sabato, Maggio 21, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” del 24 febbraio alle 21.25 su Rete 4: tra venti di guerra e crisi energetica

Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” del 24 febbraio alle 21.25 su Rete 4: tra venti di guerra e crisi energetica

dritto e rovescio

Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” del 24 febbraio alle 21.25 su Rete 4: tra venti di guerra e crisi energetica

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-3.png

La crisi energetica tra i venti di guerra e le conseguenti ripercussioni su bollette, benzina e rincari dei beni di prima necessità saranno alcuni dei temi al centro del nuovo appuntamento con “Dritto e Rovescio”, il talk show condotto da Paolo Del Debbio, in onda domani, giovedì 24 febbraio, in prima serata su Retequattro.

Nel corso della serata, ampio spazio alla situazione pandemica, con il possibile allentamento delle restrizioni nelle prossime settimane, e a un approfondimento sulle truffe tramite il superbonus del 110%. Infine, una pagina, con nuove testimonianze, sui casi di violenze da parte delle baby gang, che sempre più spesso assediano e spaventano le città di tutta Italia.

Tra gli ospiti della puntata: Alessandra Moretti, Maurizio Gasparri, Paola Nugnes, Bianca Laura Granato, Gianfranco Librandi, Augusta Montaruli e Diana De Marchi. 

Dritto e rovescio è un programma televisivo italiano di genere talk showpolitico e rotocalco, in onda su Rete 4 dal 7 marzo 2019 con la conduzione di Paolo Del Debbio, il giovedì in prima serata[1].

Il programma è giunto alla quarta edizione e va in diretta dallo studio 5 del Centro di produzione Mediaset di Cologno Monzese.

Paolo Del Debbio (Lucca2 febbraio 1958) è un saggistagiornalistaconduttore televisivoautore televisivoprofessore a contratto ed ex politico italiano.

È stato tra i promotori della fondazione[2] di Forza Italia nel 1994, di cui è stato direttore dell’Ufficio Studi nazionale.[2] In occasione delle elezioni regionali in Toscana del 1995, è stato candidato dalla coalizione del Polo per le Libertà per la presidenza della regione, risultando sconfitto. In seguito è stato assessore per le periferie e la sicurezza nella giunta comunale milanese guidata da Gabriele Albertini dal 1998 al 2001.