sabato, Maggio 21, 2022
Home > Mondo > I civili ucraini deportati in Russia: evacuazioni forzate e “campi di filtraggio”

I civili ucraini deportati in Russia: evacuazioni forzate e “campi di filtraggio”

i civili

I civili ucraini deportati in Russia: evacuazioni forzate e “campi di filtraggio”

Il 18 marzo, il giornalista ucraino Dmitry Gordon ha pubblicato un videomessaggio indirizzato agli ucraini che vivono nei territori occupati o circondati dalle truppe russe. Ha avvertito che esistono “due tipi di corridoi umanitari”: quelli organizzati dall’Ucraina e quelli organizzati dalla Russia, e ha esortato le persone a non utilizzare questi ultimi.

“Secondo le nostre informazioni, gli ucraini che lasciano i corridoi umanitari organizzati dalle autorità russe sono sottoposti a severi test. E finiscono nei cosiddetti “campi di filtraggio”, che sono stati creati esattamente come i famigerati campi dell’NKVD in epoca sovietica. Abbiamo molte informazioni sul fatto che i residenti di Mariupol, in particolare quelli che escono lungo i corridoi umanitari organizzati dalle autorità russe, sono finiti in gran numero in questi campi di filtrazione, dove sono torturati, molestati e il loro destino è avvolto nel mistero, ” ha detto Gordon. Non ha spiegato dove ha ottenuto queste informazioni. 

I tentativi di evacuare i civili dalle aree in cui sono in corso i combattimenti sono stati una questione chiave per tutto il mese di marzo: quasi ogni giorno, funzionari russi e ucraini hanno annunciato l’apertura o l’interruzione di corridoi umanitari. 

Le autorità ucraine hanno ripetutamente condannato le deportazioni forzate di cittadini ucraini in Russia, così come i campi di filtraggio presumibilmente progettati per estirpare chiunque abbia convinzioni filo-ucraine, personale militare e veterani della guerra del Donbas, tra gli altri. 

Il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk ha affermato che in questi campi “[le persone] vengono filtrate come nella Germania nazista, vengono smistate in affidabili e inaffidabili, i loro documenti vengono portati via e vengono controllati per i tatuaggi”, “e se, Dio non voglia, una persona ha qualcosa a forma di tridente o del nostro stemma, la persona scompare e non la si trova”. A sua volta, il consiglio comunale di Mariupol ha avvertito che i campi di filtraggio potrebbero essere utilizzati per cercare di estirpare ed “eliminare” i testimoni dei crimini di guerra russi.

L’intelligence militare ucraina ha riferito che i cittadini ucraini vengono inviati dai campi di filtraggio in parti lontane ed “economicamente depresse” della Russia, comprese le “regioni settentrionali” e Sakhalin. “Agli ucraini vengono offerti posti di lavoro ufficiali attraverso i centri per l’impiego. Coloro che sono d’accordo ricevono documenti che vietano di lasciare le regioni russe per due anni”, ha affermato la direzione principale dell’intelligence ucraina. L’esatta natura di questi documenti rimane poco chiara. 

Detto questo, il fatto che i rifugiati dall’Ucraina siano dispersi in tutta la Russia non è un segreto: il 12 marzo il governo ha adottato una risoluzione sulla “distribuzione” di quasi 100.000 persone in tutte le regioni della Russia. 

Secondo funzionari sia russi che ucraini, più di 700.000 persone provenienti dall’Ucraina sono finite in Russia (questa cifra include sia i residenti delle “repubbliche popolari” del Donbas che le persone delle aree controllate da Kiev). Le autorità russe riferiscono di “evacuazioni” tra le 10.000 e le 20.000 persone al giorno. Secondo i dati ufficiali , all’11 aprile circa 31.000 persone hanno alloggiato in “centri di accoglienza temporanea” in Russia. Una fonte dell’apparato di sicurezza russo ha detto a TASS che il resto degli “evacuati” (cioè centinaia di migliaia di persone) sta “con parenti e amici”.

Il commissario ucraino per i diritti umani Lyudmyla Denisova ha anche riferito che più di 700.000 ucraini sono stati portati in Russia. Tuttavia, la fonte TASS ha scomposto questa cifra in modo diverso, affermando che oltre 737.000 persone “dall’Ucraina e dal Donbas” avevano attraversato il confine, inclusi più di 200.000 cittadini russi, più di 400.000 “cittadini” dell’autoproclamato “Donetsk e Repubbliche popolari di Luhansk” e 117.000 “cittadini di altri paesi” (a quanto pare, quest’ultima cifra include cittadini ucraini). Non è chiaro se TASS e la sua fonte considerino o meno tutti i residenti delle regioni di Donetsk e Luhansk in Ucraina come “cittadini del DNR e dell’LNR” per impostazione predefinita. 

TASS ha anche riferito che 141.000 di questi “evacuati” sono bambini. A marzo, il presidente Vladimir Putin ha chiesto modifiche legislative che consentirebbero ai cittadini russi di adottare gli orfani del Donbas che non hanno la cittadinanza russa. A sua volta, il commissario ucraino per i diritti umani Lyudmyla Denisova ha accusato la Russia di aver rapito bambini ucraini, sottolineando che “Kiev non ha informazioni” a sostegno delle affermazioni secondo cui i bambini che verranno dati in adozione in Russia sono in realtà “orfani o senza cure parentali”. 

La Russia nega categoricamente i rapporti dell’Ucraina sulle deportazioni forzate, insieme a tutte le altre accuse mosse contro le forze russe durante la guerra (come l’uccisione di civili con bombardamenti indiscriminati, esecuzioni sommarie, attacchi alle aree residenziali e alle infrastrutture civili e così via). 

Il 12 aprile, la commissaria russa per i diritti umani Tatyana Moskalkova ha dichiarato che “non c’è mai stato un trasferimento forzato di rifugiati in Russia […] questa è una bugia”. “Ho parlato personalmente con quelli dei centri di accoglienza temporanea. La gente ha raccontato di come le forze ucraine li hanno radunati negli scantinati e li hanno usati come scudi umani, la gente voleva rifugiarsi in Russia”, ha affermato Moskalkova.

Le persone che sono state “evacuate” dall’Ucraina alla Russia hanno confermato le accuse di coercizione e “filtrazione”, secondo una serie di testimonianze pubblicate dai media. I resoconti dei rifugiati portati in Russia da Mariupol e dalle aree circostanti sono stati pubblicati, tra gli altri, dalla CNN e da Current Time TV .

Alcuni di questi testimoni oculari hanno detto che le forze russe sono arrivate nei luoghi in cui si stavano riparando dai bombardamenti e hanno ordinato loro di evacuare; altri sono stati costretti ad andare ai posti di blocco russi perché era fisicamente impossibile per loro evacuare in territorio ucraino. Alcuni hanno descritto di essere stati sottoposti a pressioni psicologiche da parte delle forze russe, che hanno detto loro che “l’Ucraina non si preoccupa per te” e “nessuno ti evacuerà da qui”. Le notizie britanniche affermano che i rifugiati di Mariupol sono stati obbligati a firmare documenti in cui si affermava che l’esercito ucraino stava bombardando la città, e poi è stato detto loro che non potevano più tornare in Ucraina a causa della minaccia di persecuzione (l’autenticità di questi documenti non è stata confermata).

Secondo inews, i rifugiati sono stati prima trasportati nei centri nei territori del Donbas controllati dalla Russia, dove sono state prese loro le impronte digitali, sono stati fotografati, controllati per “tatuaggi sospetti” e interrogati. Le autorità russe hanno anche preso i loro telefoni per lo screening e hanno scaricato i loro contatti. Una donna di 24 anni di nome Anna ha detto di essere stata interrogata sulla politica, il suo atteggiamento nei confronti del “DNR” e della Russia e se avesse o meno parenti nell’esercito ucraino o nel reggimento Azov. Cosa sia successo a coloro le cui risposte sono state “insoddisfacenti” alle autorità russe non è chiaro. 

Un uomo di nome Artem, il cui fratello è stato ucciso durante il bombardamento di Mariupol, ha detto a Current Time TV che lui e la sua famiglia hanno aspettato in fila per la “filtrazione” per quattro giorni. Ha descritto le condizioni nel villaggio di Starobesheve (regione di Donetsk), dove si trovava il centro di filtrazione: i rifugiati dormivano sul pavimento di un’aula magna e venivano nutriti con “spaghetti, biscotti e tè istantanei”. “Ma dato che a Mariupol eravamo seduti in un seminterrato e abbiamo sofferto la fame per 20 giorni, vivendo solo di miele, ero più che felice di mangiare [tagliatelle]”, ha detto. 

Sulla base delle testimonianze dei rifugiati, il viaggio in Russia può comprendere diverse fasi e includere lo spostamento tra diversi centri di detenzione temporanea. Prima di attraversare il confine, agli ucraini vengono rilasciate carte di immigrazione e, secondo un account, documenti per ricevere un pagamento di 10.000 rubli, circa $ 120 (questo è disponibile per coloro che intendono richiedere asilo in Russia).

Anna, la cui storia è stata pubblicata dall’organo di informazione bielorusso indipendente Zerkalo, ha affermato che prima di entrare in Russia, l’autobus di evacuazione è rimasto al confine, al freddo, per quasi nove ore (“praticamente tutta la notte”). Lei e molte altre persone sono state poi interrogate al confine. “[Un ufficiale dell’FSB] mi ha interrogato per un’ora. […] Mi ha messo molta pressione. Cercava con insistenza di tirare fuori qualcosa [da me], ma non capivo cosa. Quel momento è stato spaventoso. Non ho capito cosa ho fatto per meritarmi questo”, ha detto. 

Come risulta dalle testimonianze, dopo aver attraversato il confine, le persone vengono trasportate in gruppi in centri di detenzione temporanea in diverse parti della Russia. Tuttavia, chi ha amici o parenti in Russia è riuscito a evitarlo, almeno secondo coloro che hanno parlato con i giornalisti. 

Dmitry, 21 anni, ha detto che al suo arrivo nella città russa di Taganrog, gli è stata data una carta SIM, cibo e articoli da toeletta. Poi lui e gli altri rifugiati sono stati portati in un centro di accoglienza nel Sakharezh Health Resort nella regione di Yaroslavl. Una volta lì, secondo Dmitry, gli arrivi dall’Ucraina sono stati registrati come richiedenti asilo, hanno ricevuto carte di credito russe, hanno offerto lavoro e sono stati interrogati ancora una volta. “Penso che stiano cercando di assimilare noi”, ha detto.

Il 1 aprile, il sito di notizie locale Yarnovosti ha corroborato questa testimonianza in un rapporto su una “fiera del lavoro” presso il Sakharezh Health Resort, dove i rifugiati di Mariupol hanno appreso delle posizioni disponibili e hanno persino avuto “interviste preliminari”. L’articolo citava una donna che affermava che lei e suo marito “hanno scelto alcune delle opportunità di lavoro più interessanti” e che erano stati promessi documenti che avrebbero consentito loro di ottenere asilo temporaneo in Russia. La coppia ha pianificato di “richiedere immediatamente la cittadinanza [russa] con il sistema facilitato”, ha affermato. 

Secondo Dmitry, ha ottenuto una carta bancaria russa in modo che i suoi parenti russi potessero trasferirgli denaro in rubli. Ha poi comprato un biglietto del treno per Mosca. Da lì si è recato nella città di confine di Ivangorod e attraversò l’Estonia senza passaporto. Anche un altro rifugiato intervistato dalla CNN ha lasciato la Russia per l’Estonia; Artem, l’uomo intervistato da Current Time TV, è riuscito a fuggire in Finlandia. 

Fonte: https://meduza.io/en/feature/2022/04/13/they-re-trying-to-assimilate-us

Meduza è un organo di informazione russo indipendente, che sta dando con grande professionalità il proprio racconto della guerra in Ucraina

Leggi di più:

https://meduza.io/en/feature/2022/04/13/if-you-re-not-afraid-of-the-snipers-go: Nella città russa di Azov, Meduza incontra i profughi fuggiti dall’assedio di Mariupol

Foto tratta dal profilo Facebook del presidente ucraino Zelensky: Volodymyr Petrov, Serhii Korovainyi, Diego Herrera, Marian Kushnir, Laurel Chor, Heidi Levine

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.