cambio di nome circa due settimane e mezzo fa. Il 28 ottobre è stato annunciato ufficialmente che Facebook, la società madre proprietaria di Facebook, Instagram, WhatsApp, Oculus e altri, sarebbe stata ribattezzata “Meta Platforms Inc”. Il logo dell’azienda sarebbe cambiato dall’iconico pollice in su “Mi piace” a un simbolo infinito blu a forma di lettera “M”. 

È difficile non associare questo rebranding prematuro a un’intenzione di fondo di distrarre il pubblico dalla recente crisi delle pubbliche relazioni di Facebook, che è stata innescata dall’uscita di “Facebook Papers” da parte di Frances Haugen Haugen è un ex Product Manager di Facebook diventato un informatore che “è diventato sempre più allarmato dalle scelte che l’azienda fa dando priorità ai propri profitti rispetto alla sicurezza pubblica e mettendo a rischio la vita delle persone”.

Per rendere giustizia a Facebook, la ragione più intima del rebrand risale almeno ad agosto, quando Zuckerberg ha posto un’enfasi strategica futura sulla costruzione del “metaverso” in una chiamata agli utili, secondo The New Yorker . 

Coniato nel romanzo del 1992 “Snow Crash”, “metaverse” è un ambiente virtuale condiviso e interattivo, in cui gli esseri umani possono connettersi tra loro. Perché Facebook ha deciso di cambiare nome? In parole povere, lo scopo principale del cambio di nome è quello di riflettere l’ambizione dell’azienda di raggiungere più dimensioni della vita delle persone di quante non abbia già – il che è piuttosto preoccupante, considerando gli effetti già devastanti di Facebook – allargando la divisione sociale, causando ansia e così via.

Sebbene etichettare il cambio di nome solo come un diversivo intenzionale dalla cattiva pubblicità di Facebook non sia necessariamente accurato, il rebranding e i problemi di sicurezza di Facebook sono effettivamente interconnessi. Il massiccio finanziamento degli investimenti nel metaverso avrebbe potuto essere, almeno in parte, utilizzato per migliorare la sicurezza di Facebook. 

Haugen ha detto nella sua testimonianza al Comitato del Senato degli Stati Uniti per il commercio, la scienza e i trasporti, che la società ha dedicato $ 10 miliardi a Metaverse, mentre ha dato solo $ 5 miliardi alla divisione sicurezza. Questa allocazione di denaro sorprendentemente ineguale, insieme al nuovo nome “Meta”, ha smentito l’ambizione sfacciata di Zuckerberg e del suo team di espandere la società.

 In effetti, Meta ha pianificato di aprire 10.000 nuove posizioni di lavoro nell’Unione Europea per reclutare talenti per la costruzione del metaverso. Considerando quanto la piattaforma di social media di Facebook ha preso in considerazione in ogni aspetto della vita moderna, immagina cosa potrebbe riservare questa visione del metaverso per il futuro. “Le nostre vite fisiche sono già così sature di Facebook e delle sue altre proprietà che l’azienda deve costruire nuove strutture per le iterazioni virtuali delle nostre vite e quindi dominare anche quelle per continuare ad espandersi”, ha scritto Kyle Chayka per The New Yorker.

Inoltre, il concetto di un mondo onnicomprensivo con realtà virtuale, realtà aumentata e realtà mista fa presagire un tono inquietante per quasi tutti coloro che hanno familiarità con opere di fantascienza che illustrano esistenze simili, incluso ma non limitato al già citato “Neuromante”, ” Snow Crash” e, più recentemente, “Westworld” e “Upload”.

In un summit web a Lisbona, l’ex investitore di Facebook Roger McNamee ha espresso il suo scetticismo alla BBC : “Facebook non dovrebbe essere autorizzato a creare un metaverso distopico”, ha detto. “È una cattiva idea e il fatto che siamo tutti seduti a guardare questo come se fosse normale dovrebbe essere allarmante per tutti”.

A questo punto, costruire il metaverso vale i pericoli che comporta? Certo, i valori si evolvono mentre il mondo cambia e, naturalmente, non ci si aspetta che ogni giudizio sia scolpito nella pietra prima che ci siano anche i mezzi per costruire un “metaverso”. Ma quando alla fine arriverà quel metaverso, e se arriverà, dovremmo permettere a un’azienda che ha un curriculum morale così discutibile di prendere il testimone di plasmare l’etica in questa nuova atmosfera?

Fonte: https://www.dukechronicle.com/article/2021/11/facebook-meta-zuckerberg-social-media

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione scrive senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è la Associazione culturale “La Nuova Italia” che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net