giovedì, Gennaio 27, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Onegin” di John Cranko del 4 gennaio alle 10 su Rai 5: dal Balletto di Stoccarda nel 2017

Anticipazioni per “Onegin” di John Cranko del 4 gennaio alle 10 su Rai 5: dal Balletto di Stoccarda nel 2017

onegin

Anticipazioni per il balletto “Onegin” di John Cranko del 4 gennaio alle 10 su Rai 5: la versione del Balletto di Stoccarda nel 2017

Onegin - Ballett von John Cranko - YouTube

Per il grande balletto in TV oggi pomeriggio 30 aprile alle 17.30 su RAI 5 il sipario si apre sulla danza con un grande classico del balletto: “Onegin” di John Cranko, coreografo britannico fra i più importanti del Novecento.

Ispirato all’omonimo romanzo in versi di Aleksandr Puškin che Cranko rivisitò nel 1965 su musiche di Pëtr Il’č Čajkovskij arrangiate e orchestrate da Kurt-Heinz Stolze, il balletto è proposto nella versione eseguita dal Balletto di Stoccarda nel 2017 con la direzione musicale di James Tuggle. 

Onegin è un balletto coreografato da John Cranko su musica di Pëtr Il’ič Čajkovskij, tratto dal romanzo di Aleksandr Puškin Eugenio Onegin. Il balletto venne eseguito per la prima volta alla Staatsoper Stuttgart di Stoccarda nel 1965.

Trama

Atto I

Scena 1 – Il giardino di Madame Larina Nel giardino di casa, Madame Larina con le figlie Olga e Tatiana e la governante stanno finendo di cucire gli abiti per la festa di compleanno di Tatiana. Mentre pensano al futuro, delle ragazze del posto eseguono danze folkloristiche secondo cui chi guarderà nello specchio vedrà il proprio vero amore. Lensky, un giovane poeta fidanzato con Olga, arriva da San Pietroburgo con l’amico Eugene Onegin, annoiato dalla vita di città. Tatiana si innamora a prima vista dell’affascinante sconosciuto, che però la vede solo come una ragazzina ingenua e romantica.

Scena 2 – La camera da letto di Tatiana Quella notte Tatiana sogna di Onegin e al risveglio gli scrive una lettera d’amore che chiede alla governante di consegnare.

Atto II

Scena 1 – Il compleanno di Tatiana Mentre i locali si accalcano alla festa di Tatiana, Onegin fatica a non annoiarsi in mezzo ad una compagnia così provinciale e finisce con l’essere sgarbato. L’uomo è anche infastidito dalla lettere di Tatiana, considerandola solo un vezzo adolescenziale. Straccia la lettera di fronte alla giovane, dicendole di non poterla amare. Il principe Gremin, un lontano parente di Tatiana, arriva alla vesta e Madame Larina spera che l’aristocratico possa sposare la figlia, che però è troppo addolorata per notare Gremin. Onegin è talmente annoiato da cominciare a flirtare con Olga per infastidire Lensky, che però cede alla provocazione sfida l’amico a duello.

Scena 2 – Il duello Tatiana ed Olga provano a convincere Lensky a non duellare con l’amico, ma il giovane non sente ragioni e viene ucciso in duello con Onegin.

Atto III

Scena 1 – San Pietroburgo Anni dopo Onegin torna a San Pietroburgo dopo aver viaggiato per il mondo. Il giovane va a un ballo a casa del principe Gremin, dove si meraviglia della trasformazione di Tatiana da forosetta ad elegante princepessa. Onegin si accorge quindi di aver perso tanta bellezza a causa del suo vecchio rifiuto e se ne addolora.

Scena 2 – La camera da letto di Tatiana Onegin scrive una lettera d’amore a Tatiana e le chiede di vederla, ma la principessa rifiuta. La giovane supplica il marito di non lasciarla sola quella sera. Onegin viene a trovarla e le dichiara tutto il suo amore: Tatiana si rende conto che il ravvedimento dell’uomo è sincero ma, pur amandolo, tra loro non può esserci niente dato che è sposata con Gremin e Onegin ha ucciso Lensky. Tatiana straccia la lettera di Onegin e gli ordina di andarsene per sempre.

Eugenio Onegin (in russo: Евгений Онегин?traslitteratoEvgenij Onegin) è un romanzo in versi[1] di Aleksandr Puškin, composto dal 1822 al 1831 e pubblicato completo per la prima volta nel 1833[2].

Eugenio Onegin è il nome del personaggio principale della storia: è un giovane dandy ozioso, già disilluso dalla vita e che sembra aver già provato tutto quello che gli era possibile, provando una certa noia esistenziale, si ritira in campagna e diventa amico di un giovane poeta, Vladimir Lenskij. Questi è innamorato di Olga con cui si è appena fidanzato. La sorella di Olga, Tatiana, si innamora a prima vista di Onegin. Ardendo di questo amore, ella gli scrive una lettera infiammata, ma Onegin la respinge.

Qualche tempo dopo, Lenskij insiste perché il suo amico assista al ballo in occasione dell’onomastico di Tatiana. Onegin, scontento e annoiato, decide di vendicarsi provando a sedurre Olga che sta al gioco, con grande dispiacere di Lenskij che sentendosi tradito chiede riparazione con un duello.

Il duello con le pistole si svolge il giorno dopo all’alba. Il destino vuole che Onegin uccida il suo amico trovandosi costretto a lasciare la città.

Alcuni anni dopo Onegin incontra per caso un suo cugino principe e generale che lo invita a un ricevimento. Vi ritrova Tatiana che ha sposato il principe. Ella è molto cambiata e la sua bellezza provoca molti rimpianti a Onegin che si rende conto dell’errore commesso tempo prima rifiutandola. Le confessa il suo amore, ma è troppo tardi: Tatiana preferisce restare fedele a suo marito, anche se il suo amore per Onegin è ancora vivo.