venerdì, Maggio 20, 2022
Home > Mondo > Il Cremlino rilancia: la NATO non entri in Ucraina e lasci Romania e Bulgaria

Il Cremlino rilancia: la NATO non entri in Ucraina e lasci Romania e Bulgaria

mosca

Mosca: via la Nato da Romania e Bulgaria

Il Cremlino alza il tiro nelle trattative avviate con l’amministrazione Biden per evitare un conflitto in Ucraina, ed oltre ad opporsi ad ogni estensione della NATO nei territori governati da Kiev chiede addirittura il ritiro del fronte occidentale anche dalle zone strateghiche dei Balcani orientali di Romania e Bulgaria che facevano parte fino al 1989 del Patto di Varsavia.

La Russia vuole infatti il ritiro delle truppe straniere della Nato da Romania e Bulgaria, che dell’Alleanza atlantica fanno parte. La richiesta è sul tavolo di un eventuale trattato per la de-escalation della crisi ucraina. Incontro a Ginevra tra il ministro russo degli Esteri Lavrov e il suo omologo Usa Blinken:colloquio “aperto e utile”, ha detto Lavrov, ora Mosca aspetta la risposta scritta degli Usa sulle garanzie di sicurezza chieste per trattare, “la settimana prossima”, specifica.

OK di Biden ai Paesi Baltici per rinforzi in Ucraina: Mosca irritata annuncia esercitazioni navali

Continua ad aumentare la tensione fra la Casa Bianca di Biden ed il Cremilino di Putin per la pressionme militare esercitata dalle truppe russe ai confini orientali dell’Ucraina nella zona delle repubbliche secessioniste filorusse di Donetsk e Lugansk nell’area del Donbass.

Oggi infatti arriva lOk degli Stati Uniti alla richiesta dei Paesi baltici di inviare armi americane all’Ucraina, nell’ambito della minaccia di un’offensiva militare russa. Lo ha riferito un funzionario del dipartimento di Stato a Berlino, dove sono in corso colloqui con il segretario di Stato Usa, Blinken, sulla crisi ucraina.

Nel frattempo la Marina russa annuncia esercitazioni navali in tutte le aree di responsabilità delle sue flotte. Lo riferisce ministero della difesa russo.

Biden: “Gli Stati Uniti risponderanno se la Russia invaderà l’Ucraina”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha garantito a Volodymyr Zelenskyy che Washington e i suoi alleati “risponderanno in modo deciso” se la Russia deciderà di invadere l’Ucraina.

I due presidenti hanno parlato al telefono giorni dopo che Biden ha tenuto la seconda conversazione in un mese con Putin in mezzo alle tensioni al confine della Russia con l’Ucraina, dove la Russia ha ammassato circa 100.000 soldati.

“Il presidente Biden ha chiarito che gli Stati Uniti e i suoi alleati e partner risponderanno in modo deciso se la Russia invaderà ulteriormente l’Ucraina”, ha dichiarato la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki.

Biden e Zelenskyy hanno discusso dei preparativi per una serie di imminenti incontri diplomatici per affrontare la crisi.

Zelenskyy ha twittato in seguito di aver apprezzato il “sostegno incrollabile” degli Stati Uniti e che la chiamata “dimostra la natura speciale” delle relazioni tra i due paesi.

Alti funzionari statunitensi e russi si riuniranno il 9 e 10 gennaio a Ginevra per discutere della crisi. Sono inoltre previsti colloqui tra Russia e Consiglio NATO e una riunione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Biden ha affermato di aver detto a Putin che era importante per i russi adottare misure per alleviare la crisi prima di quegli incontri.

Discutendo la chiamata con Putin venerdì, Biden ha dichiarato: “Non ho intenzione di negoziare qui in pubblico, ma abbiamo chiarito che non può – sottolineerò, non può – invadere l’Ucraina”.

Il leader degli Stati Uniti ha aggiunto, in un commento ai giornalisti durante un soggiorno di vacanza in Delaware, di aver “messo in chiaro al presidente Putin che avremo sanzioni severe, aumenteremo la nostra presenza in Europa, con gli alleati della NATO” se la Russia invaderà l’Ucraina.

Il consigliere per gli affari esteri di Putin ha detto ai giornalisti la scorsa settimana che Putin ha avvertito Biden che il perseguimento di sanzioni “potrebbe portare a una rottura completa delle relazioni tra i nostri paesi e le relazioni Russia-Occidente saranno gravemente danneggiate”.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione scrive senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è la Associazione culturale “La Nuova Italia” che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net