sabato, Maggio 21, 2022
Home > Mondo > Ucraina, nuova escalation della guerra dopo 50 giorni di ostilità

Ucraina, nuova escalation della guerra dopo 50 giorni di ostilità

ucraina

Ucraina, nuova escalation della guerra dopo 50 giorni di ostilità

Questa mattina sono state segnalate esplosioni nella capitale ucraina Kiev e nella città occidentale di Leopoli, suscitando preoccupazione per il fatto che la Russia stia intensificando gli attacchi all’Ucraina come rappresaglia per l’affondamento del suo incrociatore Moskva da parte delle forze ucraine.

La Russia ha affermato di aver distrutto gli edifici di produzione di uno stabilimento di veicoli blindati a Kiev e di un impianto di riparazione militare nella città di Mykolaiv.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo ultimo discorso notturno alla nazione ha affermato che le sanzioni alla Russia sono molto significative ed economicamente dolorose, ma non sono ancora sufficienti perché “la macchina militare russa rimanga senza mezzi di sussistenza”. Ha anche detto a un media ucraino di non avere “fiducia” nei negoziatori russi di Mariupol.

Il ministero della Difesa del Regno Unito afferma che le strade e altre infrastrutture dell’Ucraina sono state gravemente danneggiate dalle truppe russe e ciò rappresenta ora una sfida significativa nel fornire aiuti umanitari ad alcune aree.

Le donazioni all’Ucraina hanno raggiunto quasi 924 milioni di dollari

Le donazioni all’ Ucraina hanno raggiunto quasi 924 milioni di dollari, secondo una dichiarazione dell’amministrazione del presidente Volodymyr Zelensky.

La maggior parte delle donazioni proviene dal Regno Unito, che rappresenta il 47% dei fondi. I filantropi nei Paesi Bassi hanno contribuito per quasi il 18%, mentre gli Stati Uniti rappresentano quasi l′8% dei fondi totali. I donatori nella Repubblica Ceca hanno contribuito per l′11%.

Andriy Yermak, il capo dell’ufficio del presidente, ha affermato che i fondi andranno principalmente alle Nazioni Unite e alle organizzazioni umanitarie internazionali. Più di 4,8 milioni di ucraini sono fuggiti dal Paese dall’inizio della guerra, secondo i dati dell’Onu .

Zelensky minaccia la fine dei negoziati

L’eventuale distruzione delle forze ucraine che ancora difendono la città di Mariupol, assediata dalle truppe russe, “metterà fine ai negoziati con la Russia”.

Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “La distruzione del nostro esercito, dei nostri ragazzi”, è la preoccupazione di Zelensky che aveva ammesso l’esistenza di una trattativa per la sorte delle truppe che difendono Mariupol di cui i russi chiedono la resa. Zelensky ha detto di temere un massacro dei prigionieri da parte delle truppe russe.

Un portavoce del governo britannico ha risposto al divieto di ingresso da parte della Russia di alcuni funzionari britannici, dicendo che la nazione era “risoluta” nel sostenere l’Ucraina.

“Il Regno Unito ed i nostri partner internazionali sono uniti nel condannare le azioni riprovevoli del governo russo in Ucraina e nel chiedere al Cremlino di fermare la guerra”, ha affermato il portavoce in risposta al Cremlino che esclude i massimi leader della nazione, secondo Reuters. “Rimaniamo risoluti nel nostro sostegno all’Ucraina”.

La campagna militare russa potrebbe entrare nella fase successiva in pochi giorni

Le truppe russe potrebbero iniziare la prossima fase della campagna militare del Cremlino nei prossimi giorni, secondo quanto riportato da NBC News .

L’intelligence statunitense ritiene che l’esercito russo potrebbe iniziare a riportare alcune forze in Ucraina questo fine settimana o all’inizio della prossima settimana, ha riferito NBC News, citando due alti funzionari della difesa statunitensi.

Le forze russe si erano ritirate da Kiev e dall’Ucraina settentrionale. I funzionari dell’epoca si aspettavano che le truppe si riorganizzassero e iniziassero un’offensiva nella regione del Donbas e nell’Ucraina sudorientale. Ora, tuttavia, l’esercito russo potrebbe riportare le truppe in Ucraina prima che tutte le sue truppe siano pronte a combattere di nuovo, ha riferito NBC News.

L’amministrazione militare ha esortato su Telegram i residenti di Kiev a non tornare a casa poiché le truppe russe hanno ripreso a bombardare la capitale e l’intera regione. Lo riporta Ukrinform.

Ogni giorno 40-50mila persone tornano nella capitale, il che rappresenta una minaccia per la sicurezza della popolazione, ha detto l’amministrazione. Il capo dell’amministrazione militare regionale di Lugansk, Serhiy Haidai, ha invitato i residenti ad evacuare mentre la situazione sul terreno peggiora, con le forze russe che sparano sui civili: lo riporta l’Ukrayinska Pravda.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net