giovedì, Maggio 26, 2022
Home > Mondo > Ucraina, tamburi di guerra: retroscena e prospettive

Ucraina, tamburi di guerra: retroscena e prospettive

ucraina

Ucraina, tamburi di guerra: retroscena e prospettive

UCRAINA – Le prove suggeriscono che la Russia stia pianificando “la più grande guerra in Europa dal 1945”. Lo ha dichiarato il primo ministro britannico, Boris Johnson, in un’intervista alla Bbc ai margini della Conferenza sulla sicurezza a Monaco. In un certo senso, “il piano è già iniziato”, ha aggiunto il premier secondo il quale le truppe russe non stavano solo progettando di entrare in Ucraina da est, attraverso il Donbass, ma dalla Bielorussia e dall’area circostante a Kiev.

Quando Volodymyr Zelensky si è candidato alla presidenza dell’Ucraina, si è trovato su una piattaforma di pace. Zelensky ha promesso di sedersi con Vladimir Putin e di raggiungere un accordo con la Russia. Avrebbe posto fine alla guerra impopolare nell’est e si sarebbe concentrato su importanti riforme interne. 

Il piano non ha funzionato. Quasi tre anni dopo aver ottenuto una vittoria schiacciante, Zelensky è un presidente sull’orlo della guerra. Circa 190.000 soldati russi sono in bilico ai confini dell’Ucraina. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha avvertito di un imminente attacco a Kiev . Un’offensiva militare del Cremlino – su vasta scala o di portata più limitata – sembra probabile, forse entro ore o giorni.

Boris Johnson, Emmanuel Macron e Olaf Scholz sono tra i leader europei che hanno visitato Kiev e hanno espresso sostegno al suo governo filo-occidentale. Sabato Zelensky ha incontrato il vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris, e Johnson alla conferenza sulla sicurezza di Monaco, dove si è discusso del destino dell’Ucraina e dalla quale la Russia era palesemente assente.

Gli analisti temono che, rifiutandosi di fare concessioni a Mosca, Zelensky stia guidando il suo paese verso il disastro. Sostengono che abbia bisogno di trovare una soluzione pragmatica al pericoloso stallo con Putin escludendo l’adesione alla Nato per l’Ucraina, almeno per ora. 

“I russi continueranno fino a quando Zelenskiy non avrà ricevuto il messaggio”, ha detto Vasyl Filipchuk, un ex alto diplomatico ucraino e portavoce degli affari esteri. “Vogliono che interrompa quella che vedono come retorica anti-russa. Una dichiarazione sulla Nato calmerebbe la situazione”.

Filipchuk si è detto sempre più preoccupato per la probabilità di un attacco russo. Da giovedì si è verificato un intenso bombardamento di artiglieria da posizioni separatiste. Diversi eventi presumibilmente sotto falsa bandiera – un’autobomba a Donetsk, un proiettile che atterra sul territorio russo – hanno alimentato i timori che un’offensiva russa sia inevitabile.

“I rischi del fuoco militare diretto ci sono. Ho messo le possibilità di una guerra a tutti gli effetti nel Donbas al 30%”, ha detto Filipchuk. “Zelensky non capisce la profondità del problema. È mal consigliato. E ha paura”.

Il rifiuto del presidente di scendere a compromessi sulla Nato si basa sulla sua paura dell’impopolarità, suggeriscono gli osservatori. Credono che sia terrorizzato da una reazione da parte dei sostenitori di Petro Poroshenko – l’ambizioso predecessore di Zelensky – e dei nazionalisti di destra. Negli ultimi mesi, i consensi una volta alti di Zelenskiy sono diminuiti, mentre il suo partito Servo del popolo si è ritrovato impantanato nello scandalo.

Evgeniy Kiselyov, giornalista di spicco e conduttore di talk show, ha dichiarato: “Un vero politico è colui che riesce a parlare in un momento di emergenza nazionale”. Il presidente “è rimasto indietro rispetto agli eventi” ed è stato “troppo” modellato dalla sua precedente carriera di attore famoso, ha suggerito Kiselyov.

In pubblico, i governi occidentali hanno espresso solidarietà a Zelensky. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e i lituani hanno inviato armi anticarro e armi difensive. Washington e Londra hanno definito la lotta dell’Ucraina con la Russia come una lotta di civiltà tra democrazia e autoritarismo. In gioco c’è il diritto di un paese sovrano di fare le proprie scelte di sicurezza e alleanze, rispetto a un modello imperiale obsoleto di sfere di influenza, riconoscono.

Ma dietro le quinte c’è stata anche l’esasperazione rispetto ai recenti atteggiamenti di Zelensky. Ha infastidito i suoi alleati, in particolare gli americani, respingendo le previsioni dell’invasione russa come provocazioni per la diffusione del panico e isteria mediatica. Questi scenari hanno danneggiato l’economia ucraina.

Zelensky ha anche accusato gli Stati Uniti di aver chiuso la loro ambasciata a Kiev e di aver trasferito il personale diplomatico, compresi gli ufficiali della CIA, nella città occidentale di Lviv. 

“Non credo sia una buona strategia. Non mordi la mano che ti nutre”, ha detto Kiselyov, riferendosi alla critica agli Stati Uniti di Zelensky. 

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net