giovedì, Maggio 26, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Zona Bianca” del 9 febbraio alle 21.25 su Rete 4: eliminare il Green pass?

Anticipazioni per “Zona Bianca” del 9 febbraio alle 21.25 su Rete 4: eliminare il Green pass?

zona bianca

Anticipazioni per “Zona Bianca” del 9 febbraio alle 21.25 su Rete 4: è giunto davvero il momento di eliminare il Green pass?

Giuseppe Brindisi: "Vi portiamo nella Zona Bianca, tra vaccini e proteste"  - Tgcom24

Nuovo appuntamento con Giuseppe Brindisi

Mercoledì 9 febbraio, nuovo appuntamento con “Zona Bianca”, il programma di attualità e approfondimento condotto da Giuseppe Brindisi in prima serata su Retequattro.

Tra multe per chi non si vuole vaccinare, proteste e i diversi pareri del mondo della scienza, Zona Bianca proverà a rispondere alla domanda della settimana: è giunto davvero il momento di eliminare il Green pass?

E ancora, nuove inchieste sui leader dei no-vax, che in questi mesi hanno dato origine a complotti e fake news, diventate virali.

Non mancherà, inoltre, un approfondito focus sulla crisi economica che interessa il nostro paese: tra rincari e aumenti delle bollette, ci si chiederà quali sono le soluzioni del Governo per uscire da questa situazione.

Zona bianca è un programma televisivo italiano di genere talk showpolitico e rotocalco, in onda su Rete 4[1] dal 7 aprile 2021 ideato e condotto da Giuseppe Brindisi, il mercoledì in prima serata[2][3]. Il programma va in onda dallo studio 7 del Centro di produzione Mediaset di Cologno Monzese.

Il programma nasce per sostituire gli speciali di Stasera Italia con la conduzione di Barbara Palombelli[1], andando in onda dal 7 aprile 2021[4] in prima serata su Rete 4[2]. Il programma tratta le vicende legate alla politica italiana intervistando politici.

Il programma è ideato e condotto da Giuseppe Brindisi, ed è a cura della testata giornalistica italiana e indipendente Videonews e con la produzione del TG4. La regia è affidata a Paolo Riccadonna, mentre l’aiuto regia è affidato a Martina Pace. La scenografia è affidata a Roberto Bassanini, mentre i costumi sono affidati a Maria Luisa Bondesan. La produzione è affidata a Marco Ferrante, mentre quella esecutiva a Paolo Levati.

Il titolo del programma è un auspicio per la fine del tempo d’attesa causato dalla pandemia di COVID-19 e la speranza di un ritorno alla normalità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net