mercoledì, Dicembre 1, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film drammatico stasera in TV: “Sleepers” sabato 13 novembre 2021

Il film drammatico stasera in TV: “Sleepers” sabato 13 novembre 2021

sleepers

Il film drammatico stasera in TV: “Sleepers” sabato 13 novembre 2021 alle 21 su Iris

Sleepers (1996).png

Sleepers è un film del 1996 diretto da Barry Levinson ed interpretato da Jason Patric, Brad Pitt, Kevin Bacon e Robert De Niro tratto dall’omonimo romanzo autobiografico di Lorenzo Carcaterra[1]Sleepers, in slang americano, ha vari significati e indica anche i ragazzi dei riformatori con un probabile futuro da delinquenti.

«Questa è la vera storia di un’amicizia che va oltre i legami di sangue.»
(Tagline del film)

Lorenzo Carcaterra (soprannominato “Shakes”), Michael Sullivan, John Reilly e Tommy Cohen Marcano sono quattro amici adolescenti che vivono ad Hell’s Kitchen, un quartiere piuttosto malfamato di Manhattan. I ragazzi vivono una realtà sociale con codici di comportamento dettati dalla malavita e sopportano situazioni familiari davvero molto difficili, trovando conforto solo nell’unione della loro amicizia e nell’ambiente che li protegge e che non tollera sgarri nei confronti degli abitanti della zona. Le uniche persone ad interagire con loro sono Carol Martinez, una ragazza di origini portoricane e irlandesi, e padre Roberto Carrillo, un prete con un passato da delinquente per il quale tre dei giovani servono messa e che fa loro da figura paterna, tenendo d’occhio i loro comportamenti. Nonostante ciò i quattro, per guadagnare dei soldi facili, iniziano a fare delle piccole commissioni per l’anziano boss locale, King Benny.

In una torrida giornata dell’estate del 1967, i quattro feriscono accidentalmente un passeggero che stava uscendo dalla stazione della metropolitana, con un pesante carrello degli hot dog che avevano tentato di rubare quasi per scherzo: i ragazzi vengono condannati al riformatorio maschile Wilkinson nello stato di New York; Tommy, Michael e John devono scontare 12-18 mesi, mentre Shakes 6-12 mesi. Il gruppo viene recluso nel braccio sorvegliato da quattro secondini di cui la guardia Sean Nokes funge da leader. Dopo una rissa in mensa con un altro detenuto, i ragazzi vengono presi di mira dai quattro sorveglianti e vengono sottoposti, per l’intera durata della loro detenzione, a violenze fisiche e abusi sessuali; l’esperienza cambia per sempre i membri del gruppo e la loro amicizia.

Durante la permanenza dei ragazzi nella struttura, partecipano alla partita di rugby annuale della Wilkinson tra guardie e detenuti. Michael convince Rizzo, un giovane detenuto nero, che dovrebbero giocare il più duramente possibile per mostrare alle guardie che possono reagire ai loro abusi. Rizzo, inizialmente riluttante, accetta e aiuta la sua squadra a vincere la partita. Come conseguenza, tutti e quattro i ragazzi vengono picchiati e gettati in isolamento per diverse settimane, mentre Rizzo viene pestato a morte dalle guardie che coprono l’omicidio comunicando alla sua famiglia che è morto di polmonite.

Entro la primavera del 1968, poco prima del rilascio di Shakes da Wilkinson, il ragazzo insiste con i suoi amici sul fatto che dovrebbero denunciare pubblicamente le violenze. Gli altri rifiutano poiché Michael afferma che non verrebbero creduti o che nessuno si preoccuperebbe davvero anche dopo il loro rilascio. La notte prima del rilascio collettivo dei ragazzi, Nokes dice che lui e le altre guardie hanno organizzato per loro una “festa di addio”, durante la quale infliggono abusi particolarmente brutali sui ragazzi.

Quattordici anni dopo, la notte del primo novembre 1981, John e Tommy, nel frattempo divenuti killer professionisti e tossicodipendenti, entrano in una tavola calda. Mentre si reca al bagno, John riconosce Nokes che ora è una guardia di sicurezza privata; dopo essere tornato al bancone, invita l’amico a osservare il tizio seduto all’angolo in fondo a sinistra e anche Tommy lo riconosce. Si confrontano con lui, il quale però nega gli abusi sostenendo di “averli resi più forti”, al che i due si vendicano sparandogli ripetutamente di fronte a dei testimoni. Michael, divenuto sostituto procuratore distrettuale, riesce a fare in modo che gli venga assegnato il caso e informa Shakes, impiegato alle rubriche in un quotidiano, che ha seguito negli anni i sorveglianti che li abusarono: uno di loro, Adam Styler, è diventato un poliziotto corrotto; un altro, Henry Addison, lavora per il sindaco e coltiva ancora la pratica della pedofilia; l’ultimo, Ralph Ferguson, è ora un rispettabile cittadino che lavora nei servizi sociali. L’intento di Michael è segretamente quello di rovinare l’accusa ed esporre i crimini avvenuti a Wilkinson. L’avvocato d’ufficio assegnato a John e Tommy è Danny Snyder, un uomo ormai finito, drogato e alcolizzato, che vorrebbe patteggiare la pena, ma che viene convinto da King Benny a sostenere la tesi dell’innocenza; verrà informato da Shakes, su istruzioni di Michael, in merito alle domande e alle obiezioni da fare durante il dibattimento. Vengono aiutati nel piano da Carol, diventata assistente sociale, e da King Benny.

Il piano di Michael funzionerà solo se può danneggiare la reputazione di Nokes e collocare John e Tommy in un altro luogo al momento della sparatoria. Ferguson, quando viene chiamato in tribunale come testimone a favore di Nokes, viene messo sotto pressione e ammette che lui, Nokes e altre guardie hanno abusato dei ragazzi detenuti. Per concludere il caso, tuttavia, serve un testimone chiave che possa fornire a John e Tommy un alibi. Shakes ha una lunga conversazione con padre Bobby, che all’inizio si rifiuta di testimoniare falsamente ma – dopo che Shakes gli parla degli abusi subiti- accetta con riluttanza. Al processo, padre Bobby testimonia che John e Tommy erano con lui a una partita dei New York Knicks al momento della sparatoria e ha tre matrici di biglietti per dimostrarlo. Di conseguenza, John e Tommy vengono assolti .

Anche le restanti guardie vengono punite per i loro crimini: Addison viene ucciso da Little Caesar, un boss della droga locale e fratello maggiore di Rizzo; Styler viene arrestato per aver preso tangenti e ucciso uno spacciatore e Ferguson perde il lavoro e la famiglia a causa della sua ammissione in tribunale.

Michael, Shakes, John, Tommy e Carol si incontrano in un bar per festeggiare l’evento, mentre la voce fuori campo di Shakes spiega cosa succederà loro: Shakes rimarrà un giornalista e vivrà a Hell’s Kitchen, Michael lascerà l’ufficio del procuratore distrettuale, si trasferirà nella campagna inglese a fare il falegname e non si sposerà mai. Carol rimane in città come assistente sociale e ha un figlio, che chiama come i suoi quattro amici; tuttavia, sia John che Tommy moriranno giovani senza aver superato i trent’anni, uno a causa di una bottiglia di gin distillata illegalmente e l’altro perché assassinato, vedendo quindi la loro sorte segnata irrimediabilmente da quanto accaduto nel riformatorio Wilkinson.

Regia di Barry Levinson

Con Jason Patric, Brad Pitt, Kevin Bacon e Robert De Niro

Fonte: WIKIPEDIA