sabato, Maggio 21, 2022
Home > Mondo > Ucraina, come risponde il Paese alle crescenti voci su una possibile invasione

Ucraina, come risponde il Paese alle crescenti voci su una possibile invasione

ucraina

Ucraina, come risponde il Paese alle crescenti voci su una possibile invasione

Con le tensioni tra la Russia e l’Occidente in aumento e fino a 130.000 soldati russi ammassati ai suoi confini , l’Ucraina sta affrontando una situazione sempre più difficile, cercando di prepararsi al peggio pur vivendo nell’incertezza su ciò che la Russia deciderà alla fine di fare.

Tale incertezza è stata accresciuta solo da un grande divario tra gli avvertimenti statunitensi su un’invasione e la determinazione dell’Ucraina a non farsi prendere dal panico di fronte all’eventualità di un’aggressione.

Funzionari statunitensi hanno avvertito domenica che un attacco russo potrebbe essere imminente e gli Stati Uniti , insieme a Canada, Germania e Regno Unito, hanno ordinato ai diplomatici di stanza nella capitale ucraina di Kiev di lasciare la città .

Giovedì, il Dipartimento di Stato ha anche avvertito che i cittadini statunitensi ancora in Ucraina dovrebbero lasciare immediatamente il Paese , e sabato il Pentagono ha ritirato gli addestratori militari statunitensi fuori dal Paese, ricollocandoli “altrove in Europa”, secondo il portavoce John Kirby . Gli Stati Uniti hanno ribadito che un’invasione russa dell’Ucraina comporterebbe pesanti sanzioni contro il sistema finanziario russo.

Ma mentre negli ultimi giorni ci sono stati sviluppi preoccupanti , in particolare in Bielorussia e nel Mar Nero , un’invasione su vasta scala non è ancora scattata e da settimane ormai, in netto allontanamento dalle dichiarazioni degli Stati Uniti, la leadership ucraina ha sollecitato calma da tutte le parti e affermando che la loro valutazione della situazione non corrisponde a quella degli Stati Uniti.

“Non ci sono carri armati nelle strade”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky alla fine del mese scorso . “Ma i media danno l’impressione che abbiamo una guerra, che abbiamo un esercito nelle strade… Non è così. Non abbiamo bisogno di questo panico”.

Anche altri coinvolti nella politica ucraina hanno espresso sgomento. “Sono molto filo-occidentale, ma il modo in cui queste notizie sull’invasione stanno venendo fuori mi ricorda [voci non verificate sui] canali russi di Telegram, su fonti anonime e informazioni dietro le quinte”, ha detto questo mese al Guardian un anonimo ex membro del parlamento ucraino .

Questo potrebbe essere il punto, ha detto a Vox Donald Jensen, direttore per la Russia e l’Europa presso l’Istituto per la pace degli Stati Uniti. “Il messaggio di Washington ha causato confusione in Russia”, ha detto Jensen, dicendo a Vox che i funzionari russi sono stati fuori gioco nelle discussioni diplomatiche nelle ultime settimane. 

“Probabilmente siamo più calmi di alcune persone in Occidente”

In Ucraina, la prospettiva di un’invasione russa ha provocato un’ondata di nazionalismo; nelle ultime settimane sono in corso manifestazioni in tutto il Paese a sostegno dell’indipendenza ucraina.

Sabato, secondo Reuters, gli ucraini si sono presentati a una massiccia manifestazione a Kiev, con migliaia di persone che portavano striscioni con messaggi come “Gli ucraini resisteranno” e “Gli invasori devono morire” sventolando bandiere ucraine.

Come ha sottolineato sabato Al Jazeera , la protesta è stata una drammatica dimostrazione di solidarietà, che ricorda le proteste di Euromaidan del 2014 quando gli ucraini hanno reagito contro un regime corrotto filo-russo a sostegno della democrazia.

“Siamo qui per dimostrare che non abbiamo paura”, ha detto ad Al Jazeera un manifestante, Nazar Novoselsky, mentre un altro ha fatto eco all’avvertimento di Zelensky contro il panico. “Il panico è inutile”, ha detto sabato la studentessa Maria Shcherbenko. “Dobbiamo unirci e lottare per l’indipendenza”.

Alcuni cittadini stanno facendo piani di emergenza ; secondo un recente rapporto del Wall Street Journal di James Marson, le vendite di armi a Kiev sono aumentate, così come le iscrizioni ai corsi di pronto soccorso. Molte aziende e privati ​​sono pronti a dirigersi a Leopoli, una città nell’Ucraina occidentale più lontana dal fronte di una potenziale invasione; “L’intero paese andrà a Leopoli”, ha detto a Marson Tetyana Kryva, residente a Kiev. “Sarà pieno.”

“È difficile dire che le persone non si fanno prendere dal panico e cercano di condurre la loro vita ordinaria”, ha detto a Vox Volodymyr Yermolenko, filosofo e scrittore che vive a Kiev. Tuttavia, guidando per la città domenica, ha detto: “Ho la sensazione che Kiev sia diventata più vuota. Non so se è a causa del Covid… È una specie di umore surreale”.

Yermolenko ha detto a Vox che “i cittadini si stanno addestrando in ogni città” con i gruppi di difesa territoriale dell’Ucraina, milizie cittadine addestrate dai militari.

Come sottolinea il Wall Street Journal , gli ucraini si sono spesso fatti avanti per far fronte a crisi sia interne che esterne; nel 2014, i manifestanti hanno formato una forza di sicurezza civile contro l’apparato di sicurezza dello stato e alla fine sono riusciti a costringere il presidente corrotto e amico del Cremlino Viktor Yanukovich ad abbandonare, sebbene più di 100 persone siano state uccise nella rivolta.

Quando le forze russe hanno annesso la Crimea nell’Ucraina meridionale lo stesso anno, le milizie volontarie si sono recate in prima linea e i volontari civili hanno tenuto i soldati vestiti, nutriti ed equipaggiati. Alcuni ucraini prevedono che dovranno intensificare in modo simile se la Russia dovesse lanciare una nuova incursione questo mese.

Vale la pena ripetere che gli ucraini hanno combattuto la Russia dall’annessione della Crimea nel 2014 e negli anni successivi sono state uccise circa 14.000 persone . “Gli ucraini sono abituati alla guerra” , ha detto a gennaio a Jen Kirby di Vox Oleksiy Sorokin , redattore politico e direttore operativo del Kyiv Independent . “Per otto anni, la Russia ha invaso l’Ucraina, ha cercato di immischiarsi negli affari interni ucraini. Quindi avere la Russia alle calcagna, avere questa costante minaccia che la Russia vada oltre, penso che molti ucraini ci siano abituati. Ecco perché probabilmente siamo più calmi di alcune persone in Occidente”.

Tuttavia, se la Russia dovesse lanciare una grande incursione, il ministro degli interni polacco ha affermato che la nazione si sta preparando per un afflusso di rifugiati ucraini dal conflitto, anche se non ha fornito ulteriori dettagli su quante persone ci si potrebbe aspettare.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net